sabato 25 nov
  • Braccio di ferro sul raddoppio Irpef in Consiglio comunale

    Il Consiglio comunale di Palermo è stato convocato dal 30 luglio al 21 agosto dal lunedì al venerdì con una pausa dal 9 al 16 agosto. Nell’ordine del giorno c’è il passaggio dallo 0,4 per mille allo 0,8 per mille sul reddito lordo dell’addizionale comunale Irpef ma anche l’approvazione del bilancio.

    Il sindaco non sembra avere la maggioranza in aula per l’approvazione e il numero legale è mancato nelle prime due sedute. L’opposizione presenterà duemila emendamenti sull’aumento Irpef e ottomila sul bilancio.

    Qualora non fossero approvati entro il 27 agosto il bilancio consuntivo 2008 e quello preventivo 2009 il Consiglio comunale di Palermo verrebbe sciolto e surrogato da un commissario ma il sindaco rimarrebbe in carica.

    Nell’ordine del giorno il raddoppio Irpef precede il bilancio.

    È atteso per oggi il rapporto finale KPMG sullo stato dei conti dell’Amia.

    Palermo
  • 14 commenti a “Braccio di ferro sul raddoppio Irpef in Consiglio comunale”

    1. Riccordo un partito “liberista” che non molto tempo fa aveva tra i suoi slogan “Meno tasse per tutti”, me lo sarò sognato evidentemente

    2. vorrei sapere cosa pensano di tutto ciò i sostenitori del sindaco

    3. Il caroleader si vanta(a sproposito, poichè la pressione fiscale è ancora aumentata)) di non mettere le mani nelle tasche dei cittadini(forse anche perchè impegnate nelle mutande delle cittadine)ma affida il compito ai suoi sottoposti,felici(?)di svolgere il lavoro sporco per riconoscenza al capo.

    4. Finalmente Palermo ci offre qualcosa!
      Il teatro grottesco della compagnia del consiglio comunale. Non perderò neppure uno spettacolo.

    5. attaccate pure cammarrata, dategli del trocato incapace e quant’altro, mettetevi bene in testa che:
      i palermitani lo hanno eletto per ben due volte, ( la seconda volta battendo orlando) e la prossima volta avremo come sindaco o vizzini o musotto o uno simile..(ricordate quando e’ caduto cuffaro che hanno scelto i siciliani?)
      cammarata non riesce a tirare avanti la baracca perche’ tremontileghista ha bloccato i fondi per il sud, e state
      certi che da questo impiccio non saranno i dirigenti locali dell’opposizione a tirarci fuori, ma dobbiamo sperare in micciche’/lombardo e il partito del sud

    6. @ novocaine: “cammarata non riesce a tirare avanti la baracca perche’ tremontileghista ha bloccato i fondi per il sud, e state certi che da questo impiccio non saranno i dirigenti locali dell’opposizione a tirarci fuori, ma dobbiamo sperare in micciche’/lombardo e il partito del sud”

      Ah si? A me pare che Cammarata non riesca a tirare avanti la baracca perchè totalmente incapace di fare il suo mestiere. L’hanno votato due volte? Benissimo, nessuno mette questo in discussione. I voti li prende in quanto garante del non sapere amministrare. Cosa c’entra Tremonti? Chi ha amministrato l’Amia fino a ieri?

      Continuiamo a fare arrivare soldi da fuori, con i ricatti di Miccichè o quant’altro. Questo flusso di denaro è la garanzia che questo stato di cose durerà in eterno.

      Io i quattro miliardi di fondi FAS non li voglio.

    7. se non sa amministrare allora i palermitani per te sono scemi voglio dire, come mai non se ne sono accorti la prima volta che faceva il sindaco? lo hanno rieletto, quindi gli sta bene, e poi senza soldi non si puo’ amministrare a prescindere da tutto, e per il momento il kaimano non ne manda, ascolta a me…..con questa opposizione dobbiamo solo sperare in micciche’…..

    8. il partito del sud parte dal presupposto di una minaccia latente della secessione sudista.. ma, detto papale papale, a chi frega che la Sicilia se ne vada per i fatti suoi? un conto è la Lombardia o il Veneto che girano fior di miliardi in tasse, ma la Sicilia? siamo seri…

      non esistono pasti gratis e tra cinque anni massimo in sicilia se ne accorgeranno tutti..

    9. @ novocaine: “se non sa amministrare allora i palermitani per te sono scemi voglio dire, come mai non se ne sono accorti la prima volta che faceva il sindaco?”

      I Palermitani non sono scemi: è che ci sono una moltitudine di persone che dalla inefficienza della macchina comunale hanno da guadagnarsi: da chi non si mette la cintura di sicurezza, a chi posteggia in terza fila, da chi lavora all’Amia a chi ottiene “incarichi esterni” e consulenze, e la lista potebbe continuare.

      Non tutti quelli che votano Cammarata o centrodestra devono necessariamente rientrare in queste categorie, ovviamente. Sono però “categorie” piuttosto cospicue che possono, secondo me, tranquillamente determinare l’esito di una elezione (non andrò avanti questa discusssione perchè non è questo il topic del post)

    10. I palermitani sono scemi? Un pò si!
      Parliamoci chiaro alla gran parte della gente non gliene frega niente della politica, non si informano su cosa succede dentro il palazzo delle acquile o alla regione, anche perchè dopo un pò stufa.
      Più o meno tutti sanno che i politici “ci mangiano”, che sono la casta, che si va avanti per raccomandazione, insomma sono abituati, come se fosse normale!
      Ogni tanto nel disinteresse e nella disinformazione arriva il giorno delle votazioni.
      E per chi votano? Per quello che gli sta più simpatico, per chi gli ispira più fiducia, e soprattutto per il colore polico a cui appartengono.

    11. “E per chi votano? Per quello che gli sta più simpatico, per chi gli ispira più fiducia, e soprattutto per il colore polico a cui appartengono.” MarcoC
      QUESTA E’ BUONA……..

      sentito parlare mai di voto di scambio? clientelismo?…

    12. chi era quello che non meteva mai “le mani nelle tasche degli italiani”?…

    13. @ mr wrong: ricordo un partito che diceva meno tasse per tutti ma non ricordo un partito liberista…..

      Per quanto riguarda Cammarata credo che il 70-80% degli italiani (non solo i palermitani) votano per affiliazione politica cioè indipendentemente dal candidato votano centrodestra se sono di centrodestra, centrosinistra se sono di centrosinistra. Inoltre durante il primo mandato l’amministrazione Cammarata non era stata disastrosa e le varie magagne (vedi gestione AMIA) non avevano ancora procurato i danni che stanno venendo alla luce durante questo secondo mandato. Infine siccome bisogna scegliere alle elezioni tra un numero limitato di alternative dobbiamo ricordare che ad opporsi a Cammarata l’ultima volta c’era Orlando…..anche così si spoega la rielezione del nostro caro sindaco.
      Aggiungo che è chiaro che quasi tutto il PdL ha scaricato il sindaco addossandogli tutte le colpe (non solo le sue), lasciando la città allo sbando combattendo la loro battaglia politica sulle nostre teste

    14. @AndreA: anche io mi metto comodo.

    Lascia un commento (policy dei commenti)