25°C
mercoledì 18 set

Archivio del 11 Gennaio 2007

  • Le scarpette

    Il peso di quelle scarpette l’ho avvertito durante tutto il viaggio. Passare da un aereo ad un altro con alle spalle un sogno da consegnare ti riempe di responsabilità, tutte frutto delle tue paure, di quello che un tempo eri ed oggi non sei più.
    La richiesta era giunta un mese fa, sottovoce, quasi con timore. Sono stati più i suoi occhi a raccontarmi di un sogno che quelle parole farfugliate a labbra strette, con il timore di ricevere un secco no, figlio dello stress quotidiano che noi adulti paghiamo senza accorgercene.
    Un paio di scarpette da calcio. Misura 37. Quella di quando ti accorgi che la vita ti ha messo su una strata ben tracciata e difficilmente potrai uscirne. Da queste parti, dove l’Inferno da la mano al Paradiso, diventi adulto prima, soprattutto se vivi in periferia, una via Gluck ben diversa da quella nostrana, senza palazzi e marciapiedi, ma solo fame e la tentazione di saltare la barriera della legalità, per trovare conforto e pane tra le polveri bianche dell’oblio, scaricate con perizia nel mare dei sogni e bisognose di braccia audaci per giungere nelle narici dei potenti.
    Petit Lulù è sempre stato qui. Nella periferia di una città di periferia. Dove anche una maglietta strappata diventa un lusso che non tutti possono permettersi. Fa mille lavoretti, dall’alto dei suoi dieci anni, con quell’andatura un po ciondolante, quegli occhi spesso spenti, che trovano la luce naturale della sua giovinezza quando una palla rotola intorno a lui. Allora cambia. Diventa un altro. Diventa una persona vera. Un bambino che vuole giocare, giostrare, stupire. Continua »

    Ospiti
  • Da oggi in città i gonfaloni di Catania

    Giusto Catania

    135 gonfaloni sono da oggi affissi in città per promuovere la candidatura di Giusto Catania, candidato da Rifondazione Comunista – Sinistra Europea alle primarie del centrosinistra.

    I gonfaloni riproducono i volti di Catania e di altri sette testimonial che rappresentano i soggetti sociali di riferimento della campagna elettorale. Si tratta di giovani palermitani: un’operatrice di call center, un avvocato, uno studente, un venditore ambulante, una ricercatrice universitaria, un artigiano e un impiegato. Catania, docente d’italiano, rappresenta gli insegnanti.

    Palermo
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram