30°C
domenica 22 set

Archivio del 30 Ottobre 2007

  • Parla potabile (speaks drinkable)

    Dopo 17 anni di onorata carriera radiofonica, visto che il mondo dell’etere va veloce e richiede un contatto immediato, veloce e quanto più possibile (ahimé) frivolo, quest’anno, presa da superficiale babbìo ho introdotto una rubrichetta nuova all’interno di Tutti pazzi per Mery: PARLA POTABILE, ovvero SPEAKS DRINKABLE.
    La rubrica nasce dalla considerazione che siamo molto più anglofonizzati di quel che si vuole ammettere, andiamo al bar, facciamo sport, non andiamo più alle riunioni ma ai meeting, dove c’è il team leader e via discorrendo.
    Sulla scia di tali inutili riflessioni ho pensato di provare a rendere in inglese, in traduzioni molto, ma molto maccheroniche, i più diffusi proverbi siculi. Continua »

    Palermo, Sicilia
  • Sicilia: regione che cambia, regione che resta

    Sono stanca.
    Mi sento esausta di credere che qualcosa possa cambiare.
    Stanca di vedere nei giornali nazionali qualche stupido articolo su di me e la mafia.
    Ogni tanto qualcuno mi cita senza chiedermi il permesso e io ci rimango male perché scrivono solo cose già lette e rilette. Poi accendo la televisione e vedo me e ciò per cui sono diventata famosa: la mafia.
    Sono passata alla storia per questo e ne dovrei essere felice. Non è da tutti essere riconosciuti dovunque, perché paese che vai stessa frase che senti: vieni da Palermo? Allora sei mafiosa!
    E che fanno Loro? Ci ridono sopra e basta. Perché? Perché Loro si accontentano di questo: parlane bene o parlane male ma parlane…
    Io invece m’incazzo!
    Io m’infervoro!
    Loro invece sono felici, lo sono perché si vedono in televisione.
    Loro si accontentano che se ne parli male ma che se ne parli comunque.
    Io invece piuttosto che apparire in televisione per questo motivo preferirei essere ignorata e non essere nominata assolutamente.
    E invece no. Debbo sentire e vedere in tv Il capo dei capi. Sentire raccontare l’origine e l’evoluzione della nostra criminalità organizzata. Continua »

    Ospiti
  • Noa a Palermo per “Tracce d’Oriente”

    La cantante israeliana Noa sarà oggi a Palermo per Tracce d’Oriente, manifestazione per il dialogo fra le culture dell’area euromediterranea organizzata dalla Fondazione Plaza.

    Noa incontrerà alle 11:30 gli studenti nella sala d’Ercole di palazzo dei Normanni per discutere di pace in Medioriente. Alle 21:00 si svolgerà il concerto al Teatro Politeama. Ingresso gratuito su invito (ritiro biglietti dalle 16:00 alle 18:00 a Palazzo Bonocore; piazza Pretoria, 4).

    Noa

    AGGIORNAMENTO n.1: il concerto è stato rinviato a data da destinarsi a causa di un improvviso abbassamento di voce di Noa.

    AGGIORNAMENTO n.2: il concerto è stato rifissato per il 10 dicembre.

    Palermo
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram