sabato 1 ott
  • Isole pedonali e piste ciclabili interdette ai ciclisti

    Isole pedonali e piste ciclabili interdette ai ciclisti

    Difficile, se non impossibile talvolta per i ciclisti percorrere le piste a loro riservate. Delimitate dalle strisce gialle con tanto di segnaletica orizzontale, le piste ciclabili si srotolano lungo le isole pedonali di via Maqueda e del Cassaro, lunghi e rettilinei assi viari che tagliano in due il centro storico e invogliano a suggestive passeggiate culturali. Ignorate dai pedoni che le calpestano impertinenti, percorrerle con spensieratezza è ancora un miraggio per i tanti ciclisti, costretti a tortuose gimcane tra i passanti. Noncuranti dei campanelli che annunciano il sopraggiungere di una bicicletta, occupano in massa le piste, attraversano, sostano, si voltano, cambiano direzione. Dura vita dunque per gli amanti delle due ruote a Palermo, ignorati dai pedoni, minacciati dalle auto, sbeffeggiati dall’ urbanistica stradale, che appone ostacoli e dissuasori per motociclette, ostruendo infine il passaggio anche alle biciclette. Il tutto mentre si posizionano 22 nuove rastrelliere nei pressi delle aree pedonali, in particolare a piazza Bologni, piazza Bellini, ancora nelle piazze Cassa di Risparmio, Verdi, Olivella, Croce dei Vespri, Rivoluzione, Marina, Magione, via dello Spasimo, piazza del Parlamento, piazza Indipendenza e della Vittoria. Posteggiare sarà dunque più facile, per arrivare ci sarà ancora da sudare.

    Palermo
  • 9 commenti a “Isole pedonali e piste ciclabili interdette ai ciclisti”

    1. ohhhh tizzianuzza, ma cu sunnu gli amanti delle 2 ruote ah????
      chiddi chi si pigghiano 2 camere r’aria ri cuipettuna p’assittarisi picchì c’hanno i emmorroidi????
      Ma picchì un parri chiaro ah????
      Ma chista r’unni sbaiccò????

    2. Quelle corsie ciclabili andrebbero cancellate, non ha senso fare una pista ciclabile solo in un’area pedonale in cui prima e dopo la pista non c’è più.

    3. Va anche detto che i ciclisti, che nelle zone pedonali sono l’utenza “più forte” rispetto ai pedoni, dovrebbero sempre procedere con prudenza fino al limite, magari non tassativo ma di buon senso e rispetto del prossimo, di scendere dalla bicicletta e condurla al passo quando la zona è particolarmente affollata e ci sono anche bambini ed anziani.
      Invece vedo spessissimo biciclette sfrecciare anche in questi casi (es: via Maqueda domenica mattina), pretendendo di aprirsi la strada a colpi di scampanellate perché ” la corsia è mia ed a chi piglio piglio”…

    4. Ma se è “isola pedonale” perchè lasciar passare le biciclette?

    5. Le piste ciclabili, a Palermo, sono virtuali. Per quelle reali, ancora aspettiamo.

    6. @nessuno

      Se la zona è semplicemente pedonale allora si, ma se c’è una pista ciclabile, come in via maqueda sulla destra (scendendo direzione porto) allora il ciclista fa bene a pretendere di aprirsi la strada a colpi di scampanellate, visto che è una parte della carreggiata dedicata appunto ai ciclisti.
      Purtroppo però un po’ perchè è segnalata male e soprattutto perchè i palermitani se ne fregano, la pista ciclabile è invasa dai pedoni, con grande disagio per i ciclisti.

      sei mai stato in germania o nei paesi bassi ed hai provato a camminare nella pista ciclabile? i ciclisti gentili ti scampanellano e ti insultano, quelli meno gentili ti prendono direttamente in pieno, ti insultano e se ne vanno.

    7. @nonloso: si, ci sono stato e l’ho anche notato, ma dovremmo importare le buone abitudini dai paesi “più civili”, non quelle cattive!
      Una pista ciclabile dentro una zona pedonale, oltre ad essere un non senso teorico come già qualcuno ha fatto notare, non è un salvacondotto per sentirsi legittimati ad usare la stessa arroganza e mancanza di considerazione e di comune buon senso che, a parti invertite, gli automobilisti normalmente usano nei confronti dei ciclisti. La prudenza per qualsiasi utente di qualsiasi area pubblica è la prima regola: se la via è sgombra ok, altrimenti andate piano e fate attenzione.

      Oltretutto alla fine si tratta di poche centinaia di metri, non ditemi che sono giusto quelli che vi fanno perdere la giornata!

    8. Piste ciclabili in aree pedonali?Mi pare una offesa all’intelligenza,una offesa grave.Se l’area pedonale e ‘ tale per assenza di traffico veicolare,chi ha autorizzato il transito delle bici?giusto per attentare alla serenità dei pedoni !

    9. L’accesso delle biciclette in aree pedonali è assolutamente comune in tutte le città. Inoltre è frequente che nelle aree pedonali vi siano delle piste ciclabili per permettere a chi è in bici di procedere speditamente. In questi casi il pedone non deve calpestare la pista ciclabile. Ad esempio in Emilia Romagna se cammini su una ciclabile ti pigghianu a parulazze…

    Lascia un commento (policy dei commenti)