sabato 10 dic
  • Orenove – Povera mafia

    La mafia? È una vittima dei Poteri Forti cui ovviamente non appartiene. Cosa nostra stata corrotta dalla Finanza e dal malaffare. Non vi siete accorti com’è cambiata in peggio? Prima i boss avevano una morale. Non ammazzavano le donne e i bambini. Poi l’hanno corrotta e l’hanno rovinata. Non porteranno Riina e Bagarella al Quirinale, per la deposizion del Presidente per proteggerli da lui. Possono sopportare il carcere duro del 41bis ma il Napolitano bis, quello proprio no. Poverini, come non pensare a loro con un singulto di solidarietà.
    Queste cose non le ha scritte uno sceneggiatore psicopatico per un mafia movie politicamente scorretto finanziato coi soldoni di Cosa nostra. No. Le ha dette ieri Beppe Grillo a Palermo durante un comizio in pubblico davanti a centinaia di persone.
    Per una volta vorrei presentare i miei “titoli” perché mi danno titolo di esprimere il mio punto di vista. Faccio il giornalista dal 1970 moltissimi dei quali trascorsi ad occuparmi di mafia. Questo non vuol dire che le cose che penso siano Verità Rivelata. Ma le cose le so.
    Ma, mi chiedo, c’è bisogno di scendere nei dettagli? Volete che mi metta a spiegare che la mafia è la grande corruttrice e non certo una vittima? Con quale faccia si può sostenere, contro la Storia, che s sono fatti abbindolare da qualche finanziere furbetto del quartierino? La mafia ha una morale? Non ammazzava i bambini? E il pastorello di Roccabusambra negli anni 50? E i morti di Portella, donne comprese?
    No, nn vale la pena. Grillo nn è un comico ignorante. È molto peggio. È uno che sta elevando il cinismo a sistema. Come la Lega, come i giornali forcaioli cerca il ventre molleccitarla della gente per dire loro quello che vogliono ascoltare. Piove, governo ladro, sono tutti cornuti. Poi urla contro gli sbarchi, cerca alleanze con la destra xenofoba europea. Non teme nessuno, non c’è che dire. Forse ci meritiamo uno come Grillo e non ci meritiamo uno come Napolitano. Tempi duri per i vecchi.

    Orenove
  • 10 commenti a “Orenove – Povera mafia”

    1. Non mi preoccupa Grillo, con le sue sparate. Mi preoccupano le migliaia di persone che lo applaudono e poi qualche giorno dopo vanno a fare la scorta civica al magistrato. Proprio come i mafiosi che prima uccidono e poi pregano….

    2. Daniele, visto che fai il giornalista chi meglio di te sa dirmi prima dell’intervento di Grillo di cosa si é parlato? Puoi riportarci qualche frase di Di Maio o di Cancelleri…?

    3. Ogni episodio va collocato in un’area geografica ed ad una certa epoca.
      Un episodio non può bastare a trarre conclusioni.
      A Portella spararono gli uomini di Giuliano ed i mandanti erano i politicanti dell’epoca.
      Che la Mafia abbia avuto i suoi codici d’onore e’ storicamente riconosciuto.
      Nel tempo questi codici di sono persi.
      Comunque,per me,Grillo ha scelto la via della provocazione,ancora in questo caso.

    4. La mafia non ha mai avuto una morale ed è la prima causa del sottosviluppo della Sicilia.
      E come me la pensano tutti quelli che erano in piazza davanti l’ARS.
      Le proposte antimafia fatte in parlamento dal M5S sono fatti concreti (depositati agli atti parlamentari) che non sono stati votati dagli altri partiti.
      Quindi Grillo e il M5S non hanno nessun motivo per sminuire le colpe della mafia.

      Nei suoi “comizi” Grillo usa l’intensità della voce, la mimica e soprattutto inserisce commenti satirici ai fatti che racconta. Ecco perchè il resoconto testuale delle sue parole cambia totalmente senso alle sue parole.

      Chi era in piazza ha compreso che la frase provocatoria, paradossale, e sbagliata se presa a solo, non era a favore di una mafia antica ma serviva a far capire che oggi è la mafia finanziaria che comanda con la complicità dei colletti bianchi.

      Grillo ha tanti difetti, sbaglia come in alcuni casi hanno fatto gli eletti del M5S e come ha ammesso Di Maio in piazza, è più che lecito criticarlo ma non si può dire che cerchi il favore della mafia. E soprattutto sono insopportabili le polemiche di quei partiti che hanno convissuto (non tutti) con la mafia negli ultimi 70 anni.

    5. Sono d’accordo con Libero

    6. Libero, riprendo il tuo periodo: E soprattutto sono insopportabili le polemiche di quei partiti che hanno convissuto (non tutti) con la mafia negli ultimi 70 anni. Hanno convissuto? O meglio convivono visto che è notizia di ieri del politico PD arrestato in lombardia per fatti di ‘ndrangheta, solo che ovviamente ci si indigna per le parole di Grillo mentre a questi fatti ci si è ormai assuefatti.

    7. Milano Expo.
      Il mondo
      Politico,bancario,imprenditoriale,
      Indagato
      per combutta con le cosche criminali.
      E vai !

    8. Egregio Dottore
      Nella Sua estrema sintesi e’ evidente che non si poteva soffermare sugli sterminati episodi di mafia che hanno lastricato di sangue e terrore questa nostra Italia, ne’ tantomeno da Lei potevamo pretendere una disamina circostanziata dei rapporti nel tempo consolidatisi fra l’organizzazione criminale, la politica e la finanza, ma se veramente ritiene che la Sua pluridecennale esperienza Le consenta di considerare le affermazioni del Signor Grillo (referente di un movimento che ha preso alle sue prime vere elezioni politiche quasi il 25% dei consensi e tuttavia ignorato dal nostro beneamato presidente Napolitano (ieri interrogato al quirinale dai magistrati di Palermo nell’ambito delle indagini per la “non”presunta trattativa stato/mafia) solamente banalita’ propagandistiche, allora mi permetta di ricordarLe magari un paio di cosette buttate li a caso.
      Il nome di Salvo Lima le dice qualcosa ? Giulio Andreotti e’ ben presente nella Sua mente ? i cugini Salvo se li ricorda ? il nostro ex ed ancora in auge presidente del consiglio Cav.(ex anche quello) Silvio Berlusconi le suscita emozioni forti ? (stallieri ed assegni a personaggi certo non di degna fama)
      Egregio Dottore sono solo alcuni riferimenti messi li alla rinfusa, lei cita Portella della Ginestra ben sapendo che quella fu una strage funzionale ad un determinato progetto politico (e quindi finanziario) pianificato nell’ambito dell’alleanza atlantica, e non voglio entrare nei dettagli di chi si trovava li materialmente a sparare e quali armi furono utilizzate, lasciamo perdere, sapra’ anche di certo come la mafia in sicilia fu utilizzata per l’invasione da sud verso la line gotica, e di come fu ben ricompensata con importanti cariche istituzionali di vario genere, e rilasciamo perdere, ma di cosa mi viene a chiacchierare delle affermazioni di Beppe Grillo ?? che la mafia sia stata “”corrotta”” dalla politica e dalla finanza fino al punto di essere in grado di “movimentare” circa il 15% dei valori complessivi in Piazza Affari lo sanno anche i bambini delle elementari da anni, che gli affiliati della vecchia mano nera successivamente ridenominata cosa nostra, avessero un codice d’onore lo sanno anche i muri di tutte le citta’ americane ove operava.
      Per non dilungarmi ulteriormente vorrei solo chiederLe cortesemente di non bluffare su argomentazioni cosi’ delicate e di venirci a raccontare semplicemente chi le sta antipatico e chi no, tutto qui, la non scomodiamo la storia
      Grazie e un saluto

    9. Billitteri hai perso un occasione per non sparare mink.. e tenere la bocca chiusa… vediamo da qui a fine anno quanto ce le devi frantumare..
      magari inizi a parlare di pesca o zootecnica.. che è meglio.. come diceva grande puffo!!!

    10. Bat ti invito a essere rispettoso nei tuoi commenti. Grazie.

    Lascia un commento (policy dei commenti)