mercoledì 28 giu
  • Totò Riina

    Riina va scarcerato perché malato? La Cassazione rimanda l’istanza a Bologna

    La Corte di Cassazione ha accolto in parte le richieste degli avvocati del boss mafioso Totò Riina rinviando al Tribunale di sorveglianza di Bologna l’istanza in cui si chiede la sospensione della pena o i domiciliari per le cattive condizioni di salute del detenuto al 41 bis. Ci sarebbe un difetto di motivazione e viene ribadito che esiste per tutti il«diritto a una morte dignitosa».

    Riina, che è considerato ancora il capo di Cosa nostra, ha 86 anni e una doppia neoplasia renale oltre che problemi cardiaci.

    I familiari delle vittime di mafia hanno manifestato la contrarietà a un’eventuale scarcerazione ed è nata una polemica.

    Palermo, Sicilia
  • 6 commenti a “Riina va scarcerato perché malato? La Cassazione rimanda l’istanza a Bologna”

    1. beh mi sembra che morire in carcere a 86 anni sia piuttosto dignitoso per uno come Riina,,,,

    2. No in che senso Tony?

    3. In un ospedale, in una struttura sanitaria penitenziaria… qualunque cosa ma non farlo tornare a casa. Morire dignitosamente si, ma lontano dalla Sicilia . E le ceneri disperse in mare come per BIn Laden… niente mausolei o altarini commemorativi.

    4. No, non va scarcerato.

    5. Ovviamente NO.
      Anche solo la presenza sarebbe molto simbolico, questo i “continentali” forse non lo capiscono, fatta la tara ad ogni nostro conscio o inconscio desiderio di vendetta/giustizia.

    Lascia un commento (policy dei commenti)