lunedì 21 mag
  • Nasce Rap – Risorsa Ambiente Palermo, prenderà il posto dell’Amia

    Il Consiglio comunale ha approvato con un voto quasi unanime e con il parere positivo di tutti i gruppi consiliari, ad eccezione del Pd e di Ora Palermo che si sono astenuti, la proposta della Giunta comunale per la creazione della nuova società che gestirà la raccolta dei rifiuti e l’igiene ambientale in città: Rap – Risorsa Ambiente Palermo.

    L’amministrazione comunale potrà ora formalizzare la proposta di affitto con diritto di prelazione del ramo di azienda di Amia e Amia Essemme per la gestione dei tutti i servizi connessi alla pulizia della città (spazzamento, manutenzione del verde, raccolta e conferimento dei rifiuti, organizzazione e promozione della differenziata, gestione della discarica di Bellolampo ecc).

    La nuova azienda si occuperà anche del monitoraggio e della manutenzione straordinaria delle strade.

    Palermo
  • 9 commenti a “Nasce Rap – Risorsa Ambiente Palermo, prenderà il posto dell’Amia”

    1. Mi sembra il primo necessario passo per una nuova società. Sinceramente mi dispiace che ci lavoreranno tutti gli stessi operatori ecologici di Amia, è chiaro che gli aspetti che non andavano in Amia erano da un lato la cattiva gestione amministrativa e dall’altro la qualità e la quantità di lavoro svolto dagli operatori.
      Io avrei optato per una selezione del personale già impiegato.

    2. Oggi a Londra ci sono 30 gradi (help!): per fortuna che ci sono le freddure, ancorche’ involontarie, di mrs. Colorina a refrigerare un po’.
      Speriamo che R.A.P. non significhi in realta’ Raccolta Accumegghie’ Palermo. Il rischio c’e’.

    3. No David, oggi avrai alcune sorprese nei miei commenti. E mi riferisco al Festino, sono rimasta delusa.
      Per tornare al post, speriamo tutti insieme che la nuova RAP sia efficiente, ecofriendly e al servizio davvero dei cittadini e della città.

    4. Di sicuro pare ci sia che per fare lo stesso lavoro, la nuova, più efficiente, moderna e snella RAP, costerà 40 milioni di euro in più. E che quei 40 milioni saranno caricati sulle tariffe Tares.
      Bah.

    5. per i 40 milioni in più, chiedete il conto all’ex Sindaco, ed al suo fidato ex Senatore che per tanti anni è stato a capo del cda di AMIA….avevano una mente cosi visionaria che andavano pure a Dubai ad esportare il modello palermitano di raccolta differenziata… ma non presentavano seri piani industriali….

    6. questo fatto citato dal Sig. Giuseppe Tucci è una cosa che ogni volta che la sento mi verrebbe di augurare il peggio a persone simili! hanno rovinato un’azienda…una città…

    7. RISPONDO A COLORINA DICENDO CHE SONO DAVVERO D ACCORDO CON LEI PER QUANTO RIGUARDA DI AUGURARE IL PEGGIO ELLE PERSONE CHE HANNO ROVINATO UN AZIENDA COME L AMIA, MA SU UNA COSA LA DEVO UN PO CORREGGERE, IL PERSONALE AMIA S.P.A (RACCOLTA RIFIUTI INDIFFERENZIATI) FA DI TUTTO PER MANTENERE LA CITTà PULITA, ANCHE PERCHè IL CONTRARIO NON PUò FARE VISTO CHE L IMMONDIZIA è UNA COSA EVIDENTE.. SO BENISSIMO CHE ORA PENSERà A QUANTI CUMULI DI IMMONDIZIA VEDRà PER LA CITTà, MA DEVE PURE PENSARE CHE TUTTO QUESTO NON PARTE DA NOI LAVORATORI, MA SOLO ED ESCLUSIVAMENTE DALLE ALTE CARICHE CHE NON CI METTONO IN CONDIZIONI DI LAVORARE COME SI DEVE.. E LE DICO DI PIù QUELLO CHE FACCIAMO A VOLTE NON DOVREMMO NEANCHE FARLO, COME AD ES: USCIRE CON MEZZI GUASTI, SENZA PROTEZIONE, E SOPRATUTTO CON STIPENDI IN CONTINUO RITARDO.. CMQ SPERO CHE QUESTA NUOVA SOCIETà METTA DAVVERO FINE A QUESTA MALA ORGANIZZAZIONE.. E MI CREDA CON TUTTO IL CUORE CHE NOI OPERATORI ECOLOGICI FACCIAMO IL MASSIMO PER QUETA SPLENDIDA CITTà. SALUTI

    8. Gentile Sig. Rosario, per prima cosa le devo fare i complimenti per i toni pacati della sua risposta, spesso io stessa uso parole forte nei confronti di Gesip e Amia e invece lei mi sta dimostrando che si può affermare il proprio pensiero rispettando gli altri e aiutando a capire la propria posizione.
      Sicuramente lei è uno dei lavoratori onesti di Amia, di cui infatti io non chiedo il totale esonero ma una selezione di quelli che effettivamente svolgono bene e sempre il proprio lavoro.
      Non posso che esprimere la mia solidarietà quando parla di condizioni di lavoro non idonee: purtroppo vedo anche io scene in cui voi operatori lavorate in condizioni che di certo non portano a svolgere il proprio lavoro nel migliore dei modi.
      Detto questo, dovete essere voi lavoratori onesti per primi a fare capire agli altri che si deve lavorare bene e sempre, e di denuciarli quando questi invece non lo fanno.
      Un caro saluto anche a lei.

    9. Rosario ti invito a non utilizzare così il maiuscolo (equivale a urlare). Grazie.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.