Archivio del 2 agosto 2009

Diego Cammarata

Il sindaco di Palermo Diego Cammarata ha parlato dell’Amia dopo che la KPMG ha certificato perdite di bilancio per 130 milioni di euro e che il Cipe ha stanziato 150 milioni di euro in tre anni per la città. Cammarata ha detto: «Da lunedì trasferirò il mio ufficio all’Amia, non uscirò da lì se non avrò un bilancio consolidato e la certezza che l’azienda non perderà più un centesimo».

Cammarata ha indicato anche le priorità per l’impiego dei fondi ottenuti: ricapitalizzazione dell’Amia, riqualificazione urbanistica della città, miglioramento dei trasporti, waterfront, miglioramento dello smaltimento e della raccolta dei rifiuti, cultura, sociale e settore manutenzione.

In: Palermo | 42 commenti

Massimo Ciancimino, figlio dell’ex sindaco di Palermo Vito, domani testimonierà a Caltanissetta. Il procuratore generale di Caltanissetta Giuseppe Barcellona si è detto perplesso circa le dichiarazioni di Ciancimino e ha aggiunto: «Queste rivelazioni provengono da una persona assai equivoca, di modesto spessore culturale, che probabilmente sarà strumentalizzata da qualcuno».

Ciancimino ha dichiarato: «Confermo che lunedì prossimo mi recherò in procura a Caltanissetta, per essere ascoltato, ma dove per la prima volta, nella piena facoltà di dichiarante imputato di reato connesso, mi avvarrò della facoltà di non rispondere. [...]Siamo passati da dubbi legittimi e critiche ad insulti personali. Non ho mai avuto il piacere di incontrare o di conoscere il pg Barcellona, se non per aver letto in merito al suo periodo di presidenza del Tribunale fallimentare di Palermo. Spero che il tutto non sia frutto di un precisa volontà a farmi tacere, perché ha pienamente raggiunto il suo obiettivo. Mi riserverò con i miei legali di valutare l’opportunità di avvalermi della facoltà di non rispondere anche con le altre Procure con le quali ho già fissato ulteriori date di interrogatori. [...] Non ho mai cercato impunità ma forse volevo che tanti altri personaggi “di elevato spessore culturale” non ne beneficiassero più, come è stato loro permesso di fare».

Il pm Nino Di Matteo è intervenuto a sua volta: «Con la Procura di Palermo Massimo Ciancimino ha sempre parlato, rispondendo a tutte le domande che gli abbiamo fatto e in relazione a tutti gli argomenti processuali che sono stati oggetto d’interrogatorio. E questo fino a giovedì scorso. Siamo convinti che continuerà a rispondere alle domande».

Circa 50 magistrati che dal 1992 ad oggi hanno indagato sulle stragi di mafia sono sotto scorta per presunti nuovi pericoli e Luciano Violante, presidente della Commissione nazionale antimafia dal 1992 al 1994, ha testimoniato nei giorni scorsi sul fatto che che per tre volte il generale dei Carabinieri Mori lo sollecitò a incontrare Vito Ciancimino che era stato condannato in primo grado per mafia e che sarebbe al centro di una trattativa tra Stato e Cosa nostra.

In: Palermo | 7 commenti

Inizia stasera a Villa Filippina (piazza San Francesco di Paola) il Palarte Festival. Oggi andrà in scena Don Giovanni o il gioco di Narciso, spettacolo di danza con la Spellbound Dance Company e coreografie e regia di Mauro Astolfi.

I biglietti costano da 12 a 25 euro e si possono acquistare online.

“Palarte Festival”

In: Palermo | Commenti

Stasera alle 21:15 andrà in scena a Castelbuono (cortile di San Francesco), nell’ambito di Teatri di pietra, La tempesta di William Shakespeare con Lello Arena, Fabrizio Vona, Francesco Di Trio, Lorenzo Bartoli, Simone Vaio, Barbara Mazzi, Fabrizio Bordignon e Pablo Franchini. La regia è di Marci Lorenzi.

Ingresso intero 12 euro, ridotto 10 euro, residenti 8 euro. Info numero verde 800024060.

Lello Arena

In: Palermo | Commenti