lunedì 20 nov
  • Berlusconi su Dell’Utri da Santoro: “Il difetto è essere nato a Palermo”

    Berlusconi su Dell'Utri da Santoro: “Il difetto è essere nato a Palermo”

    È polemica dopo una frase dell’ex premier Silvio Berlusconi pronunciata durante la puntata di ieri di Servizio pubblico, il programma di Michele Santoro in onda su LA7. A proposito di Marcello Dell’Utri, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, Berlusconi ha detto: «L’unico difetto di Dell’Utri è quello di essere nato a Palermo».

    Che cosa ne pensate?

    AGGIORNAMENTO: il sindaco di Palermo Leoluca Orlando è intervenuto sulla questione e ha dichiarato: «La battuta fatta ieri dell’on. Berlusconi che, ha tentato di difendere il senatore Marcello Dell´Utri invocando a scusante del suo comportamento l’essere nato a Palermo, non è un’offesa alla città di Palermo, ma è un’offesa all’intelligenza di tutti gli italiani. L’on. Berlusconi ha dimostrato di valutare le persone non per meriti, errori o difetti, ma solo in base al luogo di nascita. È un’ulteriore dimostrazione della sua cultura razzista che discrimina e valuta le persone in base al luogo di nascita, all’ideologia politica e alla fede religiosa».

    Palermo
  • 51 commenti a “Berlusconi su Dell’Utri da Santoro: “Il difetto è essere nato a Palermo””

    1. Una delle poche cose infelici (ma fortemente infelice e offensiva) pronunciate ieri. Per il resto stre-pi-to-so.

    2. A me è sembrato di capire, ascoltando questo passaggio, che il povero ometto intendesse dire che l’unica colpa di quello che lui considera un mirabile esempio di integrità, cultura e affabilità, ovvero Dell’Utri, è quella di essere nato in una città dove a causa di pregiudizi e preconcetti è facile essere accusati di mafia quando si fa attività politica. In questo senso io non ho colto sinceramente l’offesa, mentre ho trovato come sempre spre-ge-vole, mi-se-re-vo-le ed infinitamente tri-ste il resto della sua performance.

    3. non capisco come in sicilia possa essere osannato quest’uomo (berlusconi), ha usato il voto dei siciliani per spartirsi il potere e gli interessi
      con la lega

    4. strepitoso.. a fare il clown! dopo la lettera di travagliato non sapeva come controbattere punto su punto e se ne è uscito inscenandoo un misero teatrino da avanspettacolo

    5. Travaglio*

    6. Fermo restando che Berlusconi è stato stre-pi-to-so solo nell’e-lu-de-re tutte le questioni di puro contenuto politico mosse durante il confronto, sono assolutamente d’accordo con la prospettiva di Luca. Era un artificio retorico. Con tutte le cose gravi da rimproverargli si è scelta proprio la più inutile

    7. quello che scrivero` potra` turbare qualche suscettibilita`.
      E` inutile ed un po` da vigliacchi cercare di sminuire l`ex premier,con aggettivazioni piu` o meno offensive inerenti la statura fisica o l`eta`anagrafica.
      Per venti anni lo avete votato,lo avete votato!
      Ancora una volta
      si e` presentato uno contro tutti in un ambiente ostile che aveva predisposto tante trappole,ed ha controargomentato su ogni attacco.
      Quando afferma che questo e` un paese ingovernabile,lo spiega,e nessuno replica.
      Quando afferma che nel 2009 nessuno poteva prevedere una crisi internazionale come quella che stiamo vivendo,chi puo` dargli torto?
      Quando parla di 56.000 collaboratori a libro paga, e del fatto di essere il I contribuente italiano,chi puo` negarlo?
      Adesso sono molti gli italiani che rimpiangono i tempi del suo governo,si stava meglio quando si pensava di stare peggio.Certo la ricetta Monti avra` salvato il paese dal default,ma intanto ha costretto tantissime imprese a chiudere.
      Io credo che la sua posizione moderata gli fara` riavere i voti di tanti che si sono astenuti.
      In questa trasmissione penso che abbia recuperato molte posizioni.
      Adesso lo scenario politico appare variegato e molto confuso ed e` difficile azzardare previsioni.Ci sono esponenti politici dall’aspetto truce.E` mai possibile che non si rendano conto di essere impresentabili?
      Una persona truce,non convincera` mai nessuno a votarlo.Molti si sforzano di sorridere,ma diventano maschere.
      Presenze oscure e poco rassicuranti.

    8. Antony, il problema vero è che in quella trasmissione non si è fatta informazione. Santoro ha fatto audience (e quindi ha vinto) Berlusconi ha fatto l’eroe contro tutti (e quindi ha vinto). Ma noi? Abbiamo sentito domande su programmi? su soluzioni concrete? su aspetti reali? Da 20 anni a questa parte la campagna politica è diventata solo una guerra contro la persona. Che la persona sia il “delinquente” Berlusconi, il “comunista” Vendola, l'”indeciso” Bersani poco importa. Mai si parla del fare. Solo del distruggere (la casta, l’avversario, l’Europa).
      Mancano i programmi e, soprattutto, i modi per attuare tali programmi.
      Lo stiamo vedendo con Crocetta: sono passati già molti mesi ma sentiamo solo proclami. Nessun atto concreto.

    9. Ha fatto bene il Sindaco Orlando a fare una dichiarazione senza esitazione subito dopo questa pesante frase. Proprio l’on. Berlusconi non può permettersi queste illazioni!
      Un plauso al nostro Sindaco se si sente di procedere nel dare mandato all’avvocatura comunale nello sporgere querela per diffamazione.

    10. Io credo invece che la frase non abbia avuto accezioni ed intenzioni negative. Ovvero dice una verità, che l’essere nato a Palermo è una pregiudiziale nel resto d’Italia. E che quindi si è più propensi a trovare un mafioso in un palermitano che in altro cittadino italiano. è triste, ma è vero.
      Per il resto non sono mai stato elettore di Berlusconi, ma certamente ieri se hanno vinto entrambi lui ha dimostrato di essere una personalità sopra la media, da solo in campo ostile.
      Sinceramente da Santoro e Travaglio mi aspettavo più cinismo.
      Ha preso un solo schiaffo per la verità, quando nella questione bundesbank Deutsche Bank, i giornalisti avevano entrambe le lettere, in quello sono stati bravi.

    11. ma si`,tanto sa fare solo processi.Come se non avessimo un arretrato di dieci milioni di processi.
      Spero che prima o poi ti rendi conto che in ogni
      tuo commento c`e` l`elogio ad Orlando.
      Ma cosa ti frutta?

    12. Kersal
      vari argomenti sono emersi con chiarezza.
      Ad esempio
      Il proposito di eliminare l’IMU I CASA
      e quello di detassare il lavoro giovanile.
      La modifica della legge elettorale
      e la revisione della Costituzione per dare piu` potere al Premier.

    13. Caro Antony, io sono una ragazza della Orlando Generation, ero una giovane negli anni della primavera palermitana di Orlando, ho visto il declino dell’era Cammarata, e adesso vedo di nuovo la luce grazie al nostro amato Sindaco, ai primi posti tra i sindaci più amati dai cittadini.
      Non guadagno nulla, ma se tutti quelli che parlando male di Orlando, se lo conoscessero davvero lo amerebbero.

    14. Nessuno pero` ha fatto osservare che
      un discorso andrebbe fatto per chi ha il mutuo da pagare ed una situazione familiare precaria,
      e tutto un altro discorso per chi di case ne ha tante,le ha pagate,ed ha anche un reddito notevole.
      C`era bisogno dei tecnici per fare ragionamenti cosi` grossolani,
      esodati a parte?

    15. Io non so se i tuoi interventi tanto esplicitamente plateali fanno bene all`immagine di Orlando,sindaco eletto in una tornata elettorale in cui il sessanta per cento di cittadini si e` astenuta dal votare.
      Se avessimo un sindaco ingegnere o architetto
      forse avremmo meno crolli di edifici
      e meno inutili processi in Tribunale..

    16. nonche` meno sfilate di damine e cavalieri…

    17. Orlando Generation è un mio modo di dire, riferito a tutta la generazione di ragazzi nati di pari passo con la bellissima esperienza civile e politica di Orlando.
      Io sono una semplicissima coscienzosa cittadina palermitana.

    18. Stre-pi-to-si: Totò & Peppino 🙂

    19. forse volevi scrivere una inopportuna provocatrice.

    20. Nessuno nel 2009 nessuno poteva prevedere una crisi internazionale come quella che stiamo vivendo? Ma che dici? Vivi in un eremo sul crinale dell’Hindukush? La crisi dei mutui subprime scoppia se non ricordo male in autunno 2006 ed è subito chiaro, anche per un ignorante come me, che quella crisi avrebbe innescato una crisi molto più grave a causa della stretta relazione tra mutui subprime e titoli finanziari derivati gestiti da entità autoreferenziali che operano sui mercati tramite algoritmi gestiti da calcolatori collegati tra loro per via telematica, dunque alla velocità della luce. Semmai mi ha sorpreso il ritardo, ero convinto che la crisi si sarebbe propagata più rapidamente ma gli interventi del governo americano e della FED hanno rallentato la crisi e le grandi istituzioni bancarie e finanziare hanno spacchettato, riconfezionato e ridistribuito i derivati, e ora le banche accumulano e non investono perché hanno in carico titoli deprezzati a zero e devono risanare i bilanci, a parte il fatto che in Italia a causa della legge voluta da un tizio stre-pi-to-so non è reato falsificare il bilancio, che per la banca è uno dei documenti essenziali per valutare il merito del credito. In tutto ciò le banche già dagli inizi del terzo millennio sono assoggettate al complesso di regole Basilea (1 poi 2 e di recente 3) che sono state concepite per valutare la capacità degli intermediari di gestire i rischi che assumono. Io non capisco nulla di banche e finanza e queste cose le ho capite già nel 2006 e non le ha capite il tizio stre-pi-to-so? Tutto è possibile: a pensarci bene nel 1994 la sua ditta stava per fallire…

    21. troppo facile ragionare col senno del poi…

    22. I pregiudizi sono reali, e a quelli si riferiva berlusconi (preciso che lo considero un saltimbanco grottesco, non voto per lui né per altri, astenuto cronico) anche se non dicono la verità, tutta la verità, nel senso che gli stessi pregiudizi non si usano per gli scandali della sanità lombarda, gli scandali finanziari, tangentopoli, tutti scandali non molto diversi dalla mafia per i loro scopi.
      Orlando Cascio piuttosto che querelare l’aria fritta (peraltro gli darebbe visibilità ma non positiva, se non interpreta nel senso giusto l’intendimento di berlusconi, peraltro poco credibile da parte di un uomo intelligente come Orlando) si occupi della munnizza che oltre a quei contenitori in metallo, grigio sporco, brutti, luridi, vomitevoli, la munnizza è sparpagliata in tutta la città, su strade marciapiedi aiuole piante alberi, che sembra neve piovuta dal cielo. E vetri ovunque tra le balate. E si occupi anche dei disservizi.

    23. Mi riferisco agli scandali finanziari e tangentopoli che sono, ovviamente, specialità lombarde, regione che ne detiene una sorta di copyright.
      Non intendo, ovviamente, negare la mentalità mafiosa, ma è giusto dare ad ognuno il SUO pregiudizio.

    24. Mi riferisco agli scandali finanziari e tangentopoli che sono, ovviamente, specialità lombarde, regione che ne detiene una sorta di copyright.
      Non intendo, ovviamente, negare la mentalità mafiosa realmente presente in parte di popolazione siciliana (che condiziona la vita della maggioranza), ma è giusto dare ad ognuno il SUO pregiudizio.

    25. @Antony: senno di poi? Sappi, o uomo 🙂 che durante l’inverno 2006 nel corso di una cena tra amici litigai aspramente con uno di loro che mi apostrofò con vari epiteti, da ignorante a idiota etc in quanto io sostenevo che la ricchezza americana era fondata sul debito dunque apparente e perciò la crisi immobiliare (subprime) avrebbe travolto prima loro e poi noi a causa dell’interconnessione dei sistemi finanziari. Abbiamo fatto pace (mi sono offeso) dopo anni 🙂 Se lui legge questo articolo non potrà che confermare. E ripeto che non lavoro nel settore bancario o finanziario, era sufficiente osservare i fenomeni con visione sistemica ma, si sa, chi guarda l’albero e non vede la foresta. E ti dirò di più: quando a metà anni ’90 iniziò lo sviluppo delle reti telematiche in Cina i miei clienti erano eccitati dall’idea di aprire attività a Shangai, a qualcuno di loro dissi che ci stavamo dando la zappa sui piedi e spiegai perché, ovviamente per linee generali dato che non sono un economista, mi dissero che avevo una visione ristretta e che un imprenditore rischia, no? E infatti rischiarono e già nel 2003 questi miei ex clienti chiusero i battenti per fallimento… e la Cina che è stata ammodernata da noi occidentali sta distruggendo i nostri mercati. Non è stato un caso, c’era dietro una strategia geopolitica atta a sostenere il modello economico americano basato sul debito pubblico, un creditore ragionevole non distrugge con una guerra il suo debitore, resta il fatto che che dei finti ricchi stanno diventando dei veri poveri, e checché nei dica il tizio stre-pi-to-so ciò era evidente già 20 anni fa, purtroppo non per il tizio in questione, palazzinaro riciclatosi nell’apparente mondo dei media: non poteva far di meglio, un attore consumato. Dei due, chi era Peppino e chi Totò? 😀

    26. Nel merito del difetto, il tizio stre-pi-to-so non credo che avesse intenzioni offensive, è un fatto che le sue battute lasciano allibiti ma il personaggio è questo. Ricordo quella rivolta a Martin Schulz “la suggerirò per il ruolo di kapo” Totò o Peppino? Secondo me Totò, Peppino è l’altro 😀

    27. Se l’Italia è un paese ingovernabile….figuriamoci la nostra bella Palemmo….una città allo sbando dove tutti possono far quel che vogliono ignorando regole e buon senso.
      Qui occorre un cambiamento SERIO!!Quindi ben vengano le idee di Grillo!!Il resto solo chiacchere…

    28. grazie x il link ,ma,andiamo per ordine.
      “…Ricchezza americana basata sul debito,quindi apparente…”
      A parte il fatto che il tesoro americano ha riserve auree immense,e che ha liberta` di stampare moneta e regolarne la liquidita` sui mercati come e quando vuole,il fatto che le famiglie americane siano indebitate non fa che sostenere i consumi = aumento del pil = ridurre i periodi di crisi,e la perdita di posti di lavoro.Gli indicatori socio economici in quel paese hanno una ricaduta immediata sugli indici di borsa,che quindi fa da regolatore del sistema.
      Il governo USA ha mani abbastanza libere e se decide di salvare la Bank of America o la Chrysler
      lo fa in tutta autonomia,cosa che noi non riusciamo a fare.
      Le statistiche dicono che 8 su 10 brevetti fondamentali che hanno rivoluzionato il modus vivendi dei comuni mortali,sono americani.
      Molti dei nostri migliori laureati hanno trovato in America le porte spalancate.
      C`e` un settore in cui gli USA hanno dissipato ricchezza,energie,e sacrificato la vita di migliaia di giovani.

    29. continue…
      la guerra in Medio Oriente.Le grandi spese militari hanno limitato il Welfare che si sarebbe potuto realizzare a favore dei ceti emarginati,a partire dall`assistenza sanitaria.

    30. Sono d`accordo che abbiamo esportato Know-How verso la Cina.Tante imprese italiane saranno pur fallite dislocandosi in Cina,pero` noi occidentali oggi possiamo contare su miriadi di prodotti di consumo a prezzi per noi accessibilissimi.
      Ma,poiche` rischiamo di andare in OT,potremmo continuare questa conversazione in un post apposito.

    31. Stre-pi-to-so, grandioso. Berlusconi ha vinto ancora una volta”
      C’è qualcosa di vero in tutto questo, secondo me.
      Un perdente, che conserva comunque un aura di grandezza. Grandezza patetica, ignobile, sciagurata, ma pur sempre grandezza.
      E’ ancora lui, anche in questa sua ormai scontata sconfitta, l’eroe di un mondo senza ideali, senza remore e senza neppure l’istinto di sopravvivenza.
      La capacità, ridicola sì, ma non meno grandiosa, di rimettersi in pista, tornare a desiderare le donne giovani e il “denaro” e i simboli di una ricchezza materiale. Che comunque non può più esibire, perchè si sente impossibilitato a corrispondere ai criteri minimi della bellezza esteriore imposta dalla società dello spettacolo.
      Questa capacità fa di Berlusconi un individuo comunque “resistente”: sebbene sia stato abbandonato, sebbene la sua squallida ma sostanziale sensibilità sia stata ferita a morte, lo si rivede di nuovo all’opera. Vecchio e stravolto ma infaticabile, a recuperare crediti. A raccattare monetine di credibilità nella sabbia dell’ultima televisione possibile.

    32. Antony!! Ma tu la storia la conosci? Le riserve auree americane sono solo una frazione ennesima del debito, secondo te perché Nixon revocò, nel 1971 (!!) revocò la convertibilità del dollaro in oro e firmò gli Smithsonian Agreement che svalutarono il dollaro e misero fine agli accordi di Bretton Woods? Se non lo sai te lo dico io: già allora il debito americano era molto al di sopra delle riserve auree e il governo temeva di non poter saldare i debiti con delle partite auree.

    33. I brevetti sono all’80% americani perché la legislazione americana permette di brevettare anche la spillo con la capocchia al posto della punta 🙂 il ché non è necessariamente un male 🙂 mentre in Europa si possono brevettare i processi produttivi, non le idee (è una semplificazione ma non voglio debordare dato che è un argomento OT) MENTRE il nostro magnifico venditore strepitoso non mi pare si sia occupato, durante la sua ventennale carriera nazionale ed “europea anzi mondiale” di cui si vanta tanto, di questo problemino da poco (il diritto di brevetto).

    34. Il venditore strepitoso ha incrementato i suoi affari (stava per fallire) vendendo pubblicità cioè spostando sugli scambi un’economia che prima era fondata sulla produzione, ammetto che è molto abile nello scegliere i suoi collaboratori ed è un consumato attore … mentre noi consumiamo prodotti fabbricati altrove indebitandoci per averli mentre le nostre aziende nel corso di vent’anni non sono in grado di innovare prodotti, processi e metodi né tanto meno di creare nuovi mercati, pur incoraggiati a evadere e favoriti col trucco dei bilanci. Il grande venditore crede o vuol far credere di essere un grande statista! AHAAHAHAH

    35. se ci riesci e vuoi continuare,astieniti dai commenti personali.Chi legge capisce con chi ha a che fare,se conosce la storia o conosce la storia ma anche la vita di oggi.Comunque siamo OT.
      Intanto pare che il S.B.abbia guadagnato consensi.
      Questo e` un fattore indipendente dalla mia soddisfazione o meno.Non e` perche` registro certe cose che significa che sono contento o meno.
      Io mi pongo fuori discussione.Io appartengo allo stuolo degli astenuti.
      NON FATEVI INFINOCCHIARE,pero`,mi e` sembrata una battuta ben riuscita,molto attinente alle circostanze attuali.
      Anche alle comunali mi sono astenuto.Della Primavera so che e` rimasta una eredita` molto pesante.Gesip,sovradimensionamento degli organici,sfacelo del territorio,interventi di pura facciata,manipolazione delle coscienze giovanili col perseguire teoremi irrazionali ,
      caccia alle streghe e forma di fanatismo che hanno arrecato moltissimi danni alla Citta` di Palermo,
      lasciando irrisolti problemi fondamentali come quello dell’occupazione giovanile e costringendo un’intera generazione ad intraprendere la via della emigrazione,peraltro non assistita.
      Problemi ancora presenti oggi,tali e quali.

    36. Concordo con Manuelo 🙂 … e smetto di floddare.

    37. La Promotion salva le aziende che non avrebbero visibilita`.

    38. Discutiamo circa un pensiero autopoietico i cui contorni sono definibili dall’attributo personale Antony”? Oppure la persona che usa il nome convenzionale Antony espone al pubblico il suo pensiero? Se è vero il secondo caso perché mi dovrei astenermi dal commento personale? La sua deità ne risente? O non conosce la storia o la mistifica. Punti di vista, si direbbe. Ciascuno conserva la sua opinione. Forse neanche chi ha prodotto l’evento, Nixon in questo caso, sa veramente cosa sta accadendo. Resta il fatto che il governo USA decise di interrompere la convertibilità del dollaro in oro perché le sue riserve non erano sufficienti a coprire la liquidità, nel 1971 (figurarsi ora). Questa è STORIA.

    39. che non ha nulla da spartire con l’incontro
      di Silvio Berlusconi e gli Italiani in casa Santoro & Company.
      Sulla libera fluttuazione del cambio oro/dollaro
      si sono versati fiumi di inchiostro.
      Ma chi cci trasi?
      .
      Parliamo di Vendola?
      Veniva in video dicendo che avrebbe vinto le primarie,e si e` visto come fini`.Ieri sera e` venuto da Lilly Gruber affermando che vincera`
      la tornata ormai prossima.
      Sempre con dire sicuro.

    40. sui brevetti e relative applicazioni,vedo che non hai colto il segno.Io ho scritto che su 10 innovazioni che hanno rivoluzionato la vita dell’uomo comune,ben 8 sono made in USA.
      Cosa c`entrano le capocchie di spillo?

    41. Tony, solo uno che è stato pagato da Forza Italia può definire il nano strepitoso.

    42. Orazio io non sono mai stato pagato da Forza Italia né dal PdL e tu sei ben lontano dal diffamatore professionista della trasmissione. 🙂

    43. Cci trasi perché il palazzinaro affabulatore entrato nel settore dei media divenne il promotore dell’economia virtualizzata, del debito, aprendo il mercato a una quantità di imprenditori culturalmente poveri, industrialmente obsoleti rispetto al resto dell’Europa occidentale, capaci di stare sul mercato solo grazie alla svalutazione competitiva. La relazione tra oro/valuta & finanza poneva dei limiti materiali agli operatori a causa della scarsità del minerale, dei costi estrattivi e di trattamento etc, con la virtualizzazione valutaria sono stati rimossi i limiti materiali senza fissare regole e stabilire autorità regolamentari. Ovviamente ciò ha avuto una ricaduta sull’economia e il risultato è sotto gli occhi di tutti. Il debito americano è di 16000 miliardi di dollari, il circolante a fine 2012 è oltre 1000 miliardi di dollari, la riserva aurea 418 milioni di dollari, fai tu. Di Vendola non m’importa nulla, così come del grande venditore uomo di stato…

    44. Il soggetto non mi ispira ma devo ammetterlo, nel suo genere è stato strepitoso, altrochè!!
      ***
      Sono allibito. Cosa dovrei spiegare? Che gli Stati sono Uniti dal 1865 e che l’Europa non lo è neanche adesso? Che la legge federale USA (ora in revisione) ha favorito la brevettabilità di qualunque opera d’ingegno e quindi incentivato la ricerca, viceversa in Europa? Se la legislazione sul brevetto è orientata al processo favorisce la grande industria, se è orientata al prodotto favorisce lo spinoff accademico, marginalmente menzionando le peculiari “patent-wars” che arricchiscono inventori che recuperano ingenti somme di denaro intentando cause contro aziende che con parti di un insieme di brevetti sono riuscite a ottenere grandi risultati commerciali e perciò vengono successivamente chiamati in giudizio dal titolare che ha avuto meno successo per ottenere un risarcimento economico. E’ conveniente (o lo era) brevettare in USA, molto molto meno in paese europeo, da tutti i punti di vista.

    45. Tony Siino non hai speranze, solo se eri una donna e magari minorenne potevi entrare nelle grazie del nano maniaco, scordati il “vitalizio-olgettino” di 2500 euro/mese o una canditatura alle prossime elezioni…..

    46. Vi invito a rimanere in tema e vi ricordo che questa non è una chat. Orazio ti invito a essere rispettoso nei tuoi commenti. Grazie.

    47. ma dai era solo una “battuta”…. mica dicevo sul serio…..

    48. Orazio se non ti dispiace sta a me valutare. Ti invito a rimanere in tema. Grazie.

    49. Quanti Orazio che ci sono nel mondo 🙂 . Solo il primo sono io, l’altro è un omonimo.

      @ Tony, Io non sono Travaglio? Si, però “travaglio” per campare 🙂

    Lascia un commento (policy dei commenti)