venerdì 20 ott
  • “Progetto Neet”, non per gli educatori?

    Io, educatrice stabilmente precaria, mi imbatto quotidianamente in pseudo-annunci di lavoro. Finalmente trovo qualcosa di reale, credibile: il Progetto Neet. Oh che bello!! Il Ministero del Lavoro mette a disposizione dei fondi per i giovani laureati disoccupati del sud italia; certo sono solo sei mesi a 500 euro lordi ma non dobbiamo essere choosy! Così mi registro al sito clic lavoro ma scopro subito che la mia laurea non rientra nel bando… I giovani partecipanti devono possedere un titolo di laurea appartenente ad una delle seguenti aree disciplinari: geo-biologica, letteraria, psicologica, giuridica, linguistica, agraria, politico-sociale. Il bando individua queste aree dalla classificazione fatta dall’Istat. Così scopro che il corso di laurea in Scienze dell’Educazione rientra nel gruppo “insegnamento”!! Risate a non finire… Aspe’, io non posso insegnare (il mio c.d.l. non è abilitante) e nemmeno posso partecipare ad un progetto???!! Ma insomma che posso fare?? Decido comunque di registrarmi al sito e scopro che ci sono un sacco di aziende e di associazioni che richiedono la figura di “educatore” ma Io Educatore non posso accedere!!?? Non mi arrendo e scrivo al Ministero del Lavoro e a Cliclavoro….in attesa di risposta.

    Ospiti
  • 5 commenti a ““Progetto Neet”, non per gli educatori?”

    1. E allora io che ho una laurea in economia e non posso accedere nemmeno che devo dire? Ma come si fa a concepire un bando per giovani “svantaggiati” ed escludere alcune categorie di corsi di studio, così giusto per il gusto di farlo, per la cronaca in economia ci sono la metà delle materie in campo giuridico ma nonostante questo solo,coloro che hanno una laurea in campo giuridico possono accedere a tale bando.
      Ma che senso ha?
      Scriverò al ministero pure io e se siamo in tanti chissà le cose potrebbero anche cambiare, questa è l’Italia.

    2. Ma come avete fatto capito il gruppo d’appartenenza del vostro Diploma di Laurea. Io che sono un laureato in L/19 e LM/50..come faccio a capirlo? Ho visto una miriade di annunci per Educatori..e chi andrà a ricoprire quei ruoli se non l’Educatore L/19?

    3. Inondiamo di mail la casella. Io ho scritto quanto segue:

      Salve,
      sono un Laureato in L/19 Educatore Professionale e LM/50 Consulente per i servizi alla persona e alle imprese. Ho letto che probabilmente la laurea L/19, a causa di una erronea classificazione ISTAT risalente al 2003, è posta erroneamente nel “Gruppo Insegamento”. Ciò impedisce agli Educatori, che di fatto operano nel terzo settore e non insegnano, di accedere al progetto NEET. Ancor più paradossale è che vi siano già centinaia di annunci per Educatori Professionali nelle liste NEET. Chi andrà a ricoprire questi ruoli? I laureati di quali altre Facoltà?
      Noi Educatori siamo già vessati, sfruttati, mal pagati a causa di un ordinamento che ci penalizza a favore degli Educatori formatisi alla Facoltà di Medicina. Veniamo continuamente scavalcati da Psicologi o Sociologi che si improvvisano Educatori dato che legalmente non gli è impedito a causa della mancanza di un Albo che ci tuteli.
      Prego il Ministero di rivedere questo paradosso venutosi a creare, per il quale vi è una forte ricerca di Educatori ma di fatto viene impedito loro di accedere a questi tirocini che verrano svolti ABUSIVAMENTE da altri laureati.
      Aiutateci a riprenderci la NOSTRA professione, altrimenti saremo due volte NEET ma anche vessati da chi dovrebbe aiutarci e tutelarci.

      Amareggiato,

      Cordialmente,

    4. ciao Leo, hai fatto bene a scrivere. ClicLavoro, a seguito di una mia mail, comunica che il bando è stato fatto in base ad una ricerca Istat dalla quale risultano “svantaggiati” i laureati nei seguenti gruppi
      – Geo-biologico
      – Letterario
      – Psicologico
      – Giuridico
      – Linguistico
      – Agrario
      – Politico-sociale.
      A loro dire Scienze dell’educazione rientra nel gruppo insegnamento solo a fini statistici. La cosa che mi infastidisce maggiormente è che le aziende recluteranno Educatori con altre lauree (Psicologia,Assistente Sociale).
      C’è una petizione Online che mi permetto di segnalarVi:http://firmiamo.it/inserimento-degli-educatori-e-dei-pedagogisti-nel-bando-neet/?p=31

    5. E si’, anche io me ne sono accorta subito…nel bando però ho letto pure che Italia Lavoro si riserva la facoltà di aggiungere altri gruppi di lauree (qualora vi sia un esubero di fondi…). Ma chi tardi arriva, male alloggia…dunque anche se dovessero riconoscere come giusta la nostra richiesta di partecipare al bando Neet, quando cio’ avverrà…sarà troppo tardi. Mi sto prendendo un gran dispiacere per questa cosa… :(, e dire che mi sono ugualmente candidata, ho sostenuto il colloquio selettivo e mi hanno pure preso…ORA CHE SI FA?

    Lascia un commento (policy dei commenti)

"Progetto Neet", non per gli educatori?, 5.0 out of 5 based on 1 rating