lunedì 21 ago
  • “Happy – from Palermo”

    Gabriele Camelo, che ha scritto anche per noi, ha realizzato una sua versione di Happy di Pharrell. Attenzione però: non si tratta della versione del gruppo a cui abbiamo dato supporto anche noi di Rosalio lanciata da Gabriella Insana in un post che è ancora in lavorazione.

    Gabriele sapeva dell’altro video ma ha portato a termine il suo. Forse con un po’ meno fretta ci sarebbero state più riprese col sole e un siciliano meno improbabile («dupu ra pinnichedda» sembra rumeno 😀 ). Comunque ci ha fatto sorridere.

    Palermo
  • 14 commenti a ““Happy – from Palermo””

    1. Grazie per la condivisione.
      Purtroppo le mie riprese erano già fatte, il fatto di fare un casting su internet richiedendo le foto non mi piaceva del tutto, e l’essermi in passato proposto a Tokay studio senza riscontro non mi ha spinto a cercare ulteriori collaborazioni di mia iniziativa.

      Mi dispiace per Rosalio che non avevo inteso come attore principale della cosa, ma io ero già in fase avanzata.

      Ed in fondo, meglio più versioni che nessuna. Ciò è testimonianza che Palermo è creativamente fervida.

      Senza dubbio se le creatività si potessero unire sarebbe ancora meglio.

      Una prossima volta ce lo ricorderemo. Se Tokay volesse collaborare, sono qui.

    2. Al momento 2:50 del filmato:
      “Veni cca, ca t’anno a ddare picciuli” seguito dal movimento della mano dal mento verso il basso: impagabile!
      In quei pochi secondi e’ concentrata buona parte dell’essenza di Palermo.

    3. ma voglio partecipare anche io…..già lo faccio da sola a casa mia….:)

    4. ma cosa c’è da essere happy a palermo? no spiegatemi. perché happy forse lo possono essere solo gente che non ha nulla da fare.

      sono happy ai giardino della zisa? un monumento in putrefazione abbandonato e circondato da spazzatura. i turisti arrivano nauseati e se ne scappano. custodi? pulizia? servizi turistici? anche loro happy a prendersi lo stipendio senza lavorare.

      sono happy perché fanno la fila in banca? saranno ancora più happy quando scopriranno che c’è un cartello dei conti correnti, con prezzi uguali e 0 concorrenza tra banche. happy davvero.

      sono happy appena arrivati all’aeroporto? un cantiere da 20 anni, collegato alla città con un treno che parte una volta ogni ora (se va bene), 0 servizi nell’area arrivi e partenze. aeroporto da terzo mondo. happy!

      sono happy perché saltellano per i marciapiedi di palermo? una fogna a cielo aperto di merde di cani (e padroni) e buche dove cadere. per camminare bisogna saltellare happy.

      sono happy perché sono dal barbiere? sicuramente tutti i dipendenti saranno in regola e con i contributi pagati. ed il proprietario non deve pagare il pizzo. vero? happy!

      sono happy nella sala scommesse? truffe di stato dove vecchietti affetti da ludopatia sperperano tutte le loro pensioni. happy!

      sono happy per il pane di paese nel furgoncino? niente scontrino. niente tasse pagate. concorrenza sleale verso i VERI panettieri che devono pagare affitto, luce, tasse. poi arriva il tizio col carretto e vende il pane a metà prezzo. è giusto? e che ingredienti usa? che controlli sanitari ha avuto? mistero? no, happy!

      sono happy perché ballano a piazza vittorio veneto? un monumento meraviglioso da 20 anni pieno di graffiti indecenti. che pena provo ogni anno durante le cerimonie dell’esercito in un monumento stuprato dalle bombolette spray, senza rispetto. happy!

      sono happy perché saltellano in mezzo alla strada alla cala? un covo di auto in doppia e tripla fila per prendersi il cornetto da ganci e bloccare il traffico FINO all’ingresso del porto in via crispi se va bene, feudo dei posteggiatori abusivi.
      vi piace stare nel traffico in auto perché 400 metri dopo un palermitano ha lasciato l’auto in mezzo alla strada per prendersi il cornetto? happy!

      sono happy perché fanno yoga a mondello? un letamaio pieno di cicche di sigarette. ci sono più cicche di sigaretta che granelli di sabbia. almeno fino a giugno. dopo giugno si riempie di palermitani e di scarichi illegali della mondello bbbbene direttamente nelle acque, e il mare assume quel meraviglioso colorito verde-discarica-ambientale.
      mi sdraio nella munnizza perché sono happy!

      sono happy perché ballano nelle strutture della società italo-belga? una bella società che ogni anno litiga con l’albaria per 100 metri di spiaggia dove poter creare un festival estivo. e invece litigano. ed il festival non si fa mai. ma poi quanto dura questa concessione demaniale? 200 anni? happy!!!

      sono happy perché ballano lungo le vie del centro? spero non escano un iphone dalle tasche visto che ogni giorno gente viene derubata dei telefonini e non frega niente a nessuno. senza telefono e senza soldi in tasca si è più leggeri, no? happy!!

      sono happy alla stazione quando aspettano l’autobus 45 minuti senza sapere quando passerà? io sono stato più happy a torino quando sapevo esattamente l’orario in cui sarebbe passato.

      o forse, maliziosamente, sono happy solo quelle persone che non hanno mai messo il piede 100 metri fuori palermo e non hanno mai visto cosa sia la vera felicità e si illudono che qualche raggio di sole cancerogeno, un mare putrido, monumenti decadenti, inciviltà, pressappochismo, incompetenza lavorativa, nepotismo, inquinamento, disorganizzazione diano la felicità?

    5. Mah, sig. (o sig.ra) Skaiwoka, non condivido ciò che lei scrive, perché a parte il fatto che lei da’ una valenza sociale eccessiva al filmato, che vuol essere solo qualcosa capace di farci sorridere, lasciando da parte le magagne quotidiane della città, bene, a parte questo, dicevo, la felicità individuale non dipende mai dalle condizioni esterne ma piuttosto da quelle interne a noi.
      Si può esser felici sul Sunset Boulevard a Hollywood come nella più lurida favela di Rio..così come si può esser tristi nell’inappuntabile Zurigo come nel più violento degli slums di Calcutta.
      Ciò che ci circonda più che altro amplifica i nostri sentimenti, non li crea.
      Io, per esempio, pur vivendo in un posto pressoché perfetto sotto molti aspetti come Central London, i miei momenti più felici sono legati a quella vecchia, sporca, caotica e confusionaria ma mia città che si chiama Palermo.

    6. Arrivò!

    7. Il sig. Totò scrisse “arrivo’!” e poi se ne andò.
      Questa e’ vera poesia ermetica, altro che Quasimodo.
      Bravo!

    8. 😉 Modestamente io al sottovuoto ci do di tu!

    9. Eh, la classe non e’ acqua.
      Se poi puo’ esser anche cosi’ gentile da estrinsecare i suoi ermetici pensieri la ringrazio.
      Perche’ non riesco ancora a comprendere se il fiammeggiante “Arrivo’!” si riferisce al post, al mio commento, a quello di qualcun altro o all’autobus appena passato sotto casa.
      D’accordo che Intelligenti Pauca, ma non esageriamo, suvvia!
      Abbia pieta’.

    10. Hai ragione, scusa, poteva essere frainteso. Il mio arrivò è riferito al post di skaiowa.

    11. Caro/a Skaiwoka, ma ogni tanto, dico, ogni tanto, non ci possiamo fare prendere un attimo dalla bellezza e dalla ilarità di un video come questo che a mio avviso è davvero bello, ben fatto, allegro…li conosciamo i problemi che ci sono, è necessario ribadirli continuamente? che risolviamo?Allora godiamoci un momento di ilarità!!

    12. …e comunque la prox volta voglio partecipare pure io!!

    13. https://www.facebook.com/HappyfromSapri …Vi proponiamo un altro video…siamo a Sapri, ultimo paese della Campania…sito tra Palinuro e Maratea…Grazie e saluti a tutti.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

"Happy - from Palermo", 2.0 out of 5 based on 9 ratings