giovedì 8 dic
  • “Rosalia – The experience” al Santuario di Santa Rosalia

    Si svolgeranno a partire da oggi i tre eventi di Rosalia – The experience al Santuario di Santa Rosalia (Monte Pellegrino) che vuole promuovere una “tre giorni” e un unico brand, che abbiano il suo centro in un luogo dove possano confluire senza barriere, esperienze diverse, culturali, didattiche, sociali.

    “Rosalia - The experience” al Santuario di Santa Rosalia

    Verranno ricordati per la prima volta tre avvenimenti:

    • nel 1624, il 26 maggio, Girolama La Gattuta (originaria di Ciminna) ha sul monte una duplice visione: in sogno le appare la Vergine Maria con Gesù Bambino in braccio e le dice di scavare nella grotta perché avrebbe trovato «un tesoro, una Santa».
    • 29 maggio, l’inizio degli scavi nella grotta a Monte Pellegrino.
    • 9 giugno, la prima processione con le reliquie di santa Rosalia e il miracolo della guarigione pubblica delle persone infette e del blocco della peste (389° anniversario).

    Oggi alle 17:00 ci sarà una breve rievocazione storica della visione di Girolama La Gattuta, e una preghiera di ringraziamento. Presenti il cardinale Paolo Romeo, il sindaco Leoluca Orlando, il presidente del Consiglio comunale Salvatore Orlando, i sindaci di Ciminna, Vito Catalano, Santo Stefano di Quisquina, Francesco Cacciatore e Bivona, Giovanni Panepinto, cittadine legate in tempi diversi alla vita della Santuzza. Ognuno dei Comuni del Palermitano offrirà un omaggio alla Santuzza: Ciminna intitolerà una strada a Girolama La Gattuta, che ebbe la prima visione; Santo Stefano di Quisquina donerà al santuario una quercia alta tre metri mentre Bivona regalerà un’opera in ceramica dedicata alla santa. Sarà anche presentato il brand ideato da Barbera & Partner e inaugurata un’esposizione di pannelli illustrativi dei documenti sul ritrovamento dei resti mortali di Santa Rosalia. Si potranno ascoltare trombe egiziane e tamburi, applaudire gli sbandieratori “Ibla Major”. Alle 20 la messa, alle 21 note nella santa grotta. A mezzanotte, la prima delle preghiere per Palermo che segneranno la fine di tutti e tre i giorni di manifestazione.

    Il 29 maggio ci sarà la preghiera per lavoratori e disoccupati alle 9:30. Presenti gli alunni, gli insegnanti e il personale delle scuole di formazione professionale. Alle 18:00, racconti e curiosità sulla Santuzza e su Monte Pellegrino, a cura di Girolamo Mazzola, archivista del santuario. Presente l’assessore all’Ambiente Francesco Maria Raimondo che parlerà della proposta, nel 1959, di George Evelyn Hutchinson, presidente dell’American Society of Naturalists, di indicare santa Rosalia come patrona degli studi di Biologia Evoluzionistica. L’indicazione era legata alla scoperta di alcuni rari microorganismi avvenuta nella pozza d’acqua all’interno della grotta della santa. Alle 20:00 messa per lavoratori, disoccupati e ricercatori. Alle 21:00 performance di Marcello Mordino, Sandy Di Natale, Stefania Blandeburgo, Supernova Sound.

    Il 9 giugno alle 18, la Messa; alle 19 a piazzale del “Belvedere cardinale Pappalardo”, incontro interconfessionale tra i rappresentanti di varie religioni che intoneranno una preghiera per la città, in nome del bene comune, per lo sviluppo e la crescita interiore. Presente l’assessore alla Partecipazione Giusto Catania che parlerà di una Palermo aperta alle diverse culture; interverranno Nadia Barbera e Gigi Mangia. Alle 21:00 un minuto di silenzio: città e santuario uniti nel desiderio di pace e amore, di un agire etico da parte di tutti, governanti e cittadini. Alle 21:30 Lights and aerial dances di Josh Rizzuto e Marika Riggio – Collettivo di bottega; ‘U fistinu di Santa Rosalia del cantastorie Antonio Tarantino, con Giorgia, Alessandro e Agostino Tarantino, concerto di Mari Salvato. A mezzanotte, preghiera di ringraziamento e canto del Te Deum Laudamus.

    Palermo
  • Lascia un commento (policy dei commenti)