martedì 12 dic
  • Stefania Petyx precisa sugli asili

    Stefania Petyx ci ha inviato una e-mail in cui fa alcune precisazioni sulle polemiche sollevate dal suo servizio sugli asili comunali a Striscia la notizia.

    “Le condizioni delle scuole materne”

    Caro Rosalio,
    leggo dal tuo post e dai giornali che, dopo il nostro servizio sugli asili, il comune ha deciso di querelarci per aver filmato un magazzino non di proprietà dell’asilo, definendo il nostro lavoro superficiale e in malafede.

    Ma se il magazzino non è dell’asilo.. come siamo entrati?
    Forzando la porta?
    Chiamando un fabbro?
    Uno scassinatore?

    Non ne abbiamo avuto bisogno.

    Quel magazzino ci è stato aperto, con le chiavi, dal personale dell’asilo, c’erano dentro giocattoli, cibo Mellin scaduto nel 2002, materassi piccoli (si suppone per bambini o …nani) c’erano addirittura le coperte e le tovaglie da tavola uguali (direi le stesse) a quelle utilizzate dall’asilo.
    Che la proprietà sia o meno dell’asilo conta ben poco.
    Conta il fatto che lo utilizzino in questo modo, e conta il fatto che sia attiguo al luogo in cui conservano biberon, saponi, salviette, ciucci e quanto serve per l’igiene dei bambini.
    Questo conta.
    Non se al catasto quella stanza sia o meno indicata come asilo.

    Lavorando con le immagini è difficile far vedere cose che non esistono, gli scarafaggi erano lì, non li abbiamo allevati e posizionati noi, l’uccello morto era lì, non l’abbiamo ucciso e tumulato noi.
    Nemmeno la sporcizia e il caos li abbiamo portati noi.
    Noi li abbiamo filmati e divulgati.
    È il nostro lavoro.

    Credo che quella della querela sia una dichiarazione “a caldo” nata dall’indignazione e dall’imbarazzo del sindaco per quelle immagini forti e preoccupanti.
    Credo che, dopo un’analisi razionale, il sindaco dirigerà la sua rabbia non su di me e il bassotto, ma su chi doveva vigilare e non ha vigilato, su chi doveva pulire e non ha pulito e, soprattutto, su chi ha permesso che un asilo nel 2007 assomigli alle “favelas”.

    Continuo a leggervi con piacere
    Stefania Petyx ………e il bassotto

    Palermo
  • 15 commenti a “Stefania Petyx precisa sugli asili”

    1. Cara Stefania, è la solita storia; invece di risolvere i problemi si va al contrattacco. Legambiente falsa i dati sull’inquinamento; Striscia mette scarafaggi negli asili. Tutta Italia cerca, senza alcuna plausibile motivazione, di boicottare Palermo. Se fossi Cammarata starei zitto e andrei a lavorare! Almeno per gli ultimi mesi che gli rimangono da vivere come sindaco della nostra città.

    2. Solidarità alla grande e brava Stefania ed a tutto lo staff di Striscia che in modo costante continua a scoprire gli altarini di un Italia sempre piu’al baratro.Amici di striscia continuate cosi’.

    3. Giuseppe mi sembra esagerato dire che Striscia “continua a scoprire gli altarini di un Italia”; in realtà i servizi di Striscia riguardano sempre cosette di paese o di costume, “inchieste” un pò vigliacchette, non si è mai sognata di andare a toccare “i potenti”. Il vero giornalismo d’inchiesta lo fa gente come la Gabanelli e Gatti…

    4. selinon sù striscia avrai anche ragione ma sù stefania petix proprio no ,un consiglio ,vai a vedere quella “signora” inchiesta che ha fatto sù http://www.disonorevoli.it
      e poi attento a non vomitare perchè di argomenti ne avresti ….io ho vomitato….bile.
      ciao
      pequod

    5. Penso che l’e-mail di Stefania sia un segno di grande sensibilità verso tutti noi di Rosalio. Mi ha fatto piacere ricevere la sua e-mail. 🙂

    6. Stefania, sono sicura che nessun palermitano ha pensato che a mentire tra i due foste voi….Chissa’ perche’ qui in sicilia le cose devono andare sempre allo sfacelo. Un bene comune non andrebbe tutelato?

    7. Cara Stefania,a me ha dato fastidio aver visto la mai città demigrata in prima serata,ma la colpa non è tua,anzi forse grazie a te forse qualcosa, cambierà e per questo ti ringrazio,la colpa è di chi invece di rappresentarci e sentirsi parte integrante dei problemi dei comuni cittadini,pensa solo a fattacci ed alle elezioni che si avvicinano.
      Grazie per quello che fai, Civediamo allo stadio più tardi…..a gridare Forza Palermo,e non solo per la squadra.

    8. L’e-mail di Stefania a Rosalìo è un bel segnale per questo blog perchè può diventare “il” blog civico della Città, sempre a prescindere dalle colorazioni partitiche, dove si può postare fissarie e cose serie, fare battute grevie e fare buona politica, quella appunto del senso civico sic et sempliciter. Vi pare poco nella nostra lenta, a volte sonnolenta Palermo ?
      Giovanni

    9. Caro Tony,
      sono perfettamente d’accordo con te. credo che questa mail sia un segno di grande stima e di profondo interesse verso un progetto che, giorno dopo giorno, diventa sempre più ricco di stimoli e di soddisfazioni.
      io non so se sia giusto parlare di senso civico…però credo che le cose possano cambiare anche grazie al contributo di tutti voi di Rosalio!
      Buona domenica a tutti
      🙂

    10. Cara Stefania spero tanto che il tuo giro per gli istituti scolastici e nn, di Palermo, nn sia finito perchè c’e’ davvero tanto da dire. NN credo ci sia bisogno di mentire su certe cose in quanto tutti quanti purtroppo, sappiamo come stanno le cose.

    11. cara stefania…
      anche io continuo a seguirti con piacere…
      grazie
      buon lavoro

    12. Chiaramente questa amministrazione comunale crede di poter continuare a prenderci per i fondelli facendosi pubblicità con i soldi di noi tutti… non sò a voi, ma io quando per strada vedo quella cartellonistica mi innervosisco terribilmente!!!
      e poi si scopre come gestiscono gli asili.. le strade piene di immondizia.. etc.
      grazie Petyx !!
      continua così!

    13. Non posso fare altro che confermare quanto letto alla luce di una esprerienza personale che sto vivendo proprio in questi giorni.
      Rientrato da brescia con la mia famuglia ho dovuto affrontare il problema di iscrivere mio figlio all’asilo comunale, dopo innumerevoli ricerche l’unico posto disponibile è stato alla sezione regionale di una scuola materna. Ho accettato immediatamente! quando ho accompagnato il bambino all’asilo l’amara sorpresa è stata che le sezioni regionali sono ubicate all’interno di un piano terra di un condominio con ingresso da due portoncini in alluminio chiusi con lucchetto e catena, ambienti non consoni alla destinazione d’uso e arredamento e materiale in pessimo stato.
      La soluzione inevitabile è stata la struttura privata con rette mensili onerose e la rinuncia ad un diritto. Beffa, le rette per la refezione mi dicono alla direzione didattica non sono rimborsabili perchè ci vuole una motivazione valida alla revoca dell’iscrizione. MOTIVAZIONE VALIDA……….
      Sono deluso, amareggiato e PENTITO

    14. ciao stefania brava ….. si sono stefano… proprio io.. quello che conosci devo dire cmq che solo una cosa nn mi è piaciuta …. ma nn detta da te ma scritta sulla carta stampata …. (l’hai capito??? ) mmmmm ti do un indizio …. hanno messo una sigla sindacale e nn mi sembra corretto !!!!
      cmq ciao un bacio

    15. io abbito in un paese di circe 8000,anime.il problema del mio commento e che lente aquedotto ha mandato le bollette supur salati,poi dobbiamo pagare un depuratore che da vendi anni non funziona .aspettiamo tue notizie

    Lascia un commento (policy dei commenti)