mercoledì 18 ott
  • L’arcivescovo Romeo sulle dimissioni del Papa: “Preghiamo”

    Paolo Romeo

    L’arcivescovo di Palermo Paolo Romeo ha scritto un messaggio per commentare le dimissioni di Papa Benedetto XVI annunciate ieri per il 28 febbraio: «Tutti abbiamo appreso, con commozione ed interiore partecipazione, la notizia diffusa dai media e confermata poi ufficialmente dalla Sala Stampa Vaticana che ha reso pubbliche le stesse parole del Santo Padre Benedetto XVI davanti all’odierno Concistoro di Cardinali convocato per alcune canonizzazioni. Con la sollecitudine di un Padre, desidero riportarle ai figli di questa Chiesa pellegrina in Palermo:

    Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino. Sono ben consapevole che questo ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole, ma non meno soffrendo e pregando. Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato. Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile 2005, in modo che, dal 28 febbraio 2013, alle ore 20,00, la sede di Roma, la sede di San Pietro, sarà vacante e dovrà essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l’elezione del nuovo Sommo Pontefice.

    Nella dichiarazione, il Santo Padre ha anche voluto ringraziare tutti i Cardinali per l’amore e il lavoro con cui lo hanno accompagnato nel portare avanti l’onere del ministero petrino. Ha, inoltre, chiesto umilmente perdono per tutti i suoi difetti, e ha concluso dicendo: “Per quanto mi riguarda, anche in futuro, vorrò servire di tutto cuore, con una vita dedicata alla preghiera, la Santa Chiesa di Dio”.

    Come Padre e Pastore di questa Santa Chiesa che è in Palermo, mi faccio interprete dei sentimenti di tutta la Comunità Diocesana: accogliamo questa sovrana decisione del Santo Padre, figlie e figli miei carissimi, con quella stessa fede che, in questo particolare anno di grazia siamo tutti spronati a professare e confermare, specie nei momenti di smarrimento e confusione.

    Esprimiamo filiale vicinanza al Santo Padre Benedetto XVI, nel cui ministero abbiamo sempre confidato per trovare in lui il Successore di Pietro che confermasse la nostra fede. Ciò si è reso visibile nella memorabile Visita Pastorale che egli ha voluto compiere il 3 ottobre 2010 a Palermo, nella quale, con volto gioioso, ha avuto modo di affermare in Piazza Politeama: “Il Vescovo di Roma va dovunque per confermare i cristiani nella fede, ma torna a casa a sua volta confermato dalla vostra fede, dalla vostra gioia, dalla vostra speranza!”.

    Assicuriamo al Papa Benedetto XVI la nostra preghiera, perché il Signore lo ricolmi di tutte le grazie necessarie per portare il peso di questa difficile e sofferta decisione, e perché essa stessa non sia oggetto di superficiali strumentalizzazioni ma sia accolta nell’unica prospettiva da tenere presente, quella del bene della Chiesa.
    Proprio alla Chiesa vogliamo guardare, con occhi di gratitudine, perché in lei siamo nati e in lei cresciamo continuamente, guardando al suo futuro, con quella serena fiducia che le parole del Maestro le hanno continuato ad infondere nei secoli, e che ancora oggi ci rassicurano della sua costante presenza: “Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo” (Mt 28,20).

    Palermo
  • 3 commenti a “L’arcivescovo Romeo sulle dimissioni del Papa: “Preghiamo””

    1. La Sig.ra Littizzetto poteve e doveva stare in assoluto rispettoso silenzio, circa le dimissioni del Sommo Pontefice. E’ sata inopportuna e indelicata; non vedrò per questro il Festival di Sar Remo. Le dimissioni del Papa sono cosa straordinaria che sgomenta, ci renderemo conto col tempo cosa queste dimissioni abbiamo creato nel mondo! Per me è stato un buon Papa, ed ha ben svolto il suo difficile compito.
      Ora ho paura! Invoco e prego Dio per noi tutti.

    2. Paura di che?
      State tutti speculando su questa vicenda.
      C’era da avere paura quando lo Stato Pontificio mozzava le teste.
      Non certo oggi.

    3. Con il soprannome che mi sono scelto non posso non dire la mia. Non so perche’ il Papa ha deciso di dimettersi, in mancanza di meglio prendo per buono quello che ga detto: non ce la fa fisicamente e nell’ANIMO. Che finalmente anche lui si sia stufato della politica della chiesa? Che finalmente si sia reso conto che i prservativi nel mondo d’oggi vanno usati in Africa per prevenire le malattie e non ce la faceva piu’ manco lui a dir il contrario? Che finalmente abbia pensato che i peccati gravi sono quelli contro il prossimo e non una masturbazione (reale non mentale) o innamorarsi di una persona dello stesso sesso? Chissa’, purtroppo non credo.
      Ma piu che di paura direi sollievo, almeno finche’ non ne arrivera’ un altro a nutrire di superstizioni (eh si l’ho detto, superstizioni) i piu’ creduloni di noi.

    Lascia un commento (policy dei commenti)