venerdì 2 dic
  • 11 commenti a “Le lacrime di chi si ama a Palermo”

    1. Lo spazio tutto loro per copulare era quello schifo di aiuole piene di munnizza (viale Francia) e ambiente desolato da terzo mondo? I mie cani e il mio gatto si schiferebbero a copulare in quei posti.
      Reclamano un posto per amarsi? Chi? Gente selvaggia (già fic.care in mezzo alla strada è degradante) che butta in quel modo – degradando la natura – il risultato delle fuoriuscite dai loro corpi ridicoli?
      “Sentiammée”! non basta la R arrotolata per apparire tischi toschi evoluti (chi commette quello scempio, che si vede nelle immagini, fa solo schifo)…
      e, aggiungo en passant, nemmeno per mascherare l’origine palermitana*
      * tutti quelli che utilizzano questo inutile e stupido stratagemma subito dopo evidenziano, in un modo o in un altro, in ogni frase almeno tre parole (dizioni, doppie lettere se non triple, etc) che la fanno sentire inequivocabilmente, l’origine palermitana…
      romani, napoletani, fiorentini, bolognesi, non lo fanno
      (nemmeno io, che giro in Europa fiero di rivendicare la mia palermitanità)

    2. Che strano, solitamente le lacrime escono dagli occhi, in tal caso invece il sig. Villino ci informa che escono dal pene.
      Sarebbe allora estremamente interessante analizzare quale sorta di liquido esce dagli occhi di quei Palermitani quando piangono.
      PS. Anch’io ero tra quelli che usavano il proprio Duetto Alfa Romeo per delle acrobatiche ed improbabili attivita’ amatorie, ma almeno le mie partners avevano l’educazione di non gettar tali fazzoletti pieni di lacrime (come le chiama lei) sul posto, ma di tenerli sino al piu’ vicino cestino della spazzatura.
      Qui non ci troviamo dinanzi solo a degli amanti senza posto dove andare, ma dinanzi a degli amanti senza posto e pure maleducati.
      Non si metta a piangere adesso, sig. Villino, eh.

    3. Questo filmato mi fa ridere, con un po’ di amarezza, ma mi fa ridere. Mi piace la sottile ironia che Villino usa per protestare, a modo suo, come sempre. Ed infatti conoscendo i suoi lavori su Rosalio ed essendo questo video in linea con gli altri filmati, sono certo che Villino non volesse “dispiacersi” e piangere per i luoghi d’amore che vengono a mancare, ma piuttosto mi sembra sia chiaro leggere fra le righe un “Talia ‘a chisti” con tanto di mano puntata, alla palermitana. Voglio dire, una cosa è la maleducazione, che sicuramente c’è, nello sporcare impunemente posti così belli, ma un’altra cosa è che…nessuno osa pulire…!

      Saluti, Vincenzo.

    4. come si dice a Palermo? schiffaramento?

    5. Quoto il commento di Vincenzo. Posso dire che, conoscendo Villino, spesso per dire una cosa ne dice un’altra, sopratutto quando si parla di Palermo, la città che lui ama.

    6. Ne avevo sentite di critiche al assente ferroviario, ma questa le supera tutte!!per non parlare della sporcizia lasciata…

    7. Buonasera a tutti
      Scusate ma dov’e’ la novita’ ?? sono decenni che si vedono queste cose ed anzi mi sembra siano abbastanza edulcorate quelle che mostra il video, niente di che tutto sommato
      Mi auguro con tutto il cuore che sia ironia allo stato puro…..un solo commento…..ma veramente…….possibile che non se ne possa fare a meno ? un garage, una camera chiusa in casa, una cabina !!!!! un bagno a mare la notte…..se si vuole le occasioni si trovano….forze dell’ordine ?? amministrazione pubblica ??? no comment che e’ meglio …..

    8. onde evitare comportamenti sessuali sbagliati, è bene ricordare che i rifiuti organici prodotti vanno gettati negli appositi cassonetti, evitando al contempo comportamenti sessuali non corretti (che non sto a specificare) e che prevedono la scomparsa dei liquidi seminali prodotti.

    9. Conoscendo l’ottimo Roberto Villino ed i suoi lavori posso confermare che si tratta di un video di protesta girato in piena e totale ironia. Un modo sottile ed intelligente per sottolineare ciò che non va in questa (poco) felice città.

    10. Roberto Villino l’autore del post e Roberto Villino il giornalista che ad esempio vedevamo nelle telecronache delle partite domenicali su tgs non sono la stessa persona, giusto?

    11. @Colorina No, non sono la stessa persona.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Le lacrime di chi si ama a Palermo, 5.0 out of 5 based on 3 ratings