domenica 27 mag
  • Risanamento per il mercato ittico

    Città di Palermo

    La Giunta comunale ha dato un ulteriore impulso al percorso, iniziato a marzo con l’installazione della videosorveglianza, di riqualificazione e messa in sicurezza del mercato ittico.

    Erano state riscontrate trascuratezza, gravi carenze igienico-sanitarie e violazioni della norma in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro. Per le concessioni scadute a dicembre 2012 e per le quali sono stati richiesti i rinnovi, sono emerse gravi anomalie consistenti nel fatto che i concessionari pagano solo l’utilizzo dei posteggi e non quello dei magazzini, che nessuno dei concessionari ha propri contatori individuali delle utenze idriche ed elettriche e che le tariffe di concessione sono ancora espresse in lire, essendo aggiornate al 2000.

    A fronte di questa situazione, l’amministrazione, tramite l’assessorato guidato da Marco Di Marco, ha avviato un intervento con l’installazione (avvenuta ad inizio marzo) dell’impianto di videosorveglianza e poi con l’appalto dell’impianto anti-incendio e con quello per l’installazione della barra elettromeccanica per il controllo degli accessi.

    Il primo provvedimento è un “atto di indirizzo” con il quale la Giunta affida al settore Servizi alle imprese il compito di mettere in atto nei tempi più brevi possibili e in coordinamento con tutti i rami competenti all’interno dell’Amministrazione tutti gli interventi necessari per la messa in sicurezza della struttura dal punto di vista edilizio, igienico-sanitario e della sorveglianza. La Giunta ha inoltre deciso che si proceda alla redazione di un nuovo regolamento del Mercato (quello attuale risale al 1959) e ad un adeguamento delle tariffe, in modo da coprire con le concessioni almeno il 36% dei costi di gestione, come previsto dalla legge. L’attuazione di questo provvedimento, notificato alle quattro aree amministrative competenti (Servizi alle Imprese, Protezione civile, Manutenzioni e Lavori Pubblici) verrà monitorato dalla Giunta con cadenza semestrale, tramite relazioni che gli stessi settori dovranno fornire al sindaco e all’assessore competente.

    Il secondo provvedimento mette in campo, con uno stanziamento di 639 mila euro, il primo degli interventi strutturali previsti e cioè l’avvio del progetto di ristrutturazione edilizia ed adeguamento alle norme igienico-sanitarie. La Giunta ha deciso che questo progetto, per il quale vi è già la disponibilità di fondi nel bilancio comunale, sia inserito fra le opere a priorità A (quindi massima) nel Piano triennale delle Opere pubbliche, da avviare a cantiere entro il 2013. Altri interventi riguarderanno poi il rifacimento del manto stradale.

    Palermo
  • 4 commenti a “Risanamento per il mercato ittico”

    1. Lavori necessari senza dubbio, tuttavia ormai emerge anche la necessità, a seguito degli ultimi interventi di riqualificazione della Cala e dell’area del Castello a Mare, di interventi per riqualificare l’aspetto architettonico del mercato ittico.

    2. spostarlo fuori dal centro cittadino no?

    3. Certo, Giosafat! Non sarebbe una cattiva idea. Però se ci pensi: un mercato del pesce, con una degna struttura architettonica contemporanea (parlo di vera architettura, e non di capannoni industriali), a pochi metri dal mare, integrato con il contesto e con il nuovo ruolo socio-culturale…non sarebbe bellissimo?
      Quindi, con le attuali ristrettezze economiche, un bel progetto di rifacimento formale degli edifici dell’attuale mercato sarebbe almeno un piccolo passo.

    4. andrebbe abbattuto, è brutto e nasconde la vista sul castello a mare.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.