lunedì 24 apr
  • Botta e risposta Orlando Ferrandelli su mafia e antimafia

    Entra nel vivo la campagna elettorale per Palermo. Il sindaco Leoluca Orlando, che si ricandida, ha attaccato la coalizione di Fabrizio Ferrandelli che aveva ricevuto un ulteriore apprezzamento dall’ex presidente della Regione Salvatore Cuffaro: «Considero altamente rischioso per la città di Palermo e grave per le stesse tradizioni culturali popolari e di destra, la formazione di una coalizione che appare chiaramente identificata e guidata da chi quei valori ha negato, finendo con il presentarsi come una alleanza di potere del tutto alternativa al percorso di solidarietà e di legalità di Palermo».

    Fabrizio Ferrandelli è intervenuto con un video su facebook in cui dice che i siciliani sono stanchi dell’antimafia parolaia e invita Orlando a confrontarsi sui programmi:

    Speciale elezioni sindaco di Palermo.

    AGGIORNAMENTO: sulla vicenda è intervenuto il candidato a sindaco Ismaele La Vardera. Ha dichiarato: «Stamane ho letto delle dichiarazioni del sindaco Leoluca Orlando che afferma che la coalizione di centro destra è guidata da un condannato per mafia. Orlando forse dimentica che l’unica coalizione che si può definire di centro destra alle prossime elezioni comunali è guidata dal sottoscritto. Fabrizio Ferrandelli per quanto ci riguarda non è il candidato del centro destra, ma di quello che si potrebbe definire un centro destra tarocco che con il centro destra vero non ha nulla a che vedere. La nostra coalizione che vede protagonisti Noi con Salvini, Fratelli d’Italia e Il centro destra è di fatto l’unica alternativa ad una sinistra che si nasconde dietro ad civismo fatto di simboli che stuzzicano solo ilarità, a quella che una volta era Forza Italia e che oggi sostiene un uomo di sinistra. Insomma noi siamo e resteremo il centro destra è sempre lì ci troverete, non ci nascondiamo dietro a simboli farlocchi, non ci nascondiamo dietro ad un finto civismo, ma rivendichiamo i nostri ideali con passione»

    Palermo
  • Lascia un commento (policy dei commenti)