giovedì 19 ott
  • Polemiche per lo spot Glassing con la poesia di Peppino Impastato

    Il produttore di occhiali Glassing ha utilizzato L’esortazione alla bellezza, una poesia di Peppino Impastato, ucciso dalla mafia nel 1978, per uno spot. La decisione ha suscitato polemiche e la famiglia dice di non essere stata interpellata.

    «Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la paura e l’omertà. All’esistenza di orrendi palazzi ci si abitua con facilità. Ogni cosa pare dover essere così da sempre e per sempre. Insegniamo la bellezza alla gente, così non avremo più abitudine e rassegnazione, ma sempre vivi, curiosità e stupore».

    Molti hanno considerato l’uso uno snaturamento del senso del messaggio di Impastato che era contro gli interessi economici dei palazzinari. È online una petizione per chiedere il ritiro dello spot che ha già più di 15 mila firme.

    Palermo
  • 11 commenti a “Polemiche per lo spot Glassing con la poesia di Peppino Impastato”

    1. A mio parere, anche se attraverso uno spot che poco o nulla c’entra con la sua storia personale, molte piu’ persone conoscessero la vita coraggiosa di Peppino Impastato, e far proprie almeno alcune delle sue idee contro la mentalita’ omertosa e mafiosa..beh, questo spot sarebbe da lodare, non da criticare, perche’ aiuta in ogni caso a tenerne vivo il nome.

    2. ma più che altro io avrei da ridere qualcosa sull’interpretazione dell’attore, ma anche e soprattutto sugli occhiali, a mio avviso tascissimi. Per il resto mi associo al giudizio di Davide, che condivido in pieno.

    3. Il concept non mi dispiace. Mi dispiace invece che non abbiano contattato i familiari.

    4. Infatti, poesia bellissima, che pochi conoscono. Il concept è carino a prescindere poi dal prodotto. L’importante è parlarne sempre, appunto per non dimenticare, e quella poesia aiuta notevolmente.

    5. Secondo me questo é un bel omaggio alla lotta antimafia rappresentata da Peppino Impastato e proprio perché viene trasmesso tramite uno spot pubblicitario potrebbe avere un impatto emotivo più forte sulla società e diventare una cosa che ci “arricchisce” davvero tutti noi!!

    6. a me fa semplicemente schifo quello che ho visto in questa pubblicità.
      non si può fare soldi sui morti, con attori bellocci da fotoromanzi. su certi morti poi che meno che mai.
      peppino impastato per vendere occhiali da sole?
      abbiamo davvero raschiato il barile.
      davvero schifata.

    7. Io dico che chi si è indignato è un grande fesso e uno scemo. Scusate la famiglia si dovrebbe indignare, o dovreste essere tutti dei vecchi bacucchi assurdi (gli anni 80 non sono poi così vicini, sapete?), oppure dei grandi moralisti.
      Conoscevate Peppino? Ohh si, lo credo bene…Siete indignati perché giocavate a calcetto e a campana sotto casa, già già…!Era un vostro caro amico, vero? Per favore!Ora scrivo qualche poesia io, mi suicido o faccio qualcosa di eclatante e subito scatterà un ‘LUCRO SUI MORTI’…No, mi fa davvero ridere, davvero davvero.
      Pensatela a come una GIUSTA PUBBLICITà invece che a indignarvi per cavolate. Non penso che Peppino vi sia parente…Mah…I ‘matusa’ d’oggi.
      Sinceramente io la trovo davvero una bella cosa, ora tutto è schifezza. Vi indignate per queste cose, ma per le apparizioni di Belen e compagnia, modelle che fuorviano la mente di ogni adolescente no eh? Quello è tutto ok! Perfavore, meno moralismo…Il mondo non ha bisogno di persone come voi.

    8. Purtroppo i tempi sono segnati da questi nuovi eroi del tatuaggio ,delle belle macchine,
      delle donne trasgressive,che si inventano attività che sfociano in estorsioni e che qualcuno considera lavoro,che vanno a riempire le pagine di giornali compiacenti …

    9. Impossibile interpretare, o meglio decifrare, il commento di MsOpinion…
      Si capisce solo che… PERTANTO, definisce gli altri sce.mi… PERTANTO!

    10. Egreggio MsOpinion, vorrei farle notare che se Lei si suicidasse, sarebbe una Sua libera scelta che non cambierebbe il corso della storia e la nostra memoria.
      Peppino Impastato invece non si è suicidato, anche se hanno provato a farcelo credere per troppi anni.
      Peppino Impastato è stato un morto ammazzato da quella *montagna di merda* che noi “matusa” ricordiamo.
      Certi morti e certe vite sono di tutti coloro che li ricordano, con passione civile e senza scopo di lucro.
      Saluti.

    11. Si,però
      se io illustre anonimo conservo il ricordo di qualcuno,
      questo qualcuno non ha alcuna visibilità verso le nuove generazioni.

    Lascia un commento (policy dei commenti)