Profilo e post di Paola Pace

e-mail: paolapace@rosalio.it

Biografia: Paola Pace nasce a Palermo, dove frequenta la scuola di teatro Teatés di Michele Perriera e successivamente segue il primo corso per “attor tragico” presso l'INDA, Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa. Qui debutta nel 1984 al Teatro Greco nell'”Oreste” di Euripide, con Franco Branciaroli, per la regia di Luigi Squarzina.

Attrice eclettica di teatro e cinema, in seguito anche regista, autrice e conduttrice di laboratori, in teatro lavora con diversi registi tra i quali Giancarlo Sammartano (Stichus di Plauto, con Leo Gullotta, Teatro antico di Segesta), Gigi Burruano (Palermo, oh cara), Paride Benassai, Accursio Di Leo, Tony Sperandeo, Enrico Stassi (Orestiadi di Gibellina), Mario Prosperi (La donna di Samo di Menandro, in tournée in Usa e Giappone, Biografie non vissute, Rimetti a noi i nostri debiti), Massimo Verdastro, Roberto Andò (L'anniversario di Pinter, con Toni Bertorelli e Valerio Binasco), Luciano Damiani (Lezioni di erotismo), Maurizio Donadoni (Il delitto Matteotti).

Nel 1985 fonda la Cooperativa Dioniso con Claudio Collovà (Il cavaliere bizzarro, Le buttane, Line, La casa verde, Viaggio, La terra desolata).

È con Mimmo Cuticchio sin dalle prime sperimentazioni per attori e pupi, da L’Audaci imprese del 1986 fino alla Lady Macbeth di Una corona sporca di sangue del 2015.
Sempre animata da spirito di curiosità, esplora metodi e stili anche con artisti internazionali: Amos Gitai (La guerra dei figli della luce contro i figli delle tenebre, con Hanna Schygulla, Samuel Fueller ed Enrico Lo Verso, Biennale di Venezia 1993), con Thierry Salmon (Assalto al cielo con M. G. Mandruzzato, Palermo 1996) e in un significativo laboratorio con Susan Batson dell’Actors Studio di New York nel 1988.

Nel 1996 fonda l'associazione teatrale Vambarapam, con la quale inizia una ricerca indipendente sulla relazione fra musica e poesia (A Benì di F.T. Marinetti, Poesia e Andalusia di F. Garcia Lorca e V. Aleixandre, Errare da I canti orfici di Domenico Campana, Motopsichica dai poeti della Beat generation, Ancestrale music-hall da Goliarda Sapienza), accompagnata da musicisti tra i quali Roy Paci, Fred Casadei, Mohammed Al Badawi, Lelio Giannetto, Marcello Savona.
Prosegue la sua ricerca sulla drammaturgia contemporanea con Benji, l'amica immaginaria di Claire Dowie (1999-2001).
È l’esegeta di Goliarda Sapienza, con L'arte della gioia (Teatro di Documenti, Roma 2008), Modesta's monologue (University of London 2012) poi Ancestrale Music Hall (SciaraNuova Festival 2015).
Nel 2012 produce, dirige e interpreta con 23 attori Medea di Max Rouquette (Teatro Antico di Segesta); poi Melodia Primordiale – Demetra e Kore da Omero e Ovidio (Teatri di Pietra 2014).

Al cinema, presta il suo volto in alcuni film d’autore (Le buttane di Aurelio Grimaldi, con Ida Di Benedetto, Cannes 1996; La stanza dello scirocco di M. Sciarra, con Giancarlo Giannini, 1998; I cento passi di Marco Tullio Giordana, con Luigi Lo Cascio, Venezia 1999; Malena di Giuseppe Tornatore, con Monica Bellucci, 2000; La scuola è finita di Valerio Jalongo, con Valeria Golino, Festival del cinema di Roma 2012).

In televisione, appare in Un ciclone in famiglia di Enrico Vanzina con Carlo Buccirosso, Il capitano di Vittorio Sindoni con Alessandro Preziosi, Il giovane Montalbano di Gianluca Tavarelli con Michele Riondino.

Dal 2015 è in tournée in Italia nel Berretto a sonagli di Pirandello, con la regia di Valter Malosti.
Sempre dal 2015 è il direttore artistico di SciaraNuova Festival per il Teatro in Vigna Planeta sull’Etna.

Paola Pace