mercoledì 18 ott
  • Sicilia Futuro: verso il fallimento?

    Scrivevo, tre mesi fa, qui su Rosalio, della operazione Sicilia Futuro, delle immense criticità che si evidenziavano in un bando che dovrebbe servire a finanziare la formazione dei migliori giovani siciliani. E di quella che sembrava una nuova attenzione da parte del governo regionale, specificatamente da parte dell’assessore Scilabra.

    Son passate le settimane, la seconda finestra ha avuto una graduatoria, ma le problematiche persistono e stanno diventando sempre più pressanti mano a mano che i vincitori del primo e secondo ciclo si scontrano con la necessità di anticipare ingenti risorse, con difficoltà relative alla richiesta fideiussione. Qui gli aggiornamenti, nel post e nei commenti.

    È urgente, urgentissima, una azione, da parte dell’amministrazione, per sbloccare tutte le criticità e permettere ai vincitori di usufruire di questo importante contributo.

    È urgente, urgentissimo, attivarsi per portare questo tema ad una ribalta più ampia: in ballo non ci son solo alcune decine di milioni di euro, ma le possibilità di contribuire ad una generazione più formata e, quindi, libera.

    Intanto, su Facebook, si è aperto un gruppo di discussione per chi fosse interessato a condividere problemi e, soprattutto, possibili soluzioni.

    Purtroppo le nuove sollecitazioni di chiarimenti all’assessore son cadute nel silenzio.

    Scrivevo a gennaio: «La nuova amministrazione sembra avere un approccio differente, almeno. Nonostante io stesso sia parecchio critico sulla composizione di questa giunta (indirettamente, anche su questo blog), qualcosa sembra essere diverso. Se non nelle competenze, almeno nella capacità di ascolto. Almeno nelle intenzioni».
    Sembra che alle intenzioni non corrispondano fatti, almeno in questi primi mesi. All’assessore la possibilità di smentirlo.

    Ospiti
  • 2 commenti a “Sicilia Futuro: verso il fallimento?”

    1. Sono il creatore del gruppo menzionato da Simone. Faccio appello all’assessore da queste pagine per trovare delle forme di dialogo. Non solo per fare un po’ di chiarezza con i vincitori del primo e del secondo ciclo, ma soprattutto per provare a migliorare il bando del terzo (che sarà quello con la dotazione più alta, e nel periodo estivo potenzialmente il più attraente, prima dell’autunno).
      Bastano due-tre sensati accorgimenti per migliorare uno strumento potenzialmente straordinario, di fatto inefficace, se non ingiusto.

    2. […] aggiornamenti su Sicilia Futuro (le ultime qui e qui), che mi giungono di prima mano dai vincitori del primo […]

    Lascia un commento (policy dei commenti)