martedì 17 ott
  • Arrestato il rosticciere Ganci per furto di energia elettrica

    Il rosticciere Nunzio Ganci, uno dei titolari della catena di rosticcerie che portano il suo cognome, è stato arrestato e condannato a sei mesi di reclusione e 200 mila euro di multa per furto di energia elettrica.

    Il locale dove è stata riscontrata l’irregolarità è alla Cala.

    Palermo
  • 26 commenti a “Arrestato il rosticciere Ganci per furto di energia elettrica”

    1. Premetto che non sono mai stato uno schifiltoso,ma una volta in una loro rosticceria chiesi cosa ci fosse indicando un pezzo di rosticceria.L’impiegato(aprendo con dito INGRASCIATO DI NERO,ERA GRASSO):”CAIRNE”.Salutai E MAI PIU’ MISI PIEDE in una loro rosticceria.Ma andassero a quel paese!

    2. Ma quello comunque non è il ganci originale…

    3. hanno sempre il pienone, gente a tutte le ore, non gli manca niente e poi fanno i pezzenti così.. sono dei pezzenti nell’anima, loro e tutti quelli come loro. PEZZENTI!! come quelli che non pagano il biglietto sulla 101 PEZZENTI. Una città di PEZZENTI!
      che schifo!

    4. giosafat il discorso sugli autobus è un discorso a parte. Gli autobus non passano, la gente aspetta alle fermate botte di ore, io pago se il servizio funziona.

      p.s Il biglietto lo pago per non creare problemi, ma a malincuone

    5. @Alessandro: grazie per la segnalazione. Provvederemo immediatamente a licenziare l’impiegato da lei segnalato, non prima di avergli amputato il dito incriminato.

    6. Mischino il signor Ganci non arrivava a fine mese. Non gli bastava il locale pieno, la mancata emissione di scontrini e chissà cos’altro. Ha pensato bene di risparmiare sulla bolletta per recuperare qualche briciola.
      Sicuramente per ritorsione alzerà ad 1 euro il costo della rosticceria.

    7. @corna rura, sì come se non ho mai visto ragazzetti col capello gellato e la “musica” a palla pavoneggiarsi di essere senza biglietto perché non hanno bisogno di pagarlo. Poi quando sale il controllore scendono tutti alla prima fermata. PEZZENTI!

    8. @Ganci Grazie,molto gentile,se voleste invece provvedere a tagliargli la testa sarebbe molto meglio.Se si facessero BENE i controlli sanitari nei locali palermitani,ci si accorgerebbe che il 90% degli stessi locali chiuderebbero all’istante. Ma ovviamente siamo a Palermo,figuriamoci se si possono fare le cose per bene.A lei una buona giornata.

    9. ahahahahahhahahahahahahahha che pezzente!

    10. L’offerta di oggi :1 pezzente 1 euro

    11. Ahahahaha,bella questa:un pezzente 1€ :))

    12. e comunque è risaputo che a palermo il contatore negli spazi comuni non si deve tenere, molto meglio dietro il quadretto di padre pio all’ingresso di casa, sennò ti si viene ad allacciare tutto il quartiere!

    13. @Giosafat Correzione:hanno il locale sempre pieno proprio perchè si allacciano alla rete elettrica abusivamente.Se non l’avessero fatto avrebbero avuto meno gente,altrimenti come avrebbero fatto prezzi così bassi?

    14. 200 MILA euro? Sempre più affidabile questo sito, le cose giuste…

    15. In effetti l’ammenda è stata di appena 200€.Va beh va,c’erano appena tre zeri in più,cosa volete che siano gli zeri? :))

    16. Maria, chi cunfusiuone!!! La MULTA (l’ammenda si applica per altri reati) e’ stata, come correttamente puntualizzato, di soli 200 euro. Suggerisco a chi posta le notizie di dare una sbirciata al codice penale prima di sparare AD MUZZUM (la multa prevista per il furto e’ compresa tra i 154 e i 516 euro), non e’ un errore imperdonabile ma anche cosi’ si fa disinformazione.

    17. Disinformazione? Beh… è una delle specialità di questo sito 🙂

    18. Si tratta certamente di uno spiacevole errore e ce ne scusiamo. Da qui a giungere a conclusioni di scarsa affidabilità o disinformazione (vista anche la quasi inesistente quantità di errori di questo tipo su Rosalio) la strada è lunga. Ed errata. Saluti.

    19. Le 200 mila euro, forse, non sono la multa per il reato come da codice per furto, ma, quella dovuta all’Enel per la perdita del guadagno dovuta al furto elettrico, che si calcola in base al tipo di attività. Un macellaio ad esempio ho saputo che ha pagato € 20.000,00

    20. Oggi era aperto. Mah! Doveva stare chiuso per un anno almeno. Arrestato? Si ai domiciliari magari in una supervilla a Mondello acquistata con illeciti guadagni.

    21. @ corna rura: se tutti pagassero il biglietto forse le cose potrebbero funzionare meglio non credi?

    22. Nooooooooo Ganci alla Cala nooooooooooooo!
      Il mio preferito!
      Tornati dalla Vacciria alle 4 di mattina era l’unico pronto a saziare la fame chimica!
      ma perchè? perchè sono sempre i più poveri ad essere colpiti?
      e i ricchi ? i ricchi non si allacciano pure alle energie dei più poveri ingiustamente? perchè non arrestano i ricchi che si allacciano abusivamente alle nergie dei più poveri.

    23. Queste notizie lasciano l’amaro in bocca….
      Non oso pensare chi o come verrà fatto il lavoro che queste persone hanno fatto finora…

    24. milio
      non ho capito se tra i piu` poveri ti ci metti tu o il tuo ristoratore.
      Per bloccare i morsi della fame,ti consiglio di portarti dietro un cetriolo,un ravanello,e roba simile.Anche il pane duro va bene.

    25. @milio Ma fammi capire:tu sei uno dei tipici palermitani che,basta che gli si “attuppa” la bocca con pane e panelle,oppure crocchè o cannoli,se ne fregano se poi qualcuno frega i soldi di tutti?? Lo sai,no,che oggi hanno denunciato un altro ristoratore di Sferracavallo(mischini,sempre loro sono,commercianti e ristoratori,ce l’hanno tutti con loro)che aveva denunciato 1€ di reddito e poi girava con una Porsche Cayenne(60000€!!!!)? Se ti fa piacere tutto questo,continua a mangiare e non vedere,come ho detto nel mio precedente post,SE si facessero i controlli adeguati,il 90% dei locali palermitani chiuderebbero all’istante,e quest’ultimo caso lo conferma!

    Lascia un commento (policy dei commenti)