domenica 4 dic
  • Il prototipo del testa di *bip* a Palermo (quello che si sente figo)

    Partendo dall’alto:

    • capello cortissimo ai lati e lunghissimo in alto con ciuffo enorme vaporoso o in alternativa tirato all’indietro con chili di lacca;
    • barba enorme da spartano;
    • baffetto sottile arricciato da toccare continuamente come fosse un gatto;
    • camicia (rigorosamente orrida con fantasie hippie anni 70) chiusa fino a non potere deglutire;
    • orologio Casio (quello che fino all’anno scorso usavano i lavavetri) color oro;
    • tatuaggio rigorosamente colorato e marinaro sull’avambraccio;
    • pantalone asciuttissimo di dubbio colore (senape, giallogno o roba simile);
    • svoltina tipo inondati del Venezuela;
    • calzina che non è ne corta ne fantasmino, rigorosamente bianca;
    • Vans stretta fino a fare spuntare le varici nei polpacci;
    • per finire, foto e selfie solo con effetti sporchi ingialliti e vecchi.
    Ospiti
  • 24 commenti a “Il prototipo del testa di *bip* a Palermo (quello che si sente figo)”

    1. Sai chi è il prototipo delLA (sì, testa è femminile) testa di bip a Palermo? Chi crede di poter giudicare una persona da come si veste o da come porta i capelli, voi con la puzza sotto il naso che, dall’alto della vostra presunta superiorità, potete permettervi di classificare la gente.
      Ah, e tanto per essere chiari, tra le altre cose alterno un orologio da lavavetri (sai che disonore) e le vans (le mie vene stanno bene).

    2. Alessio sei un grande, mi hai preceduto.
      Il signor Camilleri faccia prima a definire l’identikit (taglio capelli, abbigliamento, gusti sessuali, ecc. ecc.) dell’uomo “giusto”.
      …. mamma mia… questo post è inquietante

    3. Hahahhaha hai scatenato l inferno! Sappiate che con i vostri commenti volti a smentire quanto si vede in giro, non fate che confermare lo status d pecoroni e che trattasi non di uno stile proprio ma un unico modo. Per sentirsi parte di un mondo che per ora DEVE andare così. Vuoi portale la barba, il pantalone attillato modello capri, il tatuaggio nero rosso verde e giallo.. Fallo pure! (tra l altro a me piace pure) ma.. Fallo perché t rappresenta e non perché vuoi rappresentare una moda del momento. Se t senti offeso.. Fatti una domanda 😉

    4. brava Stefania, mi hai capito in pieno!

      comunque sia, è sempre tempo per farsi due risate!!!!!

    5. Stefania tu dovresti farti delle domande sul tuo grado di maturità. Spero per te che non abbia più di 20 anni. Una cosa è criticare chi segue la moda come le pecore, come dici tu, e un’altra è definire testa di… cazzo, minchia? A quale sinonimo fallico allude il signor Camilleri? E tanto per precisare, ma non sarebbe importante, personalmente non porto quel taglio di capelli perché non mi piace, né barba da spartano. Questo per chiarirti che non mi sento minimamente chiamato in causa dalla descrizione di cui sopra. Post come questi, che a quanto pare l’autore vorrebbe suscitassero ilarità, non fanno altro che fomentare un clima di pregiudizi tipico di città arretrate culturalmente. Una conseguenza classica è la selezione che fanno per entrare nei locali pubblici, roba da medioevo. E la colpa è di persone come voi.

    6. Scatenato l’inferno per tre commenti??
      Ma quale capire…qua c’è solo da fare una gara a chi deve vergognarsi di più tra chi ha scritto il post è chi lo ha pubblicato

    7. La e senza accento così hai guadagnato un altro commento.

    8. @Scimo’ era belli i tuoi post con negro che si arraspa il culo…

    9. Siamo sempre fieri di pubblicare i contributi che ci arrivano da chiunque, onorando il nostro motto «…a Palermo pure io». Vi invito a rimanere in tema. Grazie.

    10. Ha ragione Alessio, io non ho ne i capelli, ne la barba delle persone che vengono “descritte” nel post. Però classificare in questo modo la gente, è proprio brutto. Più che farmi 4 risate, mi farei un bel pianto lungo, nel momento in cui ho deciso di leggerlo il post. Magari le teste di Bip non sono chi si veste in questo modo (che tra l’altro a me non piace, e non mi ci vestirai mai) ma chi vuol far ridere, denigrando una categoria di persone, che fa delle scelte.

    11. Post tristissimo, sarebbe bastato non etichettare come teste di bip il suo prototipo
      @alessia: scrivi come una bimbaminkia pertanto avrai sicuramente non più di 15 anni…o ne hai di più?

    12. Bravo Ruben
      Hai descritto un esemplare.Non difficile da incontrare in certe zone ed a certe ore.
      Non lo hai descritto ne’per far ridere qualcuno,ne’ per far piangere.
      Io ne ho visto uno così con 3 braccialetti sul braccio sx,2 orecchini ,di cui uno diamante tipo strass,e 3 anelli abbastanza vistosi nella mano destra.
      Mancava una sveglia al naso ed il quadro sarebbe stato completo.

    13. Rosaria quel calo nero aveva capacità più complesse della sua testa.

    14. Vi invito a essere rispettosi nei vostri commenti. Grazie.

    15. concordo con Alessio. E’ un post inutile, che non fa ridere. Mette fortemente in discussione le capacita cognitive dell’autore. Una persona è “testa di bip” perché vuole vestirsi in un certo modo piuttosto che un altro?

    16. Nessun post è inutile.

    17. Come ha ragione, Entità Moderatrice!
      Uno dei miei professori al liceo diceva che tutto insegna, anche il foglio di giornale “a coppino” col quale i fruttivendoli incartano gli ortaggi.
      L’unico problema e’ che è difficile piegare lo schermo del monitor a coppino.
      Ora ci provo.

    18. David anche il tuo commento è utile ma fuori tema e questa non è una chat. Rimuoverò ulteriori commenti fuori tema. Saluti.

    19. Il post sembrerebbe descrivere un hipster.

    20. Adesso, non è per rompere le uova nel paniere o per fare il saputello ma obiettivamente il post è scritto molto male. Sia nella forma (oggettivamente) che nella sostanza (soggettivamente).

    21. Posto che, nell’incontrare qualcuno corrispondente alla descrizione del post, la mia reazione potrebbe essere di divertito trasalimento (perchè in fondo ciò che è così tanto diverso da noi, o ci spaventa o ci imbarazza)… Da qui ad additarlo pubblicamente come testa di bip ce ne passa… Insomma, qualunque sia l’intenzione del post (farsi due risate? Alle spalle del povero hipster/tascio di turno?) credo che… No, non si fa… Non è politically correct, e manco divertente… PS: il Casio vintage è una figata, e in tema di capelli posso solo provare invidia 😉

    22. Vorrei far notare che la descrizione dell’autore del post ricorda più un hipster che una “testa di bip”…

    23. Scusate non avevo letto gli ultimi post dove si faceva notare quello che ho scritto io. Sicuramente Rosalio merita contenuti migliori…

    24. Stavo per definire teste di bip tutta quella gente che si prende tanta cura di guardare l’aspetto esteriore degli altri, ma non mi abbasso allo stesso livello, li chiamero’ simpaticamente “schiffarati”, e “frivoli”. Schiffarati perche’ dotati del tempo necessario per porsi problemi esistenziali sull’apparenza altrui, fatto di certo non di primaria importanza (Gio’, non sei ne’ Dolce e manco Gabbana, datti na calmata). Frivoli perche’, con la critica di qualcuno “diverso” provano a sottolineare una loro superiorita’ tutta da dimostrare. Frivoli anche perche’ non si rendono conto che la non-appartenenza a una “moda” li spedisce immediatamente dentro a uno dei gruppi modaioli che tanto criticano, i “mai mi vestirei in quel modo”. Vivo in un posto dove potrei andare in giro con un casco di banane in testa e non lo noterebbe nessuno: non e’ bellissimo?

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Il prototipo del testa di *bip* a Palermo (quello che si sente figo), 2.3 out of 5 based on 3 ratings