giovedì 17 ago
  • Palermo allagata? Tranquilli, il sindaco lo sa fare

    Certo che i palermitani non sono mai contenti! Prima si lamentano che la città è sporca, poi arriva la pioggia che lava via tutto e si lamentano perché si allagano le strade. E comunque, anche se le strade sono allagate, dovete stare tranquilli perché il sindaco Orlando ha pensato a tutto. Oltre al progetto dei nuovi mezzi in dotazione all’Amat (vedi foto), verrà istituito l’Assessorato alla Viabilità Liquida, affidato a Marcello Capetta (così finalmente faranno fare qualcosa anche a questo povero Cristo).

    Palermo allagata? Tranquilli, il sindaco lo sa fare

    Piazza San Domenico verrà alzata di due metri per evitare che il legno pregiato delle panche si gonfi con l’umidità e che il rigoglioso prato finto ammuffisca. Piazza Bologni non subirà alcun lavoro, anzi, la statua di Carlo V, finalmente non segnerà più l’altezza dell’immondizia (fino a sotto il palmo della sua mano) bensì l’altezza massima dell’acqua prima che i palermitani capiscano che siamo veramente nella merda fino al collo (in tutti i sensi). Il Comune di Palermo ripristinerà le ZTL che non saranno più “Zone a Traffico Limitato” ma “Zouave a Tempo Limitato”, nel senso che si potrà camminare con il risvolto dei pantaloni più o meno alto (dipende dalla profondità dell’acqua). A definirne la misura saranno i pass A e B (per la verità ancora in fase di studio). Via Roma sarà di nuovo a doppio senso ma solo per piccole imbarcazioni a motore e per le nuovissime Apescafo (che già hanno avuto la benedizione da parte dell’assessore Marco Di Marco). Divieto assoluto per i pedalò che, comunque, avranno libero accesso in via principe di belmonte, il “Salotto di Palermo”, che per l’occasione sarà rinominato la “Dinette di Palermo” (e qui bisogna avere almeno uno yacht come il mio per capire di cosa stia parlando). Restano le strisce blu, segnalate dai “pali blu” e gestiti da una nuova compagnia, non più di Mantova ma di Venezia: la APBOA. Si potrà ritirare il tagliandino nelle apposite boe in prossimità dei pali blu. Ovviamente spariranno i posteggiatori abusivi, sostituiti prontamente dagli “ormeggiatori abusivi”. Per quel che riguarda l’ambiente, il livello dell’acqua del Fiume Oreto tornerà ai fasti di una volta e le acque nere riformeranno il Kemonia (ribattezzato per ovvi motivi “Kefoñia”) Unico neo di tutta questa pioggia è il formarsi di un fiume di percolato che scende dalla discarica di Bellolampo per seguire il corso del leggendario fiume Papireto che per l’occasione cambierà nome in “Mirufeto”. Ma il vicesindaco Lapiana assicura: «Quello che scende da Bellolampo non è percolato ma vapore acqueo».

    Ospiti
  • 55 commenti a “Palermo allagata? Tranquilli, il sindaco lo sa fare”

    1. Al nostalgico di cammarata si aggiunge il nostalgico di Ferrandelli, che collezione di fegati corrosi che c’e’ su Rosalio… 🙂

    2. Per non parlare degli ostinati con Orlando… ancora peggio dei nostalgici di Ferrandelli (che a differenza di Orlando aveva un programma)…

    3. Comunque la gente come Orazio è veramente triste: invece di farsi una risata su un pezzo di satira sta lì a difendere a spada tratta il suo Leoluca. Mi sa che la satira non è per tutti…

    4. orazio si faccia una risata..la campagna elettorale è finita

    5. Forse Orazio sa nuotare anche dove non si tocca 🙂

    6. Bravo, thanks for making me laugh today… Anything would change in our Palermo… It’s qutie disappointing in these days, even if we though to rely on to Orlando. Greatings from United Kingdom

    7. Meglio buttarla sul ridere… perchè c’è seriamente da piangere.

    8. Questo si che il sindaco lo sa fare no quello di prima !!! Complimenti a questo misero politicante del c….. che dopo essere stato eletto per ben tre volte non e’ ancora riuscito a dotare la citta’ e soprattutto mondello , fiore all’occhiello di Palermo , di una rete fognaria degna del suo nome !!!! VERGOGNATI !

    9. Salve a tutti,

      mi permetto di intervenire. Innanzitutto, tengo a precisare che il mio intervento non intende minimamente difendere o attaccare alcuna parte politica prestabilita. Ritengo infatti che siamo TUTTI, me compreso, complici e colpevoli della situazione di degrado estremo ed evidente che affligge la nostra città.
      Reputo, infatti, che se vogliamo discutere dei problemi di questa città, ed eventualmente provare a risolverli, la soluzione non si trova attaccando pregiudizialmente una parte politica oppure la sua opposta e neppure sottolineando e condannando l’inciviltà di una grande parte della “cittadinanza” a favore di una schiera di eletti e prescelti nel dono della “civiltà”. Un problema si risolve solo se si ha una coscienza e una consapevolezza delle sue origini, del suo sviluppo nel tempo e infine della condizione allo stato attuale. Questo vale per tutti i problemi.

      Fatta questa premessa, vengo al dunque. Credete veramente che l’amministrazione comunale attuale, insediatasi circa 14 mesi fa, abbia colpe
      su quanto siamo costretti a subire in seguito a 1 ora di violento acquazzone?
      Mi sembra evidente, che sotto qualsiasi altro amministratore, alternativo rispetto a quello attuale, il problema si sarebbe presentato esattamente immutato in quanto frutto di politiche sbagliate e superficiali condotte dalle precedenti gestioni comunali, tra cui sicuramente compare la stessa di oggi ma 15 anni fa.
      Sappiamo tutti quanto questa città abbia sofferto di una espansione territoriale assolutamente dissennata e condotta superficialmente senza porsi il minimo scrupolo su eventuali conseguenze dovute a problematiche di tipo naturale (vd. alluvioni, terremoti etc…). Tutto questo, mi duole dirlo, è avvenuto durante i decenni con l’avallo silenzioso e colpevole della sua “cittadinanza”. Dove eravamo allora? Mi sembra troppo facile attaccare un sindaco o un altro soltanto perché costituiscono il bersaglio più semplice da mirare.
      Ora, lo stesso ragionamento vale per tutti i problemi di questa città.
      Il mio intervento non mira certo a discutere di quanto accaduto ieri. Suo obiettivo è quello di invitare tutti coloro che hanno veramente a cuore questa città di ragionare sui problemi senza lasciarsi condizionare da eventuali preferenze politiche ma di analizzare i fatti cercando di trovarne le cause, condizione preliminare per risolvere o ridurre gli effetti deleteri. Vero è che a Palermo siamo vittime di una classe politica il più delle volte inefficace, ma è altrettanto vero che la sua controparte, ovvero la cittadinanza, è assolutamente silenziosa e il più delle volte complice dell’ignoranza e dell’inefficienza della prima.
      Cordiali saluti

      Massimiliano Diliberto Paulsen

    10. Scusi se mi permetto sig. Massimiliano, la sua è una considerazione ponderata, ma forse non totalmente vera. Ognuno deve agire ed intervenire per quanto può e per quanto è nel suo potere farlo.
      Mi sembra assurdo ascrivere delle colpe ai cittadini quando si tratta di una situazione che rientra tra i compiti esclusivi delle amministrazioni comunali (presenti e passate) e le cui colpe sono da imputare solo ed esclusivamente ad esse.
      Colpe, tra le quali rientra anche quella di non aver condotto in questi anni adeguati controlli sui criteri e i metodi illogici su cui si è basata l’espansione territoriale di cui Lei parla.
      L’unica colpa dei cittadini, se così la si vuol chiamare, è quella di aver lasciato questa città in balìa di persone incompetenti. Ma posso permettermi di dire che trovare delle persone competenti in un mare di inefficenza, corruzione e malgoverno è meno semplice che trovare un ago in un pagliaio??

    11. Massimiliano
      Non divaghiamo e non facciamo filosofia spicciola.L’evento e’ vero che è’ stato eccezionale,ma non capisco cosa c’entra l’espansione urbanistica..
      Bisognerebbe conoscere i collettori fognari,le loro portate,per capire se sono dimensionati per smaltire i volumi di acqua meteorica di ieri pomeriggio.
      Inoltre bisognerebbe conoscere il loro intasamento.
      Quando i tombini “saltano”,succede quello che è successo ieri pomeriggio.

    12. Ragazzi ridete sennò quando morite che ci contate a San Pietro?

    13. Il problema di Palermo è che ci sono troppi STRo…i!!!

    14. Orgasmo il triste sei tu che per ottenerlo devi correre ad Amsterdam, visto che qui non ti riesce, però li sono brave ed in vetrina e forse quindi li non devi ricorrere alla chimica. A quando orgasmo in Italia?

      Troia mi fa ridere di cuore e ce l’ho pure tra i preferiti di iutubbo, però ha il fegato spappolato dalla rabbia. Benvenuto pure tu nella mia collezione di fegati spappolati.

    15. e basta. o continui che credo proprio non sarà mai rivotata da nessuno, e quindi termini la sua sindacatura credo nel peggiore dei modi.

    16. La politica è diventata una brutta bestia.
      Tanto tempo indietro la si faceva per passione, credendo fermamente nei propri ideali, con pochi soldi e con tanta voglia di FARE sbracciandosi in prima persona.
      E così capitava che gli stessi contadini riparassero le buche delle strade di campagna, oppure si contribuisse tutti insieme a riparare opere indispensabili ad una comunità.
      Sicuramente molti hanno visto i film di Peppone e Don Camillo : Acerrimi nemici politici ma se si doveva difendere la comunità diventavano perfetti alleati.
      Oggi questi valori non esistono più e tutto diventa una speculazione a danno di ognuno di noi.
      Ma potremo mai tornare indietro e riscoprire quei sani e vecchi valori che ha reso grande l’ Italia negli anni 60 ?.
      Per volontà nostra, credo di NO.
      O si riparte da un grande shock (la seconda guerra in quel caso), o si riparte da semplici valori comuni (religione, educazione, moralità, solidarietà, provenienza, ????) o altrimenti non si riparte più.
      Quella di oggi è continua campagna elettorale che non lascia tempo per affrontare i problemi. Da questo punto di vista la Democrazia è un fallimento perchè chiunque non accetta le proprie sconfitte e si arroga il diritto di rifarsi in appello.
      Nella democrazia non c’è un vertice “inappellabile” e non che sia monarchico ma sta di fatto che alcuni stati europei dove è alto il senso del dovere civico non sono delle democrazie.
      In conclusione come ce ne usciamo?? BOH !!
      Ho scritto tutto questo solo per rimarcare che i problemi che bloccano Palermo sono gli stessi che hanno bloccato l’ Italia ed il mondo intero. La globalizzazione ha portato tante belle cose ma purtroppo anche tanta NOIA tra i popoli e da questo ne deriva violenza come antidoto.

      P.S. Ciao Tony, ti stimo per come ci metti la faccia anche se alle volte sei pesante pure con chi non lo merita (capisci a me). Non ci conosciamo di persona ma questo sabato ci siamo mancati per poco allo “Chez Vous”.

    17. Incredibile, ma vero: se piove, la colpa è del governo ladro. In questo caso, del sindaco Orlando.
      A Tony Troia e ai coccodrilli nostalgici dei Cammarata o dei mancati Ferrandelli, chiederei semplicemente: “Orlando va a ‘stuppare’ i tombini e a pulire i canali di scolo in 1^ persona?” Se si vuole questo, allora meglio eleggere sindaci a giornata, a secondo del tempo che fa: col bel tempo si potrebbe pensare al sindaco bagnino che venda “Gelati!” in tedesco, giusto?
      Domandine varie:
      1) Alla fine della fiera cittadina e inzuppata, dove sono i cittadini virtuosi e animati di vibrata protesta che buttano i rifiuti ovunque e comunque, magari intasando le condotte? Chiederemo sempre al Sinnaco Ollando la giusta penitenza.
      2) Dove e chi sono i responsabili GESIP e simili che dovrebbero garantire la pulizia ma sempre annegati nelle loro 1001 responsabilità?
      3) Perché la giusta giustizia amministrativa (TAR o CGA che sia) reintegra sempre col cavillo il funzionario e dirigente che aveva fottuto sul servizio, fregandosene del bene cittadino? Mai che sia possibile chiedere al suddetto dirigente conto e ragione delle sue malefatte…
      E infine, (4): possibile mai che un blog come questo funzioni da “pizzino” digitale, senza magari chiedere -a chi di dovere- di verificare notizie, responsabilità, ordini di servizio, nomi e cognomi delle responsabilità succitate?
      Au revoir.

    18. PS: E meno male che non vivete a Catania, dove per mancanza del canale di gronda da monte, quando piove c’è il fiume che per fortuna e/o pendenza evita il Tondo Gioeni e devia l’acqua altrove. Lì, però, per acqua e munnizza nei collettori fognari c’è chi ci appizza la pelle (vedasi la ragazza morta perché incastrata sotto un’auto e trascinata dall’acqua anni fa).

    19. Spero vivamente che Marcello Capetta legga questo messaggio e la quereli. Si dovrebbe vergognare Sig.Troia, offendere le persone in questo modo da il senso di quello che Lei è. Che tristezza.

    20. Tony Troia ai nostri occhi il povero Cristo sei tu. Se soltanto avessi un decimo dello spessore etico e civile di Marcello Capetta, saresti una persona decisamente migliore. Si Antonella, ci sono i margini per una querela, contatterò personalmente Marcello.

    21. spero che quello che dice Antonella si avveri cosi potrai sporgere controquerela…ma che razza di frase è davanti a una ironia, per altro dove non trovo nulla di offensivo, augurarsi che Capetta sporga querela !?!?!?!?! mah !
      Non stimo per niente Capetta e di Troja quello che fa poco mi frega.
      saluti.

    22. Relax, relax

    23. lascia perdere persone come antonella e salvatore e vai dritto che in tanti la pensano fortunatamente come te. E se ti querelano rispondi a dovere !

    24. Non credo che ci siano gli estremi per una querela ma comunque dopo attenta analisi del suo profilo Twitter e Facebook posso finalmente affermare la mia opinione su Troja. Se dovessi scegliere tre aggettivi per descriverlo sceglierei: porco, maiale e depravato. Se ne dovessi scegliere altri due sceglierei limitato e arrogante. Se Kant dovesse dare la sua opinione su questo “comico” penso che sceglierebbe l’aggettivo “contingente”. Sisi, andate a cercarlo sul dizionario ora. Comunque caro Tony Troja, giusto per scendere al tuo livello ti dico solo che ogni volta che leggo quello che scrivi mi verrebbe voglia di prenderti a sprangate sui denti. Sei volgare, maleducato e arrogante, ti credi il centro del mondo e soprattutto sai solo criticare, come se tu fossi il Verbo incarnato. Fai un favore a tutti, sparisci.

    25. Quello che mi sfugge e’ il collegamento a Kant.
      Puoi spiegarti meglio?

    26. E,lasciate perdere i magistrati,che hanno già tanto carico arretrato da smaltire.

    27. Definendo Troja contingente voglio dire che la sua esistenza non è necessaria. In altre parole? Sei una cosa inutile. Ah, Troja, comunque aprire un libro di filosofia ogni tanto non credo ti farebbe male, di sicuro allevierebbe almeno un poco la rozzezza della tua miserabile vita.

    28. Punti di vista.
      Comunque di esistenze non necessarie ne è pieno il mondo.Direi che nessuno e’ necessario,anche se a qualcuno tocca di aggiungere un mattoncino a quello che viene considerato progresso.
      Anche sulle vite miserabili si è in buona e larga compagnia.
      Se la gente facesse mente locale,arriverebbe alla conclusione di condurre una vita inutile,miserabile,senza senso.Salvo pochissimi.
      Tornando alla frase incriminante,
      Povero Cristo
      Meriterebbe una analisi più’ approfondita,
      non mi pare poi tanto offensiva.
      Cristo fu portatore di valori,fu incompreso,deriso ,sacrificato e martirizzato.
      Povero Cristo e’ una esternazione di pietà,solidarietà,
      nei riguardi di una persona che sta subendo un trattamento iniquo.
      Non vedo dove sta l’offesa.

    29. Infatti, il collegamento a Kant. Ci mancava proprio

    30. Vi invito a essere rispettosi nei vostri commenti e a rimanere in tema. Grazie.
      I commenti di Antonella e Salvatore sono stati postati dallo stesso indirizzo IP.

    31. quindi come dice la redazione di Rosalio non solo l’utente che ha parlato per primo di querela a troja da parte di Capetta è la stessa persona e si è firmato con due nomi diversi – chissà se uno dei due nomi risponde al suo vero nome, altrimenti temo per lui/lei sia un pò grave – ma una certa alessandra credo si possa invece tranquillamente querelare per insulti (“porco, maiale, depravato…Sei una cosa inutile”) e per minacce (“ti dico solo che ogni volta che leggo quello che scrivi mi verrebbe voglia di prenderti a sprangate sui denti”). Mi spiace non sapere chi è questa persona, ma invece mi auguro che Troja scopra chi sia procedendo a denuncia nei confronti di questo utente che credo davvero abbia passato il limite tra la critica e l’offesa…e peggio.

    32. La cosa che mi viene difficile da comprendere
      e’ come riuscire a dare una sprangata sui denti.
      E se quello tiene la bocca chiusa????????????

    33. E senza accento caro alberto, la sprangata la dovresti dare agli insegnanti che non ti hanno bocciato.

    34. ????????

    35. A Tony 2 non è ciò che ho scritto: non ho modo di sapere se sia la stessa persona (anche se è una delle possibili ipotesi), soltanto che ha scritto dallo stesso indirizzo IP. Il commento a cui fai riferimento non è stato rimosso perché le frasi a cui ti riferisci sono ipotetiche. Diciamo che è al limite per la policy dei commenti.

    36. capisco cosa volete dire, ma è pazzesca la 2′ parte, quella che dice che ogni volta che legge quello che scrive Troja gli darebbe la sprangata sui denti… uno può pensare che sia dettato dal rancore personale, ma la trovo sinceramente da querela, poi non sono io che devo procedere, faccia se vuole l’interessato (a meno che non se ne frega): io personalmente, critiche passibili, ma se mi venisse detta una cosa simile la prenderei come qualcosa di gravissimo e mi tutelerei.
      Saluti.

    37. Chiedo scusa a tutti, rileggendo mi sono accorta di avere davvero esagerato..ovviamente non farei mai una cosa del genere! Perciò scusate tutti, davvero.

    38. Alessandra sei dolcissima, non c’è niente di più bello di una persona che capisce di aver sbagliato e che di conseguenza chiede scusa…ormai cosa rara.

    39. Resta il fatto che non accetterei mai come compagna una persona capace di esprimersi con tanta veemenza.una che perde il controllo e parte lancia in resta.
      Verso una partita persa.
      Meglio riflettere prima di scrivere.
      Infranto lo specchio,non ci sono scuse ne modi per risanarlo.

    40. caro alberto se non riesci neppure a riconoscere l’intelligenza di chi chiede scusa allora non capisci proprio un bel nulla….

    41. Sono d’accordo con Colorina. Non aggiungo altro

    42. determinati comportamenti ,per me,
      non vengono cancellati dalle scuse.
      Il comportamento e’ lo specchio della persona.
      Quello che è’ scritto,e’ ormai scritto.

    43. Adesso spero che non spunta fuori quello
      della e accentata ed apostrofata.

    44. Vi invito a interrompere questa discussione perché è fuori tema. Grazie.

    45. rientriamo in tema.L’autore del post ha scritto
      “Cosi faranno fare qualcosa a questo povero Cristo”.
      Dunque,questo sarebbe un nullafacente.
      Qualcuno puo dimostrare il contrario?
      Lo dimostri,senza ricorrere agli insulti.

    46. Alberto, ti ricordo che questa non è una chat

    47. http://www.gds.it/gds/multimedia/cronaca/gdsid/295220/
      .
      Qui si parla del fatto che arriveranno gli Ispettori.
      Dunque si ammette che fino ad ora si è tirato a campare.
      Senza controllo alcuno!

    48. http://www.gds.it/gds/multimedia/cronaca/gdsid/295220/
      .
      Sofferenza riscossione Tarsu 86%
      RD 12%
      Rifiuti x abitante x anno 472. Kg
      .
      Questi sono i numeri riportati nel Servizio.che pongono Palermo
      In fondo alla classifica.

    49. Questi indicatori mostrano quali sono le aree su cui intervenire.
      Solo che si avesse la volontà politica di intervenire
      abbandonando la tragicommedia quotidiana cui assistiamo e partecipiamo.

    50. El buitre se non ti dispiace non spetta a te la moderazione dei commenti. Rimuoverò ulteriori commenti fuori tema. Saluti.

    51. Comunque il Sig.Troja non è nuovo a queste pagliacciate, quando uno si convince di essere comico è così……..anche come musicista a detta di molti suoi colleghi è una mezza sega…..quindi meglio lasciar perdere…

    52. Ringrazio tutti per gli attestati di stima, soprattutto per il desiderio di Alessandra di prendermi a sprangate sui denti. Mi dispiace solo deludere Giacomo (che se tanto mi dà tanto il cognome comincia con la “A”) perché non mi sono mai definito comico anche se con la satira ho fatto ridere persone da Trento a Trapani in spettacoli teatrali. Per quel che riguarda la musica, immagino che lei sia un musicista con i controcoglioni. Ma anche qui devo deluderla: non mi sono mai definito musicista. E non è di certo colpa mia se gli addetti ai lavori mi considerano tale. I miei colleghi? Tutti molto più bravi di me. Ma chissà come mai, a differenza di me, non escono mai da Palermo. Alla prossima, mediocri!

    53. Gentilissimo Troja, la sua “satira” medievale non fà ridere….se ne faccia una ragione.
      Lei è un “artista” di basso livello e molto sfigato tant’è che le stesso si lamenta nei confronti di chi non la ingaggia per una sua serata “depressive”.
      Ma restando in tema al post, il caro Sindaco ha fallito, non c’è dubbio, ma il suo modo di criticare tutto e tutti lo pone al suo pari. Una bella coppia di falliti.

    54. Vi invito a essere rispettosi nei vostri commenti. I commenti devono essere per intero in tema. Rimuoverò ulteriori commenti fuori tema. Grazie.

    55. La satira serve a denunciare, sì. …ma dovrebbe far ridere. Invece il risultato di questo pezzo pieno di malignità è la noia.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Palermo allagata? Tranquilli, il sindaco lo sa fare, 5.0 out of 5 based on 2 ratings