giovedì 17 gen
  • Non si scia a Piano Battaglia, la Città metropolitana non ha affidato la gestione delle piste

    La Regione dà i soldi, si riprenderà a sciare a Piano Battaglia

    La Giunta regionale ha approvato la delibera che delimita le aree attrezzate fruibili al pubblico per assicurare la manutenzione ordinaria delle piste di Piano Battaglia e garantire i requisiti di sicurezza imposti dalla legge. Diventano immediatamente i 300 mila euro previsti con La Legge di assestamento di bilancio e destinate, come contributo straordinario, alla Città Metropolitana di Palermo, che è l’ente concessionario. Si attende adesso l’affidamento per riprendere a sciare.

    L’area individuata comprende la pista nera Vincenzo Mollica, la pista rossa Sparviero e le piste blu Marmotta e Scoiattolo. Tra gli impianti di risalita, la seggiovia della Mufara, la sciovia Mufaretta, il nastro trasportatore oltre la biglietteria e gli altri uffici. Rientrano, anche, i sentieri della Mufara: Filippo Arena, Pippo Tarro e Maresciallo Di Franco. Con la Forestale, per migliorare ulteriormente le condizioni di sicurezza, si è provveduto, inoltre, a individuare una porzione della trazzera regia per consentire l’eventuale intervento di mezzi tecnici e di soccorso, e che verrà affidata al Comune di Petralia Sottana.

    Nei giorni scorsi la Piano Battaglia s.r.l. aveva reso pubblica la situazione del mancato affidamento della gestione delle piste da parte della Città metropolitana.

    Palermo, Sicilia
  • Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.