mercoledì 13 dic
  • Arte o coming out a piazzetta Bagnasco?

    Arte o coming out a piazzetta Bagnasco?

    Ah…le cabine di Mondello…. quelle che alcuni chiamavano (e chiamano tuttora) capanne, o ancora peggio gabine (forse perché effettivamente sembrano più delle latrine in stile country). Quanti ricordi… soprattutto prima che iniziasse la stagione, quando ancora non c’erano i lucchetti e le cabine erano lasciate aperte e senza controlli, e così bastava portarsi un catenaccio e si andava a fare il bagno chiudendo i propri oggetti all’interno, per poi andarsene lasciando la cabina per come la si trovava (non tutti sono panormosauri). Poi, dal 15 giugno, per chi non poteva permettersene una (come il sottoscritto), ci si limitava ad entrare dall’ingresso libero e stare sui pochi centimetri di spiaggia libera che la Mondello Italo-Belga ti concedeva.

    Era comunque una gioia stare in quei pochi centimetri con gli amici. Davanti agli occhi ti passava chiunque: il ragazzo del coccobello, quello della Arenciata e della Coca Cuela, il sig. Sorrentino che, armato di megafonino, urlava «Ciambelle!». C’erano le coppiette che entravano in acqua e poi usciva prima lei e dopo lui (questione di idraulica…). E ogni tanto vedevi qualche turista straniera che mostrava qualche chiappa col tanga o qualche minna col topless che appena si faceva il bagno non c’era temperatura che tenesse: tutti i maschietti entravano in acqua per mummiare anche se l’acqua era freddissima.

    Ma la cabina era il simbolo dell’élite. Se ne avevi una potevi entrare dall’ingresso principale mostrando la tessera ai bagnini e se eri abbastanza conosciuto, non c’era nemmeno bisogno della tessera. Era come giocare a Monopoli e ti sentivi ricco solo perché possedevi “Parco della Vittoria” o “Viale dei Giardini”.

    E oggi, trovando una cabina a piazzetta Bagnasco, mi sono chiesto il perché di un’istallazione così brutta in un contesto che dovrebbe essere elegante talmente da essere chiamato il “salotto di Palermo”? Ho fatto una piccola ricerca e ho trovato che la famosa cabina in legno fa parte di un progetto di arte pubblica chiamato CABInet. Il comunicato fa sapere che si tratta di «un luogo aperto e accessibile dove si sviluppano pratiche artistiche, educazione non formale, attività di aggregazione e intervento sociale, pensato per ospitare un intervento artistico, come luogo d’incontro e di condivisione di micro-relazioni, strumento mobile a disposizione degli artisti e di chi lo abita temporaneamente di disseminazione di pensiero critico sullo spazio pubblico e le sue pratiche di condivisione». Fantastico! E chi ci sarebbe arrivato a pensare che una cabina di Mondello fosse tutto questo! Ma non è che per caso, invece, siamo davanti ad una sorta di coming out di Orlando e della sua amministrazione, in cui finalmente ammette che… «Semu a mari»?

    Palermo
  • 3 commenti a “Arte o coming out a piazzetta Bagnasco?”

    1. E insomma tutto ‘sto Amarcord molto straight-acting per poi piazzare la polemichina al sindaco?

    2. Mah… E che c’era bisogno di scomodare tutti sti ricordi da vitellone felliniano per polemizzare su una giunta comunale? A mare ci sono tutte le città italiane. Pure Bolzano, che passa per uno dei luoghi d’Italia dove la qualità della vita è altissima. Poi, se è necessario sentirsi ancora ormonalmente vivo anche il ricordo della cabina mondellana può aiutare…

    3. ….. e meno male che non sei donna, altrimenti saresti partito dal menarca.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Arte o coming out a piazzetta Bagnasco?, 2.0 out of 5 based on 2 ratings