domenica 26 mar
  • Tram: tempi incerti per la prima corsa, si prevede attesa di 20 minuti alle fermate

    Gianfranco Rossi, responsabile d’esercizio delle tre linee cittadine del tram di Palermo, è stato ricevuto in audizione dalla Terza Commissione Consiliare del Consiglio Comunale. Sarebbero ancora parecchie le criticità da risolvere (anche legate alla sicurezza e alle barriere architettoniche) e i tempi sono incerti; forse non ci sarà nel 2015 la prima corsa.

    Nel frattempo si comincia a discutere dei tempi di attesa alle fermate. La linea 1, lunga circa 6 chilometri, sarà dotata di otto tram (quattro per ogni direzione) e potrebbe essere necessaria un’attesa di 20-25 minuti contro una media nazionale di 3 minuti. Potrebbero esserci tempi d’attesa ancora più lunghi per le altre due linee dotate di 4-5 vetture (2-3 per ogni direzione).

    Non esiste ancora un piano della mobilità collegato con le linee tranviarie tale da garantire la continuità del servizio di trasporto pubblico una volta terminata la corsa del tram.

    Palermo
  • 15 commenti a “Tram: tempi incerti per la prima corsa, si prevede attesa di 20 minuti alle fermate”

    1. che fretta c’è? tanto non serve a niente..

    2. Sei km senza indicare il numero di fermate,dice poco.

    3. copia ed incolla.
      Mi spieghi Rosalio@, se i tram sono 8 per la linea 1 e impiegano 20 minuti circa da terminal a terminal, come fa ad essere 20 minuti la frequenza del tram?
      La matematica la conosci? ma almeno pensi con la tua testa? perche fare copia ed incolla testi di altri giornali, disinformativi?
      ma vogliamo scrivere la realtà? ma vogliamo scrivere testi di giornale con le proprie parole?

    4. Finti giornalisti che scrivono finti articoli e ancora più finti giornalisti che copiano finti articoli scritti da finti giornalisti. Dov’è finito il vero giornalismo? Boh

    5. No è scritto il tempo di percorrenza da termina a terminal.
      Si parla di linea 1 lunga 6 km.
      4 vetture in una direzione.
      Si sa che la velocità massima e’ di 50 km/ora,quindi il problema non sta nella potenziale velocità del mezzo.
      Se una vettura si muove con una media di 6 km/ora,da capolinea a capolinea ci vuole 1 ora.
      Se parte una delle 4 vetture ogni 15 minuti,i tempi di attesa alle fermate sono max 15 minuti.
      Se si prevedono tempi di attesa di 20 minuti,si vede che le vetture impiegate sono 3 e non 4,
      Ovvero la velocità media scende sotto i 6 km/ora
      Se devo andare da un capolinea all’altro,devo considerare che impiego un ora ,o piu,per fare 6 km.
      Se mi muovo in auto sui vecchi tracciati i tempi di attraversamento sono mediamente 1/2 ora,salvo ingorghi,
      Però dopo mi devo cercare un parcheggio.

    6. Otto vetture, quattro per direzione.

    7. Ok
      Per ridurre i tempi di attesa si può solamente agire eliminando alcune fermate oppure
      aumentando il numero di vetture.
      Traducendo significa abbassare il livello di servizio
      oppure
      Mettere mano al portafogli e mettere in circolazione più’ vetture.
      Io credo che un tempo di attesa di 20 minuti sia accettabile.
      Credo che sia accettabile una fermata ogni 200 ml,
      cioè 5 fermate ogni km.
      5×6= 30 fermate da capolinea a capolinea.
      Ovviamente con una certa elasticità per adattarsi alle esigenze del tracciato.

    8. Io credo che il tram a Palermo sia la peggiore idea in tutta la storia delle peggiori idee. Io credo che se si voleva veramennte fare qualcosa per miglirare la situazione del traffico a Palermo c’erano veramente tante cose che potevano esser fatte, tipo migliorare potenziandolo il servizio pubblico degli autobus ed incrementare le lineee metropolitane, ripensare completamente l’urbanistica centrandosi sul migliorare la circolazione , creare nuove strade sopre-elevate, eliminare dei semafori superflui e costruire rotonde. Io credo che il tram sia stato solo un modo per far mangiare denaro pubblico o fondi Europei a qulacuno. Io crdo che le cose a Palermo vanno sempre peggio. Io sono felice di essermi trasferito in Svizzera e tornare a Palermo solo per le vacanze.

    9. Correggendo le informazioni date da Salvo,il tempo di percorrenza da capolinea a capolinea sulla Linea 1 quadra se è 1 ora e venti minuti,non venti minuti.Essendo impiegate 4 vetture le partenze avvengono ogni 20 minuti.Quindi la linea viene percorsa in ottanta minuti,cioè’ un’ora e venti minuti.Poiche’ il percorso pare che sia 6 km,la velocità media scende del 33,33% rispetto ai 6 km /ora.Cioe’ circa 4 km/ora.
      Un utente che va da capolinea a capolinea si deve assuppare da venti a trenta fermate.

    10. Ma di che cosa stiamo parlando? Ancora il tram non è entrato in funzione e già polemiziamo sugli ipotetici ritardi. L’unica cosa che sappiamo è che il tram, almeno la linea 1, avrebbe dovuto entrare in funzione per il “festino ” del 2014, e…… ancora stiamo ad aspettare. Perciò siamo in ritardo di…..14 mesi . Sull’utilità e sul costo di gestione è preferibile aspettare anche se ci sembra che non ci sia molto ottimismo.

    11. I tempi di attesa alla fermata,o se volete le frequenze,sono un argomento .
      I ritardi nell’inaugurazione ed avvio del servizio,sono tutt’altro argomento.
      Ambedue analizzabili a tavolino in base alle risorse impiegate.

    12. Partendo da questi dati bisogna rifare i conti poiché ad esempio la linea 1 risulta lunga 5,5 km con sedici fermate.

    13. Guardate è matematica: siccome all’inizio partirà solo una linea ci sono 17 vetture, quindi non si può sbagliare: una corsa al minuto esce dalla divisione! Non capisco i pessimisti che parlano di 5 minuti! Gomblotto! 😀

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Tram: tempi incerti per la prima corsa, si prevede attesa di 20 minuti alle fermate, 5.0 out of 5 based on 1 rating