lunedì 11 dic
  • Le rotaie del tram allagate un anno dopo, più chiaro chi sia il bugiardo

    Vi ricordate quando l’assessore Catania, certamente il più incapace nel suo compito della storia repubblicana a Palermo, parlava di “fotomontaggi” o di “vecchie foto” lo scorso novembre quando molti pubblicarono le foto dei binari del tram allagati a piazza Einstein?

    È passato quasi un anno e questo è lo stesso punto alla prima pioggia stagionale.

    Le rotaie del tram allagate un anno dopo, chiaro chi sia il bugiardo

    La città è piena di punti che si allagano comunque, anche dove sono stati svolti costosi lavori per evitarlo.

    Mi pare chiaro, ma lo era già allora, chi sia il bugiardo.

    Palermo
  • 7 commenti a “Le rotaie del tram allagate un anno dopo, più chiaro chi sia il bugiardo”

    1. Perché ce l’hai così tanto con me? Dimmelo… per favore…

    2. a me piace.

    3. Tony lei non capisce che è tutto progettato per creare dei piccoli torrenti artificiali .

    4. Se G.C. sono le iniziali per Giusto Catania e se Lei è davvero Giusto Catania, La invito SERIAMENTE a pensare a quel che sta combinando. Se poi ha qualche dubbio, si metta in contatto con me per il tramite di questo sito, che ha il mio indirizzo email, e le segnalerò le criticità per la mobilità di questa città e La inviterò a fare un giro in scooter con me. Perchè è evidente che Lei non percorre le strade della citta come le persone normali.
      Attendo Sue.

    5. Nah, sono un fake.

    6. niè vabbè, ci mancava il troll che pudicamente si svela per evitare che qualcun altro lo scambi per il personaggio che interpretava…supertwist

    7. Talvolta l’accanimento ossessivo contro un individuo del proprio stesso sesso è indice di omosessualità repressa. Il soggetto avverte come destabilizzante per la propria identità quel desiderio che vorrebbe indurlo al rapporto omosessuale con l’oggetto della propria “avversione”.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Le rotaie del tram allagate un anno dopo, più chiaro chi sia il bugiardo, 5.0 out of 5 based on 4 ratings