martedì 21 nov
  • “Ecco come”, il libro

    Donato Didonna - “Ecco come”

    Il libro, evidentemente, ce l’hai dentro. Senza accorgertene, ne scrivi un po’ di pagine alla volta, magari attraverso un blog, finché scopri che, per anni, stavi seguendo esattamente lo stesso filo logico, lo stesso ragionamento.

    Mi è capitato semplicemente questo e ho deciso, quindi, quest’estate, di riunire i vari pezzi, già pubblicati proprio su questo blog, in un unico testo organico e opportunamente aggiornato: ECCO COME. Cambiare la Sicilia in 10 mosse.

    Perché in un posto dove si potrebbe vivere molto bene, in termini sia civili che materiali, ci si rassegna invece a sopravvivere? Perché un posto naturalmente così bello e semmai abbellito da tante maestose testimonianze di un grande passato, viene da qualche decennio così impunemente violentato? Tracciare una visione di sviluppo diverso per la Sicilia, basata sull’iniziativa e la responsabilità sociale dei cittadini prima ancora che sull’azione dei partiti, rappresenta quindi la “missione impossibile” di questo libro. La strategia di attuazione è felicemente condensata in una frase di Buckminster Fuller: «Non cambierai mai le cose combattendo la realtà esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realtà obsoleta». E come insegna Sun Tzu, il grande generale e stratega cinese del V sec. a.C., se la strategia è adeguata, anche un esercito minoritario per numero può vincere la sua battaglia.

    Ho pubblicato in proprio il libro – in formato tascabile – come mezzo, più che per venderlo, per far circolare le idee in esso contenuto. Con questo fine, invierò volentieri a chiunque me lo chiederà il relativo file. Con una sola preghiera: se ti piace, fallo girare!

    Chi preferisse invece leggerlo su carta e non volesse stamparlo a casa, potrà acquistarlo e farselo inviare attraverso ilmiolibro.it o anche ordinarlo e ritirarlo presso le librerie Feltrinelli o presso la Cooperativa Factotum (via Aloisio Juvara n. 48) cui il libro è dedicato: leggendolo, sarà chiaro il perché.

    Palermo, Rosalio, Sicilia
  • 9 commenti a ““Ecco come”, il libro”

    1. Complimenti e…
      speriamo che raggiunga il suo obiettivo…
      😛

    2. Didonna è una delle “penne” più qualificate di questo blog.
      In bocca al lupo.

    3. già letto!
      è molto bello,chiaro e spero che abbia il seguito che merita e..grazie per la citazione alle attività del comitato (se vuoi lo giro a tutti..)
      a presto
      pequod

    4. In attesa di riceverlo, complimenti!

    5. LA sicilia o i siciliani?
      nella denuncia dei mali chissà perché facciamo ricorso all’impersonale. Lo leggerò e spero da persona siciliana di contribuire al cambiamento
      saluti dalla capitale

    6. Inviatemi una mail al seguente indirizzo e vi allegherò il file in risposta: donato.didonna@libero.it
      E se vi piace, fatelo girare!

    7. Letto in un paio di pomeriggi, scorrevolissimo, ecco come l’ho colto!

      Un vero e proprio programma di governo, di quelli però di gente dei paesi del nord Europa o di un virtuoso comune dell’Alto Adige.

      Linee chiare e concrete d’azione per mutare radicalmente direzione in Sicilia, strategie descritte con dovizia di particolari per il corretto uso.

      Il buon vivere, la religione che dovrebbe stare alla base di ogni popolo, non solo per generare economia sana, ma soprattutto per tutelare la qualità della vita degli individui che vi vivono, quale ricchezza più preziosa dell’essere umano.

      La meritocrazia, un pilastro rivoluzionario per scardinare il clientelismo e l’affarismo decennale più selvaggio e deleterio della Sicilia, e per creare una società dove chi è capace in un attività allora lavora con priorità rispetto a chi non è capace e conosce solo i politici locali.

      L’autonomia politica ed economica dell’individuo alla quale il libro fa appello, un requisito indispensabile per mettere in contatto e in rete questi soggetti svincolati dai mille compromessi politici a causa dei quali non è stato mai avviato un sistema di efficienza in qualsiasi apparato della pubblica amministrazione.

      Autoimprenditorialità quale antidoto alla cultura del precariato coltivata ormai da tempo dalla politica di governo, un invito a chi sa fare, a chi ha un arte, di mettersi in proprio e realizzare profitto.

      10 vie d’uscita dalla Sicilia attuale e 10 vie possibili per una Sicilia che sa attrarre perché si vive in qualità.

    8. “finché scopri che, per anni, stavi seguendo esattamente lo stesso filo logico, lo stesso ragionamento”…

      conosco poche persone che, come Donato, si pongono un obiettivo e non lo perdono mai di vista

    Lascia un commento (policy dei commenti)