martedì 21 nov
  • 16 commenti a “Possibili disagi domani sulle linee Amat per uno sciopero”

    1. ….gli Amat in ritardo? e dov’è la novità?

    2. ah, domani c’è sciopero??? ed io che pensavo che l’amat fosse in stato di agitazione perenne da almeno 4 anni a questa parte (almeno a giudicare dai tempi di attesa del 101 che possono variarare dai 30 sec ai 30 minuti!)

    3. I bus ritardano perchè voi che vi lamentate siete gli stessi che marciate/posteggiate sulle corsie preferenziali rallentando i bus. Imparate a non occupare mai neanche per un attimo con lo scooter le corsie preferenziali e come per magia i bus saranno puntuali.

    4. Oh, finalmente abbiamo scoperto la causa del ritardo degli autobus, magico !

    5. betta morditi la lingua e rifletti quando parli.. il sottoscritto, pur ritornando a palermo una volta al mese, non ha mai usato una corsia preferenziale nè tantomeno posteggiato sul marciapiede e via dicendo… le cause (tra le quali i pass per le corsie riservate a 800 inutili politici) si trovano non solo nella maleducazione dei palermitani (che è a livelli cosmici) ma anche nella pessima gestione e razionalizzazione del servizio da parte di un management di incompetenti…

    6. quote per Luciano!

    7. Credo che nessuno noterà la differenza!

    8. @luciano la vecchia
      nulla togliendo alla disastrosa situazione in cui versa l’amat non credo però che esagerando sulla gravità del problema si risolva nulla… il 101 nella sua corsa di andata verso la stazione ha una frequenza massima di dieci minuti, al ritorno accumula spesso ritardi per i problemi sopra lamentati, in particolare per l’abuso delle corsie preferenziali da parte di auto e moto… con la presenza del cordolo, di cui già tutti si lamentano, perché causerebbe gravi danni all’incolumità dei motociclisti, la situazione dovrebbe migliorare… staremo a vedere…

    9. federico,
      non ho una casistica a disposizione (bisognerebbe chiedere all’amat) per fare un’affermazione statisticamente esatta. certo è che i miei ritorni a casa si possono considerare come eventi indipendenti e identicamente distribuiti (i.i.d. random variables); quelle poche volte che ritorno a casa mi capita di dover aspettare buoni pezzi di 15 minuti e più per quella che è la linea principale dell’amat (e che viene venduta con frequenza di 3-4 minuti nelle ore di punta), con un ritardo dunque superiore del 300% al tempo originarimamente previsto. mi sembra che pur volendo fare inferenza spicciola, di poter affermare che l’amat è inefficiente.

      inoltre, non stiamo parlando di una situazione temporanea (lavori, alluvioni, terremoti, incoronazion..pardon, insediamento del sindaco..) ma della normale routine di anni (almeno a che ricordo)

      il campione è sufficientemente esteso.. e poi mi scusi, amat ha tanti mezzi fermi perchè non ha i soldi per pagare le riparazioni, ma anche tanti dipendenti che stanno in ufficio; non è ancora previsto (correggetemi se sbaglio) un abbonamento integrato metro-autobus nè tantomeno i controlli mi sembrano così frequenti..

      per concludere, ovviamente le esternalità negative di palermo ci stanno tutte, però l’inefficienza di anni di gestione anche…

      poi, spero anch’io un giorno di tornare e andare a farmi una bella passeggiata in centro senza lo stress della macchina..

    10. Il biglietto dei mezzi pubblici a Palermo costa €1.20 (per 90 minuti: costo al minuto € 0.013) mentre, ad esempio, a Milano il biglietto costa 1€ (per 75 minuti: € 0.013). Cioè costa + o – lo stesso al minuto rispetto a Milano, ma la corsa singola (forse l’utilizzo più comune) costa di più. A Milano però ci sono tre linee di metropolitana e il doppio della popolazione, per cui in proporzione direi che a Palermo il biglietto dovrebbe costare la metà di Milano.

      A scioperare dovrebbero essere gli utenti.

    11. Indubbiamente una delle tante (se non tantissime) cause dei ritardi dei bus sono le auto posteggiate in doppia fila o che occupano le corsie preferenziali ostacolandone il passaggio.I cordoli indubbiamente hanno migliorato le linee interessate.
      Cmq eliminerei gli sprechi e soprattutto l’affidamento della manutenzione dei mezzi anche a ditte esterne che hanno già mangiato troppo!

    12. “A scioperare dovrebbero essere gli utenti.” di Mr Right è davvero bellissima! 🙂

    13. @luciano la vecchia
      il mio voleva solo essere un invito a non “mitizzare” i guasti di un’azienda, perchè si rischia di gettar via il bambino con l’acqua sporca… quando si soffre di un disagio palese e ripetuto credo che la cosa migliore sia fare un reclamo dettagliato (numero della vettura, linea e orario) sul sito dell’amat, anche ogni giorno se occorre, aspettare la risposta e quindi fare ricorso al difensore civico (anche questo si può fare via internet sull’apposito sito che si trova linkato in quello del comune di palermo) lamentando che, essendo la linea del 101 falsamente riportata sul sito dell’azienda con una frequenza di max 4 min (ribadito nella carta dei servizi che è stata rimossa dal sito), si potrebbe prefigurare il reato di falso ideologico in chi ha stilato quelle tabelle…

    14. @federico
      concordo.. neanche a me piace essere cinico e scettico ma a fare sto lavoro (economista) in questo periodo lo si diventa per forza… comunque sono “lavecchia” tutto attaccato!

    15. @luciano lavecchia (tutto attaccato)
      scusa per la svista… un’ultima cosa che sembra non c’entri, ma qualche attinenza ce l’ha… se a palermo ci si decidesse finalmente a far rispettare le norme del codice della strada il 90% dei palermitani lascerebbe la macchina a casa e stai pur tranquillo che gli autobus funzionerebbero molto meglio…
      ps. qualcuno sa il motivo dello sciopero?

    16. ma il termine DISAGI, non è il sinonimo di AMAT???

    Lascia un commento (policy dei commenti)