domenica 11 dic
  • Ztl 1 e 2

    Orlando propone in Consiglio le nuove Ztl: stangata per i non residenti

    Ieri pomeriggio il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha presentato in Consiglio comunale la nuova proposta per le Zone a traffico limitato dopo lo stop dal Tar in seguito a un ricorso di associazioni e cittadini e lo sblocco della sospensiva da parte del Cga. Al termine della presentazione la seduta del Consiglio è stata chiusa e il dibattito proseguirà nei prossimi giorni con le proposte di eventuale integrazione e/o modifica che verranno dai gruppi consiliari.

    La proposta della Giunta lascia invariata l’ampia zona delle Ztl e rimuove le sospensioni temporali a pranzo. I mezzi più inquinanti non potranno più accedere tranne quelli dei residenti (che pagheranno 90 euro, 80 se hanno un mezzo meno inquinante, sono previsti passa annuali per lavoratori, studenti, bisognosi di cure mediche ecc.). Potranno accedere con pass giornaliero a 5 euro soltanto i possessori di mezzi non inquinanti. Sono previste agevolazioni per il trasporto pubblico. I mezzi diesel euro 3 sono considerati inquinanti.

    Se la proposta dovesse passare si tratterebbe di una stangata per i non residenti che se volessero accedere al centro non potrebbero avere un abbonamento annuale.

    Il giudizio di merito del Tar Sicilia sul ricorso di 200 cittadini e associazioni arriverà il 9 novembre.

    Palermo
  • 15 commenti a “Orlando propone in Consiglio le nuove Ztl: stangata per i non residenti”

    1. “Se la proposta dovesse passare si tratterebbe di una stangata per i non residenti che se volessero accedere al centro non potrebbero avere un abbonamento annuale.” scusate ma che cavolo di senso ha? è ovvio che è stata fatta proprio per evitare che chi non ne ha bisogno vada al centro con la macchina e voi la sottolineate come se fosse invece un aspetto negativo della ztl?
      omg!

    2. La fregatura semmai è per i residenti, che si ritroveranno a pagare comunque, anche se utilizzano i mezzi pubblici per gran parte dell’anno.
      In ogni caso, con i nuovi progetti di tram “dovunque-ci-sia-spazio”, presto la città sarà impraticabile alle auto.
      Ma la situazione inquinamento non migliorerà, perché il vero problema sono i forni a legna delle pizzerie… 😉

    3. @isaia dimentichi le flautolenze degli animali degli allevamenti

    4. Sarebbe interessante conoscere l’idea del candidato Ferrandelli sull’argomento. Così, giusto per riscaldargli la sedia.
      Che farà sulle ZTL, nel caso venisse eletto?
      Le tiene?
      Le toglie?
      Spero solo che non risponda cose come:
      “le toglierei ma ce le chiede l’europa”
      “Faremo di Palermo la capitale Europea delle ZTL”
      “Chiedo l’aiuto da casa”

    5. Mi pare perfetto! Abbiamo risolto d’un colpo tutti i problemi di inquinamento con questa bella novità! Chiarissimo: i residenti inquinanti continueranno ad inquinare indisturbati pagando un bel pass annuale di 90 euro, i residenti non inquinanti avranno pass ad 80 euro e altri benefit. Tutti gli altri “si attaccano al tram”. Mi chiedo a cosa valga acquistare un mezzo non inquinante se poi vieni trattato così. Da casa (fuori ZTL) devi attraversare la ZTL per andare a lavoro (fuori ZTL) e sperperi la tredicesima e la quattordicesima per pagare i pass giornalieri. Ma lui il sindaco lo sa fare. Intuitivo poi fare uscire questa genialata ora e farla partire a Settembre. La maggiorparte delle persone pensava di andarsene in ferie e passerà le ferie a protestare? Si certo… Vorrai fare ricorso? Ad agosto i tribunali sono fermi. Un genio della truffa. Ma ci vediamo alle elezioni. E lì rideremo.

    6. Zibibbo se il trasporto pubblico funzionasse avresti persino ragione. Ma tu non vivi a Palermo.

    7. @tony significa che non posso commentare?

    8. Certo che puoi, è persino comprensibile perché commenti così. Magari pensi che qui il trasporto pubblico funzioni. 🙂

    9. scusa eh…ma da Palermo sono andato via 5 anni fa, non 50
      e per due anni ho lavorato a Palermo senza un mezzo di locomozione, abitavo in viale Lazio e raggiungevo il posto di lavoro in via Ugo la Malfa.
      Si ogni settimana bestemmioni perchè ogni tanto saltava qualche corsa ma bene o male sono sempre riuscito a fare il tragitto che dovevo. Non è che si mistifica un pò su sta cosa dei trasporti che non funzionano?
      do per scontato che chi dice che non funzionano i mezzi li ha provati…ed è innegabile che da quando li usavo io ad ora sono stati potenziati: ora c’è il tram in più

    10. Ci vuole una bella sollevazione popolare.
      Scendiamo tutti in piazza e vediamo se fanno passare questa porcheria.

    11. Zibibbo mistifichi tu: non funzionano. Inoltre è negabile che siano stati potenziati: la percorrenza chilometrica degli autobus si è ridotta ed è passata da 19 a 14 milioni di chilometri con conseguente riduzione dei servizi alla collettività (dati budget Amat 2016).

    12. scusa Siino ma io li ho provati personalmente…tu? su quali basi dici che sto dicendo frottole?
      la tua osservazione sui km percorsi è un esempio di mistificazione: se vuoi realmente valutare lo stato dell’arte dei trasporti pubblici a Palermo devi aggiungere i km fatti dal tram, il trasporto pubblico ad oggi non è più solo l’autobus.
      Come trovo limitato non considerare anche il bike e il car sharing per esempio.

    13. @Zibibbo
      Mi pare che ci sia una differenza nel percorso da te menzionato, non è affatto paragonabile il percorso da Via Lazio a Via Ugo La Malfa, praticamente periferia città!
      Vediamo se facendo il percorso da Via Lazio al centro avresti ottenuto lo stesso risultato.
      Ma manco per niente! E comunque sarebbe stato un percorso abbastanza pulito e scorrevole vista la corsia preferenziale in Via Libertà.
      Parla con i residenti di Corso Calatafimi, Via Pitrè, Via Perpignano, o comunque tutti quei residenti che devono recarsi in centro e vediamo se hanno la tua stessa opinione.
      Il tram si, ma fino alla stazione Notarbartolo e da l i in poi quanti sali e scendi?
      Car sharing ? Non mi pare che la stragrande maggioranza dei palermitani abbia questa possibilità economica.
      Bike? Vorrei vedere come accompagni un’anziano in centro, lo fai sedere sulla canna?

    14. Mah, in teoria l’istituzione della ZTL non è una cattiva idea, e il fatto che anche i residenti all’interno della zona debbano pagare non è uno scandalo dato che, per esempio, anche qui a Londra se un residente all’interno della Congestion Charge vuole usare la propria autovettura deve pagare, dal lunedì al venerdì, circa 1,30 euro al giorno oppure annualmente circa 350 euro. Ed ovviamente per i non residenti i costi sono molto più elevati. Ma allo stesso tempo taxi e servizi pubblici sono notevolmente efficienti, quindi lo spostarsi nel centro città non è così problematico.
      Ma siamo sicuri che a Palermo i servizi pubblici sono altrettanto efficienti? Pare proprio di no. Quindi il rischio che il tutto si trasformi solo in un’ulteriore tassa di circolazione c’è, dato che, verosimilmente, la stragrande maggioranza continuerà ad usare l’auto, pagando il pass dovuto. Certo, si potrebbe dire che forse questo denaro servirà a migliorare la viabilità pubblica..certo, si potrebbe dire, ma che poi accada realmente e’ un altro discorso.
      Insomma, come dicon qui, un’altra fine mess, cioè un altro gran bel casino.

    15. Se il problema che vogliono risolvere fosse veramente l’inquinamento ed i rischi correlati per la salute dei cittadini, la ZTL sarebbe inibita al traffico privato (e ridotta al solo centro città), con parcheggi di interscambio e navette gratuite a frequenze “da metro” (5/8 minuti).

      Poiché, palesemente, il problema è un altro, si lavora di fantasia per capire come tassare la cittadinanza.
      Poiché è chiaro che il trasporto pubblico non funziona (a meno che non si mettano in conto 2/3 ore a tratta per chi dalle periferie deve spostarsi in centro), molti saranno comunque obbligati al pagamento di questa “tassa di circolazione”.
      Ma poiché, ancora una volta, hanno capito che il gettito non sarebbe bastato a tenere in piedi il moribondo, ecco la trovata: solo pass giornaliero da €5.

      Il Tar avrà di che sentenziare, ancora una volta!

    Lascia un commento (policy dei commenti)