sabato 21 ott
  • Pubblicate le motivazioni della sentenza: Dell’Utri fu “mediatore”

    Marcello Dell'Utri

    Sono state rese note le motivazioni della condanna a sette anni in appello per concorso esterno in associazione mafiosa dell’ex senatore de Il Popolo della Libertà Marcello Dell’Utri.

    Dell’Utri è ritenuto “mediatore contrattuale” di un patto tra Cosa Nostra e Silvio Berlusconi tra il 1974 e il 1992.

    Nel maggio del 1974 «è stato acclarato definitivamente che Dell’Utri ha partecipato a un incontro organizzato da lui stesso e (dal mafioso palermitano Gaetano) Cinà a Milano, presso il suo ufficio. Tale incontro, al quale erano presenti Dell’Utri, Gaetano Cinà, Stefano Bontade, Mimmo Teresi, Francesco Di Carlo e Silvio Berlusconi, aveva preceduto l’assunzione di Vittorio Mangano presso Villa Casati ad Arcore, così come riferito da Francesco Di Carlo e de relato da Antonino Galliano, e aveva siglato il patto di protezione con Berlusconi».

    Palermo
  • Un commento a “Pubblicate le motivazioni della sentenza: Dell’Utri fu “mediatore””

    1. É stata riconosciuta attendibile la testimonianza del banchiere Scilabra circa la conoscenza tra Ciancimino e Dell’Utri, sempre smentita da quest’ultimo, che ha rotto l’omertà di certa buona borghesia palermitana che sa e preferisce tacere.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Pubblicate le motivazioni della sentenza: Dell'Utri fu "mediatore", 5.0 out of 5 based on 1 rating