venerdì 2 dic
  • emoji

    Glossario palermitano delle emoticon su WhatsApp

    Le parole sono importanti. Talmente importanti che le abbiamo spazzate via. In una guerra all’ultimo respiro in cui ad avere la meglio sono state le emoticon. Le “faccine” per intenderci, cartine di tornasole di sillabe spesso troppo complesse per essere comprese. E così spazio ad Emoji, che significa tutto e niente insieme. In cui significato e significante sono la stessa cosa a corrente alternata. L’erosione del linguaggio si è compiuta anche a Palermo in favore della tirannia del cuoricino.

    Cuinnutu e sbirru
    Allazza
    Mettiti ‘u parrapicca
    Chi si rici?
    Bedda matri!!
    Mi ra cammurria!
    Sapiddu
    Affaccia ‘u suli e affaccia pi tutti
    Aiutati ca Diu t’aiuta
    Agghiurnò!
    Avi ‘a lingua surata
    C’ha passatu mai pu nna timpiesta ‘i cavuci e pugni?
    Talia a chiddu!
    Ava’ ca mi sta piacennu ‘sta taliata!!
    Chi minchia ci talii?
    Sangu mio!
    Semu ricchi e mancu ‘u sapemu
    Va’ ricci cuinnuta a to’ nanna
    Ma l’hai pigghiatu mai na cunfusioni ‘i buoffi?
    Zittuti!
    Accura!!!
    Ma cu si sienti? ‘U re’ i Napuli e quattr’assi?
    So’ mugghieri ci fa cchiossai cuorna ca spaghetti
    Si’ cchiù biecchiu r’a caminata a pieri
    Ti rugnu boffe due a due fino a quannu ‘unnadiventano rispari
    ‘Nni viriemu rumani e siddu unn’avissimu a bbiriri speramu c’ammancassi pi tia
    Oh compa’, pigghia p’asciutto!
    Mamàààààà chi si’ lariuuu… Pari ‘a manigghia r’a puorta
    Ma chi ti susisti pi cunsumari a mia?
    Ci vinni ‘u sstinnicchio
    Smoviti ‘u sangu ca è virdi!
    A freccia mancu l’indiani ormai
    È luongu ammatula!
    Botta ri sale!
    Biedda tiesta chi c’hai
    Chista è ‘a zita e cu vole s’a marita
    Ci vinni ‘u virticchiu!
    È nuddu miscatu cu nienti
    Pari ‘na cataprasima
    Sciatiri ‘e matri
    Si banniera ‘i cannavazzu
    Ti rugnu ‘na carcagnata!
    T’a futti ‘a spisa!
    Ti livasti ‘u tistali
    ‘Un fari bruoru
    M’appattasti ‘a sittanta
    Chista è carta mala pigghiata
    Sugnu p’a priessa
    Va’ cuogghi luppini
    Chi ci riri, ‘u birriuni?
    Cucì ‘un t’infugnari
    Ma bell’a verità
    Arrassati
    Accattò ‘u picciriddu!
    Ti purtasti ‘u cirivieddu
    Livatimillu ‘i ravanzi l’uocchi
    Ma cu t’a rietti ‘a patenti?!?
    Fimmini a vasari e babbaluci a sucari ‘un ponnu mai saziari

    Palermo
  • 2 commenti a “Glossario palermitano delle emoticon su WhatsApp”

    1. Ma sto genio da dove salta fuori?

    2. Uhm ….. sono perplesso …

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Glossario palermitano delle emoticon su WhatsApp, 4.4 out of 5 based on 7 ratings