venerdì 9 dic
  • La bellezza dell'abusivismo

    La bellezza dell’abusivismo

    oggi, un anno fa è stato il crollo alla piazza garraffello e un ora dopo dall’ altro lato della piazza lo smantellamento abusivo, fatto con cattiveria dal bene comune, della mia opera »banca nazion« che, come sappiamo dalle nostre televisioni e dai nostri giornali, ho ri-installato di nuovo con amore per i nostri concittadini e i nostri picciotti sorridenti. quindi in questo anno sono stati fatti grandi lavori di messa in sicurezza a tutti i palazzi monumentali della piazza con il comando, della messa in sicurezza, del bene comune ai cattivi padroni privati dei loro palazzi abbandonati a spese loro con i loro soldi miserabili, mentre il nostro bene comune ha lavorato per noi per il futuro della nostra città e per la crescita della nostra economia. noi abbiamo sempre fondi speciali da parte da spendere per progetti principali come la loggia dei catalani dopo il crollo. un anno di lavoro con architetti, ingegneri, geometri, idraulici, pochissimi operai, archeologi, storici, ispettori, il nucleo operativo protezione beni culturali, vigili urbani, carabinieri, finanzieri, pompieri, i membri del rap e pure emilio arcuri con sua sorella sono stati qua per salvare la fontana dai vandali, di fronte la nostra bellissima loggia dei catalani che adesso è un cubo di cemento, beton e ferro.
    incrollabile e messa in sicurezza per altri 17 anni. l’ultima volta la messa in sicurezza è stata fatta quasi 17 anni fa. la cittadinanza e i nostri amati turisti sono convinti con tutto il cuore che questo rudere è del bombardamento della seconda guerra mondiale, l’ invasione americana per colpa dei grotteschi tedeschi nell’ anno 1943. diciamo allora che negli ultimi 72 anni la loggia è messa in sicurezza ogni 17 anni, sempre più di un anno di lavoro con le spese come in questa volta che superano 2 milioni di euro con tutta l’amministrazione indietro per un totale? comunque la piazza garraffello è il cuore commerciale della storia di palermo e fino ad oggi si paga questo valore senza dubbi ed io lo ho confermato con le mie belle rose fatte per i prossimi 72 anni, anzi i prossimi 17 anni fino al prossimo crollo. e poi non vi preoccupate, da parte ci sono sempre soldi da spendere, password: i nostri fondi speciali. e pure cari cittadini, non vi preoccupate, in tutto questo io non c’entro niente, i miei servizi qua sono solo per trasformare una pancia magra in una pancia grassa che cresce nella mia ombra senza l’iva.

    piazza garraffello: ex loggia dei genovesi, ex loggia dei catalani, adesso loggia dei palermitani
    titolo: la bellezza dell’abusivismo
    intervento: 39°
    colore: ad altissima resistenza con pennello
    autore: io
    giorno: 01 febbraio 2015

    vi auguro un buon pranzo,
    uwe

    Ospiti
  • 33 commenti a “La bellezza dell’abusivismo”

    1. La scheda tecnica dell’opera è un capolavoro.
      Il post, fra l’incomprensibile, l’accorato, lo storicista ed il disilluso, è un bell’esercizio involontario di stile.

    2. ….tra le righe hai detto TUTTO.
      Grazie Uwe!

    3. Si’, si’, ha ragione Maestro Uwe, non si preoccupi.
      E cos’altro si puo’ dire dinanzi a post del genere?

    4. 1.cosa e’ banca nation ?
      2.chi ha dipinto la svastica?
      3.come mai non si fa piazza pulita e si lascia un rudere a rischio crollo?
      (Si può sempre ricostruire l’edificio,tale e quale)

    5. Testo astruso e titolo fuorviante. L’unica spiegazione e’ che quando si parla di bellezza dell’abusivismo si faccia riferimento a banca nazion. Ai posteri l’ardua sentenza.

    6. Cos’è?
      Un post per iniziati?
      Qualcuno ha capito tutto ed i piu’ non hanno capito un bel niente.
      Ma,come si fa a scrivere sul niente ?

    7. scrivere sul niente? certo sentire disquisire di “Vucciria” persone dell’importanza di Andò e Betta sul nuovo progetto-concerto che presenteranno sulla Vucciria (partendo dall’ormai “mitico”quadro di Guttuso)al Teatro Massimo fa piacere,anche se mi chiedo da quanto tempo queste persone non “vivano”più la Vucciria ed il defunto mercato….E’un pò più difficile APPORFONDIRE quello che OGGI è la Vuccira partendo dall’amore che UWE dimostra con costanza su P:zza Garraffello..è vero il linguaggio è..quello di Uwe ma se solo si conoscesse un pò di più quello di cui parla..sarebbe cosa buona e giusta…e di non difficile interpretazione ma…vabenecosì.a molti.

    8. APPROFONDIRE CON ..COSTANZA.

    9. Senti un po’,tu che hai capito tutto.
      Prova a rispondere ai miei quesiti.
      Poi prova a spiegarci cosa vuole dimostrare questo post,
      che per molti di noi rimane incomprensibile.

    10. Senti tu che non hai capito…L’autore è Uwe e non devo essere io a “tradurre” nulla ..casomai se qualcuno vuole “tradurre” qualcosa può essere solo chi lo pubblica…mi piacerebbe tanto che Uwe scrivesse in Inglese o tedesco ma poi forse in molti avrebbero bisogno di una “traduzione”!

    11. anzi …non mi piacerebbe affatto il suo italiano va bene,magari lo parlassi io l’inglese o il tedesco come lui fa con L’italiano….quanto alla possibile “traduzione”il mio riferimento a chi lo pubblica era ,chiaramente .a Rosalio..sempre che lo ritenga opportuno…

    12. Non cercare di defilarti.Sei tu che hai scritto tra le righe ha detto tutto.E noi tra le righe non ci abbiamo capito niente.Quindi dovresti usarci la cortesia di spiegarci quello che hai capito tra le righe,evitando di cambiare tema.

    13. trovo incomprensibile il suo commento Isaia Panduri.
      per fortuna esiste Rosalio blog, altrimenti David non avrebbe come passare il suo tempo.
      @curioso si documenti.
      Perquod vive alla Vucciria, lui conosce la profondità e la realtà di ciò che accade in questo luogo e soprattutto in questa piazza, la piazza Garraffello, di cui forse avete letto, visto qualche fotografia, bevuto un paio di birre, ci siete passati calpestando le sue false balate, ma aldilà di questo siete molto lontani dalla realtà
      leggere i vs commenti mi fa arrabbiare e sorridere:
      arrabbiare perchè mi rendo conto della superficialità e strafottenza nei confronti di questo luogo; sorridere perchè scrivere di qualcosa che non si conosce può anche essere divertente, ma ci vuole fantasia.

      con riguardo
      Costanza
      ,

    14. abbiate pazienza.Saranno dieci anni che non metto piede alla Vucciria.Confesso la mia ignoranza su quello che e’ oggi la Vucciria.Ci saranno migliaia di persone nelle mie condizioni.Volete avere la cortesia di spiegarci cosa volete dire ?

    15. Credo che Isaia panduri abbia in qualche modo invece ,centrato,qualcosa…credo. Apprezzo molto quello che scrivi e soprattutto la tua eleganza…con riguardo Pequod.

    16. Eh Principessa, ognuno il tempo lo passa come meglio crede.
      Per esempio il suo compagno, a 45 anni si comporta ancora come un adolescente imbronciato che vuol esser sempre compreso e capito, altrimenti s’arrabbia ed inizia a sproloquiare di sesso ed escrementi come ha gia’ fatto in passato.
      E’ questo forse esser artisti? Ne dubito.
      Si e’ forse improvvisatori, provocatori, saltimbanchi, etc, ma l’artista, quello vero, e’ tutt’altra cosa, e glielo posso garantire vivendo a Londra e vedendo con i miei occhi quotidiamente mostre ed installazioni artistiche varie.
      Comunque, contenti voi contenti tutti.

    17. si contento di vedere Arte ,ogni giorno,sotto le più svariate forme in un posto dove…dove non si mette piede da 10 anni,vero david?O dove i panormiti ,quelli “colti”non mettono ,quasi mai,piede.Comunque ,è vero,contenti voi,contenti tutti.

    18. no era curioso che non ci metteva piede da 10 anni,tu david …tu vivi a Londra.sorry.

    19. Non vedo il nesso,mi spiace !

    20. ok curioso ma se vuoi davvero saperne di più basterebbe intanto metterci piede ,un passeggiata se trovi il tempo è piacevole,soprattutto di giorno per iniziare..

    21. comunque la mia domanda è: alla fine dei lavori il bene comune deve coprire tutto con cemento, allora si deve coprire le rose, ma non l’aquilla di guerra. diciamo per l’estetica asociale. però se volete questi belli fiori si rispare un sacco di grano dei fondi speciali. decidete voi, concittadini, il bene comune siete voi.

    22. A Uwe. Continui a dichiarare abusivo l’intervento del Comune sulla tua opera quando non mostri alcuna prova delle autorizzazioni ricevute per la sua costruzione. Se le cose stanno cosi’ da qualsiasi altra parte saresti denunciato per diffamazione e multato in quanto “abusivo”. Se non hai autorizzazioni non puoi lamentarti che la tua opera sia stata eliminata, ma stupirti che sia ancora la’.

      A Pequod. Lasciamo da parte l’amore dei singoli e parliamo del problema socio-urbanistico che viene denunciato nell’articolo (per quel poco che c’ho capito). Se non sbaglio c’e’ un’ordinanza comunale per cui se un palazzo viene dichiarato pericolante i proprietari devono intervenire o perdono la proprieta’. Di chi sono i palazzi? Sono del Comune ormai? Vengono messi in sicurezza e non ristrutturati per mancanza di soldi o perche’ la zona non e’ ritenuta primaria per investimenti? Ricorderei a tutti che la stessa piazza Bologni e’ un cumulo di macerie. Esistono possibilita’ di recupero o i danni sono estremi? Conviene il recupero in un posto dove regna l’anarchia piu’ totale? Non sono un esperto, anzi non ne capisco niente. Ritengo che sia il centro storico di palermo e non solo la piazza di uwe ad essere ridotta cosi’. Servono politiche di riqualificazione serie, riportare i palermitani in centro, rendendolo fruibile. Sfortunatamente i palazzi della piazza e la fontana sono solo la punta dell’iceberg.

      A Costanza. Capisco quanto tu possa tenere al posto in cui vivi, io tengo al mio, e posso assicurarti che e’ nelle stesse condizioni. Purtroppo oggettivamente non ritengo primario restaurare palazzi in un’area secondaria, quando “i salotti” palermitani, quelli per intenderci che porterebbe piu’ turismo, soldi, capacita’ di recupero, cadono a pezzi. In piu’ se hai informazioni in piu’ su qualcosa o qualche posto, per favore condividile invece di liquidare la gente con un semplice informati.

    23. Francesco , Tu vivi nel mondo delle favole e hai tutti i diritti di essere un abusivo !

    24. definizione e significato del termine abusivismo contro molto concittadini di palermo del bene comune attuale é ridicolo. meglio si dice niente é un detto siciliano.

    25. Ci vuole un super computer per decriptare il significato,
      oppure
      sarà sufficiente un intervento di pequod?

    26. che dirti curioso,il tuo nick mi ha suggerito di invitarti a fare una passaggiata in vucciria consapevole anche che non scopriresti niente di nuovo ,visto che dalle tue parole mi pare di cpire che conosci bene certe situazioni ….magari ci s’incontra e chiaccheriamo un pò..per il resto Uwe secondo me, prova solo a dirti che dietro la parola abusivismo ci sta un mondo…ci sono quelli ch ne approfittano e ci marciano sopra e ci sono dei poveracci che lavorano per far campare la famiglia e prendersela ,spesso,come è stato fatto con quest’ultimi è da vigliacchi.Occorre dare un aiuto ed una possibilità.occorre il dialogo e soprattutto occorre ,come hai detto tu stesso,una politica del bene comune che sappia riqualificare il centro storico partendo da quello che oggi è,e da chi lo bita da sempre …e non ,solo,da quello che in un lontano futuro è stato…mercato…..e poi ,soprattutto,occorre non buttare i soldi pubblici in interventi inutili e di facciata….se son rose fioriranno..e spero che siano quelli di Uwe a ..fiorire ma questa è una città ormai priva di qualunque capacità di…sognare.ecco il mio intervento,curioso,ci ho provato…

    27. In sostanza Uwe vorrebbe dire che e’ ridicolo parlare di abusivismo quando un’attività si espleta per campare la famiglia.Un’opinione rispettabile.
      La foto del post pero ‘ e’ inquietante.Sembra ,con quello sprofondare,l’anticamera dell ‘inferno.
      Forse chi ha messo la svastica ha voluto sottolineare che in uno posto così possono accadere cose terribili.
      Quelle rose rosa manifestano una speranza.
      E così?

    28. No. io non so cosa voglia dire,davvero, Uwe…forse è solo la mia di speranza..chiamiamola così.
      Pequod

    29. Siamo realisti.Continuando di questo passo,non solo la VUCCIRIA,ma anche tanti altri siti palermitani sono destinati ad un progressivo degrado da cui oggi non si intravede via d’uscita,Invertire la rotta rimane un sogno.I sogni muoiono all’alba.

    30. mi piace l´ultimo commento curioso

    31. bisogna essere STRONZI per fare quello che stanno facendo…solo dei GRANDI STRONZI!

    32. forse ho un pò esagerato ma ero profondamente dispiaciuto…adesso ,forse, sarebbe meglio dire…La “bruttezza del bene comune!”

    33. pequod? e solo una decisione di cemento e quelli che spendono non sono soldi siciliani, sono soldi del nord e si compra cemento e pure coca.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

La bellezza dell'abusivismo, 5.0 out of 5 based on 1 rating