29°C
martedì 22 giu

Archivio del 14 Gennaio 2008

  • Intimidazioni a Nino Amadore (Il Sole 24 ORE)

    Il giornalista de Il Sole 24 ORE Nino Amadore, autore del libro-inchiesta sulla mafia La zona grigia, ha riportato un serio danneggiamento della sua auto sabato scorso a opera di ignoti. Amadore segue le vicende degli imprenditori antiracket di Palermo.

    Ferruccio De Bortoli, direttore del giornale, ha ricevuto una busta con due proiettili e riferimenti a un’inchiesta di Roberto Galullo sulla ‘ndrangheta calabrese.

    Da più parti sono giunte attestazioni di solidarietà. Rosalio è solidale con Nino Amadore e Ferruccio De Bortoli.

    Palermo
  • E ora risarciteci tutti!

    Per una volta chi scrive su Rosalio non è un singolo autore, ma un gruppo: siamo i promotori della petizione Chiediamo i danni a Cosa Nostra, un gruppo di siciliani, palermitani, stanchi di esser additati nel resto del mondo come mafiosi e stanchi di vedere che chi ama questa terra decide di andare via perché non vede nessuna soluzione.
    La petizione nasce dopo il servizio della nostra conterranea Stefania Petyx che va a Corleone per chiedere, invano, spiegazioni sulla richiesta di risarcimento danni che la signora Bagarella ritiene di aver subito dalla fiction Il capo dei capi.
    La provocazione lanciata da Stefania è stata colta da noi con rabbia e sdegno. Qualcuno si è messo al lavoro per chiedere, a nome di tutti i siciliani, i danni che realmente Cosa Nostra ci ha provocato. La bozza è stata elaborata, supervisionata da addetti ai lavori e finalmente, soddisfatti del risultato raggiunto, si è arrivati il 4 gennaio alla pubblicazione sul sito www.petitiononline.com.
    La petizione è stata denominata NOMAFIA: un urlo corale di tutti i sottoscrittori, stanchi di esser vittime della prepotenza di pochi. Continua »

    Ospiti
  • Dedicato a…

    Dedico il mio spazio su Rosalio per salutare un amico, un vostro giovane concittadino a cui la vita ha presentato il conto troppo presto.
    Come capita nella maggioranza dei casi, coloro che amano la vita, che sono solari, buoni e onesti scompaiono troppo presto.
    Un ammonimento a tutti, me compresa, di vivere ogni momento come se fosse prezioso, senza accanirsi contro stupidate che nella loro completezza non valgono nulla, se non sprecare un minuto prezioso della cosa di più importante che ci è stata data.
    Credo che al di là di tutte le parole che vengono espresse su questo blog ci debba essere uno spazio di riflessione, un pensiero condiviso da tutti verso quelle belle persone che ci lasciano.

    Palermo
  • La questione Emergenza cultura e precariato

    In questi mesi l’incontro Emergenza cultura a Palazzo delle Aquile e l’occupazione dei Cantieri Culturali da parte dei “Precari dello Spettacolo” ha messo in evidenza una situazione drammatica per la cultura cittadina. Circostanza peraltro origine indiretta della nascita del forum di Rosalio a fine agosto, cui simbolicamente Enzo76 ha dato l’estrema unzione su questo blog pochi giorni fa.
    La problematica, grave ed amplia, è stata rappresentata, semanticamente dai vari operatori con le parole Emergenza e Precariato. Queste parole a mio avviso spiegano da sole il disastro nel quale viviamo. Lo stato di emergenza, per definizione, non può prevedere interventi strutturali quanto piuttosto interventi in corsa. Se ho l’emergenza incendio, l’imperativo è spegnerelo, non certo progettare dei sistemi di sicurezza antincendio. E se mi percepisco in una situazione di incendio perenne, spenderò tutte le risorse a buttare acqua sul fuoco piuttosto che a prevenire che gli incendi ri realizzino e questo sia che gli incendi ci siano sia che non ci siano. Questo approccio ha portato nell’ultimo decennio ad una gestione in affanno e di brevissimo periodo, con il risultato, ad esempio, che non esiste a Palermo un regolamento per la gestione dei fondi pubblici per la cultura, la cui spesa è affidata alla sensibilità o alla forza politica dell’assessore o del consigliere di turno; ed alla capacità dialettica da parte dell’operatore di turno di urlare più forte il suo stato di necessità. Continua »

    Ospiti
  • Nuove regole da oggi per le targhe alterne

    Entrano in vigore oggi nuove regole per la circolazione a targhe alterne nella zona ztl A. Da oggi viene seguita la naturale alternanza dei giorni del mese e non più quelli della settimana, come era previsto dalla precedente ordinanza. Le auto con targa pari potranno circolare nei giorni 2, 4, 6, ecc, mentre quelli con targa dispari l’uno, il 3, il 5 e così via. Il divieto di circolazione resta in vigore dalle 9:00 alle 20:00 dal lunedì al sabato.

    Ztl A

    Palermo
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram