sabato 3 dic
  • La catena dei libri reinterpretata alla palermitana

    «Se mi taglio esci tu! Ti amo»

    Una catena (di Sant’Antonio) ci seppellirà, anche io mi appresto ad elencare le dieci letture che hanno cambiato la mia vita:

    1. Se mi taglio esci tu – Tano Zen;
    2. Non posso fare almeno di te – Mimmo Ballarò;
    3. Io per te muoro – Caterina Munnizza;
    4. Mona mour – Emile Schifiè;
    5. Questo amore immenzo per te – Salvo Ruborgo;
    6. Io e te siamo un quore solo – Maria Di Capo;
    7. Prova ha d’amarmi – Filippo Santocannolo;
    8. Ta firi tu? – Jhon Trafic;
    9. Uellcom tu Vucciria – Mike Garrafael;
    10. Sangu mio – Pino u’ Cassatino.

    Nomino a mia volta il Genio di Palermo, Santa Rosalia e Franco ‘u Vastiddaru.

    Ospiti
  • 8 commenti a “La catena dei libri reinterpretata alla palermitana”

    1. Bhè ci sarebbe anche
      1. Qui non si condono panini (panificio Costa via Brunelleschi)
      2. Cornuti di razze chi butta i rifiuti (Tanuzzo di Cruillas)
      trend topic!

    2. tre metri sopra il settimo celo

    3. E il si arroste carne?

    4. Ma anche “non sostare senza te”.
      Divertentissimo! Brava

    5. Su una lapa:”Si sbarazzano garaggi-cantine-catoi-tetti morti”

    6. “Se mi taglio esci tu” é vera poesia.

    7. Semplicemente geniale

    8. Questa ragazza è genio

    Lascia un commento (policy dei commenti)

La catena dei libri reinterpretata alla palermitana, 5.0 out of 5 based on 3 ratings