domenica 4 dic
  • Sicilia

    Sicilia…’na picciridda ca curri scantata

    «Un posto ci sarà
    per essere felici
    cantare a squarciagola
    e dici tutt’ chell’ ca vuo’ tu
    Un posto ci sarà
    dove si spera ancora
    la gente porterà
    una storia nova
    io son pazzo di te
    ‘e chesta furtuna
    Sicily
    terra ‘e nisciuno…».

    Chista è ‘a Sicilia, terra ‘i nuddu
    Nuddu ca parra, nuddu ca dici,
    Nuddu ca sape, nuddu ca senti
    Nuddu ca vole, nuddu ca fici
    O pî sarbariti strinci ch’i renti
    Terra ‘nfame, bedda e dannata
    Terra di suli, mari e biddizzi
    Terra ca canta lunniannu ‘a jurnata
    Capiddi rizzi, vasate e caprizzi
    Terra ca ferma e isulata nascisti
    Terra ca lassata e sula campasti
    Terra ca, un ti nni adduni e muristi
    E pi nu vasu, na carizza prejasti
    Nuddu ca mori pi tìa comu Matri
    Nuddu ca parra cu tìa comu Frati
    Nuddu ca preja pi tìa comu Patri
    Semu figghi pi finta innammurati
    Si na cosa bedda e delicata
    Si na picciridda ca curri scantata
    Si na panzata di aria priata
    Aria di ’nvernu d’estati addisiata
    Chista è ‘a Sicilia, terra ‘i nuddu…
    …cca semu ‘n Sicilia, terra ‘i tutti!

    Ospiti
  • 2 commenti a “Sicilia…’na picciridda ca curri scantata”

    1. semplicemente bravo!

    2. […] più Capace di credere in se stessa, È più spoglia dei suoi alberi in autunno, è La Sicilia, ‘Na picciridda ca curri scantata, non È una storia con la quale emozionarti Nihil […]

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Sicilia…'na picciridda ca curri scantata, 5.0 out of 5 based on 3 ratings