sabato 25 nov
  • L'”emergenza rifiuti” e una città alla rovescia

    E così a Palermo è tornata l’emergenza rifiuti.

    Quello che trovo incredibile in questa vicenda, che definire allucinante è dir poco, è che si possa dire “è tornata” di una cosa (l’emergenza rifiuti) che in effetti non è mai andata via e che si possa continuare ad usare il termine “emergenza” per indicare qualcosa che in realtà è la normalità.

    Solo in un luogo dove si vive alla rovescia, in un luogo nel quale sono tante, troppe, le condizioni straordinarie (delle quali quella dei rifiuti è soltanto un esempio) che purtroppo vengono considerate ordinarie, normali, si può usare il termine “emergenza” per indicare quella che in realtà è una condizione ordinaria.

    Ma che cosa pagano i cittadini di Palermo quando pagano le tasse sui rifiuti?

    Ospiti
  • 9 commenti a “L'”emergenza rifiuti” e una città alla rovescia”

    1. La prima necessità dell’ uomo è il superfluo, cosi’ si spiega il suo essere cosi’ stupidamente inutile nell’alzare la voce – il palermitano- e risolvere questo problema che e’ presente a Palermo da diversi anni.. Palermitani vergognatevi di abitare Palermo e di averla ridotta cosi’ drammaticamnete in macerie. La comps e’ solo vostra…

    2. “Ma che cosa pagano i cittadini di Palermo quando pagano le tasse sui rifiuti?”

      Bella domanda…

    3. @Milena, non è SOLO colpa dei palermitani, ma di chi ci amministra, il cittadino può tenere in casa la spazzatura per un massimo di 2 giorni ma poi se ne deve liberare, e se non viene smaltita a discarica rimane a marcire sulle strade.

      Il sindaco, “che sapeva fare il sindaco”, HA FALLITO, e con lui tutti i suoi sostenitori.
      La pulizia della città era, doveva essere ed è, la priorità assoluta, ma così non è stato.
      Si è buttato fumo negli occhi portando avanti quella cretinata della “Palermo città della cultura 2019” ben sapendo che la città non non aveva chance per entrare nella rosa delle città candidate.
      Per non parlare delle chiacchere sulle isole pedonali delle piazzette storiche.

      Che fine fanno i soldi che versiamo per la raccolta dei rifiuti e aggiungerei anche imu?
      Ma a pagare tutti gli stipendi di tutta la macchina SCIALAQUATRICE del comune, altro che raccolta rifiuti!

    4. VERGOGNA nell’anno della doppia imposizione TARSU+TARES !

    5. Credo che alla base ci stia una questione amministrativa.
      In condizioni di Emergenza
      si può fare intervenire i Privati
      per chiamata diretta,
      dunque senza gara.

    6. Ma veramente non ve ne siete accorti?In Italia i soldi delle tasse vanno:1)Alle banche 2)Ai politici.Non ai servizi.In Sicilia c’é un 3)La mafia.

    7. @Full…… L’uomo preferisce discolparsi con la colpa altrui piuttosto che con la propria innocenza.

      Siamo anche noi palermitani incapaci di tenere Palermo pulita. Vergognamoci per averla ridotta cosi’. Grazie omertoso Palermitano…

    8. @Milena, su quali basi mi hai dato dell’omertoso palermitano. Non mi pare ti avere taciuto!

    9. ormai prevale il gusto di demonizzare l’interlocutore.
      Così’ non si va da nessuna parte.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

L'"emergenza rifiuti" e una città alla rovescia, 5.0 out of 5 based on 3 ratings