domenica 22 ott
  • Roberto Alajmo è il nuovo direttore del Teatro Biondo, con lui la Dante

    Roberto Alajmo è il nuovo direttore artistico del Teatro Biondo.

    Alajmo, giornalista è scrittore, succede dopo 15 anni a Pietro Carriglio (che comunque aveva già fatto il direttore artistico negli anni ’80), che ha lasciato in polemica. Nei giorni scorsi si era fatto anche il nome di Roberto Andò.

    Insieme ad Alajmo ci saranno Emma Dante in qualità di artista residente e un direttore amministrativo che cercherà di gestire la difficile situazione economica del teatro.

    Palermo
  • 9 commenti a “Roberto Alajmo è il nuovo direttore del Teatro Biondo, con lui la Dante”

    1. ammiro molto ambedue gli artisti, ma è come mandare, al posto di un dottore, due comici al capezzale del letto di un moribondo. E’ necessario che la direzione di questi Enti venga affidata a società con capacità finanziaria e promozionale che sappiano trovare il giusto equilibrio fra cultura e guadagno. Pensare che la cultura si possa fare solo con gli artist,i ai nostri tempi,senza soldi è semplicemente ridicolo. un consiglio per i neo eletti: creare un negozio annesso al teatro dove si possano comprare libri, cd, film, poster che hanno attinenza con l’opera teatrale svolta. 2) Trovare una formula con le compagnie teatrali che si esibiscono per avere il diritto di poter produrre supporti multimediali con la opere che vengono rappresentate, tipo finito la tour per un opera teatrale la possibilità di poter vendere i video e le foto prodotte durante le rapprersentazioni.

    2. Apprezzo le doti ed il bagaglio culturale di Alajmo, che conosco pero’ come ottimo giornalista e come scrittore di prosa, apprezzo la sua vis polemica, un po’ meno la sua maschera di antipatia. Auguri a lui ed a tutti noi per la sua avventura.
      La disadattata Dante, che recentemente ha avuto una disavventura tra lager e forni crematori virtuali, ha pero’ risolto il suo problema: non pagare l’affitto.

    3. Complimenti e in bocca al lupo per due menti vere nel disastro culturale palermitano. Rispondere col lavoro e i risultati, come hanno sempre fatto, chiudendo immediatamente la fase dei post evitabili su Facebook, è la migliore risposta allo sfacelo che ci circonda, in città e sui blog. Avanti.

    4. Saremo all’altezza, lo giuro. Sto facendo propaganda per abbonamenti tra squadre di basket della città

    5. Il de profundis del Biondo. E poi premiare un’arrogante come la Dante! È l’emblema dell’Italia…

    6. C’è una persona di buona volontà che puo’ spiegare che min.hia ne capisce Alajmo di gestione?
      Da circa 25 anni campa coi soldi pubblici della RAI e non si capisce per quale mestiere (se ne ha uno). Scrive nei blog sempre le stesse cose, ovvero: elenca i disfunzionamenti di Palermo, la mala amministrazione, cioè fa quello che ha sempre fatto ogni palermitano, sia esso medico, libero professionista, scrittore, muratore, vendtore ambulante, calzolaio, studente, etc. Nessun bisogno di Alajmo per sapere cosa non funziona a Palermo. Ma Alajmo non ha mai proposto nessuna soluzione, di contro sa come avvicinarsi ai politici futuri cavalli vincenti, tra i quali il dilettante sindaco di Palermo Orlando Cascio.

    7. Marco ti invito a utilizzare un linguaggio più consono e a essere rispettoso nei tuoi commenti. Grazie.

    8. Lo scrittore Alajmo in un post sul suo blog accostando la vicenda di Priebke a quella di Antigone aveva suscitato le mie garbate critiche, ma decisamente contrarie al suo pensiero buonista che, a mio avviso, dimostrava, a differenza del suo predecessore, la scarsa conoscenza della tragedia greca … naturalmente, non aveva gradito il mio parere e, molto “democraticamente”, mi aveva “eliminato” (parole sue). Ho letto, successivamente, altri “elzeviri” uno dei quali, in particolare, per le banalità e le brutture inserite, il titolo è “Pirandellate” mi confermava che di teatro, hai noi, non ne capiva un bel nulla … La domanda che qui vi pongo è: “Ma quest’uomo, continuerà anche a percepire lo stipendio di giornalista Rai (pagato, com’è noto per non lavorare) insieme a quello lauto di Direttore artistico? Dovremo continuare a sopportare questa ignominia ? Ma in questo povero Paese, quando avremo l’uomo giusto al posto giusto ?

    9. Alamo è in gamba. Bello e impossibile. Fosse ignorante solo in greco….

    Lascia un commento (policy dei commenti)