mercoledì 24 gen
  • 14 commenti a “Abito qui e la trappola per piedi in via Marchese Ugo”

    1. Molto pericolosa anche se la ruota dell’auto ci va a finire dentro durante le manovre di parcheggio. Inoltre dall’analisi fotografica sembra proprio che la buca sia collegata all’adiacente impianto chiuso dal tombino, quindi si presta facilmente ad ampliare il proprio cratere con il degrado e l’usura, diventando sempre più pericolosa, e coinvolgendo allo stesso tempo l’impianto relativo al tombino.

    2. Si potrebbe recintarlo e metter su una targa: “Al buco ignoto. Non si sa chi lo fece e ancor meno chi lo riempira’. La cittadinanza (non) grata”. Ecco, cosi’ andrebbe bene.

    3. L’ater ego della buca della salvezza!!!

    4. Una curiosita’, mrs. Colorina: “ater ego” e’ forse parente di “alter ego”? Che so, un cugino? Ah, questo latinorum.

    5. ahah si alter ego volevo dire! Il bello è che ho cercato pure su Google per vedere se era scritto tutto unito o no ahah…ma dei latini mi hanno sempre appassionato il modo di vivere e le relazioni sociali, non certo la lingua.

    6. Sono certo che entro le 24 ore
      chi ha da provvedere
      provvederà,

    7. Si potrebbe testare subito l’efficienza della nuova Rap, che dovrebbe avere anche l’incarico (come lo aveva Amia) per la manutenzione ordinaria e straordinaria della rete viaria.

    8. E allora si attivi, mrs. Colorina, lei che e’ la nostra longa manus nell’amministrazione comunale! Lei puo’ dove gli altri non possono.

    9. si puo’ segnalare anche qui: http://www.epart.it/

    10. Sì, in effetti ci sono tanti siti di “epartecipation”, tipo fixmystreet.
      Il problema è: chi legge e prende in carico le segnalazioni?
      Un servizio pubblico vero è per esempio quello che fanno a Venezia: http://iris.comune.venezia.it/.
      Lì c’è un intero ufficio del Comune di Venezia che gestisce le segnalazioni e rende conto dello stato di avanzamento della pratica.

    11. Venezia e’un esempio da seguire,Loro ricevono milioni di Turisti
      e non si possono permettere le strade bucate.

    12. L’idea di creare un ufficio che si occupa della ricezione, dello smistamento, e delle risposte delle segnalazioni sul modello di Venezia, come diversi utenti stanno confermando, sarebbe un’ottima iniziativa.
      David, magari potessi essere la voce, e la risposta, di tanti palermitani che segnalano e hanno a cuore il bene della propria città. Ma purtroppo sono una semplice cittadina come tutti voi.

    13. Non ci posso credere! Oltre ad essere una sirenetta laureata senza un filo di grasso e amante del calippo, mrs. Colorina e’ anche di una modestia esemplare..come la vorrei incontrare..ma per scontrarci meglio, s’intende. Purtroppo migliaia di kilometri sono un ostacolo senza speranza. Comunque non si arrenda, sfoderi il suo charme e vada al Comune: ce la fara’.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Abito qui e la trappola per piedi in via Marchese Ugo, 4.0 out of 5 based on 1 rating