mercoledì 22 nov
  • Dossier Ztl 2: un pasticciaccio brutto, brutto

    I nodi vengono al pettine. Parliamo dei nodi di un pasticciaccio brutto, brutto che è costato e costerà a tutti noi soldi e anche tanta bile.
    Certo, a tutti è consentito sbagliare: ma stiamo parlando di errori o di orrori?
    Insomma, il flop Ztl è solo doloroso o piuttosto DOLOSO?

    In questi giorni, sul quotidiano “La Repubblica”, leggiamo dei misteri del bando per la gestione delle Ztl che dal blu passa ad un più inquietante…giallo.
    Il giallo di grandi affari e di appalti a sei zeri.

    Ma procediamo con ordine.

    Certificazioni: tutti i frutti più uno

    Il mondo dei bandi di gara è un mondo complesso: esistono le regole, ma non sempre sono talmente chiare e precise da permettere di capire se e quando ci si trovi davanti ad un bando “anomalo”.
    Ma, pur evitando la caccia alle streghe, è certamente lecito esprimere dubbi e sollevare quesiti.
    E di dubbi ce ne sono a iosa sull’ormai famoso bando della gestione pass di Palermo.
    Va detto che la posizione della ditta è molto meno spinosa di quella del Comune, al momento infatti le si può dir poco: ha vinto una gara.
    Quello che, semmai, ci si chiede è come abbia fatto a vincerla, visto che parliamo di una ditta sì, sana e florida, ma che non sembrerebbe esperta nello specifico settore.
    Per capire come ragiona in tema di bandi il Comune di Palermo, ho pensato bene di allietare le mie notti con la lettura di tutti i bandi del Comune di Palermo dal 2002 al 2008.

    Non posso dire siano la tipica lettura estiva e non me la sento di consigliarvela, ma un certo interesse, almeno in me, l’hanno suscitato.

    La prima cosa che ho notato è che i dirigenti del Comune i bandi, quando vogliono, li sanno scrivere benissimo. Sanno essere precisi, esigenti e pignoli. Parlo anche del dirigente Attilio Carioti, che ha firmato il bando sui pass Ztl e che quindi non è certo incompetente o sprovveduto.
    Peccato che non sia stato così bravo proprio in questo bando, dove mancano richieste specifiche, sia sui requisiti che sugli standard richiesti per il servizio in oggetto.
    Per contro in una sola cosa al Comune sono stati a dir poco esigenti:
    LE CERTIFICAZIONI.

    Il Comune, scopro, normalmente nei bandi chiede solo la più diffusa tra le certificazioni: la ISO 9000 (la certificazione che la ditta fa sulla qualità del proprio servizio o prodotto).
    Una certificazione tipica, un “ever green” che si richiede in quasi tutti i bandi per servizi.
    Non si capisce come mai, giusto in questo bando per la realizzazione di un software, chieda pure la meno pertinente ISO 14000.
    Per capirci, la ISO 14000 è una certificazione ambientale, la ottiene chi rispetta nel corso del suo lavoro le norme ambientali.
    Non che sia sbagliato chiederla, ma peccato che il Comune la chieda in questa gara e non in altre ben più pertinenti, come quella per chi fornisce vernici, per chi si occupa del servizio mensa, dello smaltimento oli o della fornitura di climatizzatori.
    Fate la prova inserendo “ISO 14000” nella pagina di ricerca del Comune, ovvero qui.
    Potete fare la prova anche con ISO 14001 (ne appariranno 6/7)
    Dite la verità: non si può dire la vostra sia stata una lettura lunga e faticosa!
    Ma mi chiedo: se non la chiede quasi mai, come mai la chiede a chi in fondo deve solo realizzare un software (anche a distanza) e far consegnare un pass dai distributori??
    Forse, mi dico, la chiedono solo per le gare di informatica…eh no! Infatti, nel bando per il software del sistema sanzionatorio per la Polizia Municipale non ce n’è traccia…
    Le poche gare in cui il Comune la richiede sono quelle che riguardano le cartucce per fax e i materiali per pulizia con uso di disinfettanti chimici (forse perché lo chiede la legge).
    Ma la cosa diventa ancora più strana quando nel bando scopriamo che il Comune ha persino citato la mitica certificazione EMAS. Per chi non lo sapesse, la EMAS è una sorta di premio Nobel per l’ambiente: sono pochissime le società italiane a possederla. Di certo c’è che il Comune di Palermo, fino a questo momento, non l’aveva mai richiesta: adesso…sì!
    Ma non finisce qui.
    Infatti, in quel bando, come se non bastasse, è richiesta un’ulteriore certificazione: la Gold Certified Partner di Microsoft.
    Per la cronaca, sappiate che il Comune fino a quel giorno non l’aveva chiesta mai a nessuno e da quel giorno ha continuato a non richiederla più a nessuno.
    Praticamente questo certificato, in 7 anni di bandi, appare solo nel bando dei pass per le Ztl.
    Mi sono chiesta se nel resto d’Italia fosse tra le tipiche certificazioni richieste per bandi simili: non sembrerebbe.
    Ma siccome siete un pubblico attento e difficile, vi invito a fare questa prova. Mettete su Google: bando di gara + ISO 14000 + gold certified partner Microsoft.

    Fatto??
    Come vi dicevo viene fuori esclusivamente il bando di Palermo: strano!
    Mooolto strano, talmente strano che la Elsag Datamat (gruppo Finmeccanica) società leader nel settore “sistemi per la mobilità”, scrive al Comune di Palermo chiedendo di annullare in autotutela la gara per aver violato le norme sulla concorrenza con la richiesta di certificazioni non pertinenti.

    Infatti la Elsag, pur essendo leader del settore, al bando di Palermo non può partecipare, si trova infatti esclusa in partenza per via delle certificazioni.

    Vi cito alcuni passaggi della lettera inviata dalla Elsag al Comune di Palermo.

    Premesso che:
    • l’esponente ha intenzione di partecipare alla procedura in oggetto indetta da codesto Comune;
    • tuttavia, la sottoscritta non è stata posta in grado di concorrere per le ragioni di seguito esposte, che ne hanno leso e pregiudicato il relativo diritto;
    • il bando, all’articolo 11r, prevede, infatti, tra i documenti da presentare a pena di esclusione, la “certificazione, in originale o copia autenticata in relazione ad almeno una delle seguenti certificazioni/requisiti: Gold Certified Partner di Microsoft in relazione a: Advanced Infrastructure Solutions, Security Solutions, in Caso di ATI almeno della capogruppo mandataria”;
    • tale clausola contiene una specificazione tecnica evidentemente discriminatoria impedendo la presentazione dell’offerta da parte della sottoscritta Elsag spa (non in possesso del predetto certificato), azienda leader nel settore, la quale si trova ad essere ingiustamente pretermessa dalla Gara non possedendo tale specifico certificato; pur non prevedendo il capitolato alcun rifermento tecnico che obbligasse a tale prerequisito;
    • tale clausola determina quindi la lesione concreta ed attuale dell’interesse della Elsag alla partecipazione alla Gara ed un effetto distorsivo della concorrenza;

    […]

    • inoltre le clausole del Bando ingiustamente discriminatorie, la complessiva indeterminatezza e la contraddittorietà delle risposte fornite, la palese violazione della par condicio operata, la violazione delle regole della concorrenza e della massima partecipazione procedimentale, hanno alterato e reso irrimediabilmente illegittimo il Bando e l’iter di gara;
    • stando così le cose, la prosecuzione della Gara d’appalto e l’eventuale stipula del contratto si appaleserebbero gravemente illegittime e sanzionabili con la nullità, oltre ad essere fonte di indubbio danno all’esponente, del che si fa sin d’ora espressa riserva di ripetizione;

    tutto quanto sopra premesso,

    INVITA

    Il Comune di Palermo:

    • ad annullare, in sede di autotutela, il Bando e tutta la documentazione di Gara;
    • ad indire conseguentemente una nuova Gara.

    Si rimane in attesa di sollecite comunicazioni in merito.

    Manco a dirlo, il Comune la gara la fa.
    E la fa pur sapendo che persino una società così grossa si dichiara impossibilitata a partecipare, pur avendo già realizzato sistemi sulla mobilità per città come Milano, Roma o Bologna.
    A volte basterebbe la prudenza, o la decenza, per evitare di finire nei guai, ma evidentemente non è un’idea condivisa, almeno in questo caso, dal Comune di Palermo.

    Ah, dimenticavo: nella gara sulla gestione pass, vinta dalla TD Group, la ditta esclusa, la ATI Setesi-Semetra, è stata esclusa proprio per l’assenza di certificato Gold Certified Partner Microsoft.

    La Grande Assente

    Nell’articolo su Repubblica Palermo di sabato 28 giugno 2008 viene evidenziato un passaggio fino ad ora sfuggito a molti.
    Ma io, essendo ormai una neofita di bandi, mi sono illuminata!
    Tra le tante certificazioni che il Comune richiede alle ditte partecipanti, ne manca giusto, giusto una.
    Una mica da poco…quella sul trattamento dei dati personali: la ISO/IEC 27001:2005 o similari, per garantire la sicurezza delle informazioni personali dei cittadini.
    In assenza di tale requisito: chi garantisce ai 270.000 possessori di pass che i loro dati verranno trattati nel rispetto delle norme vigenti?
    Mi perdonino per ciò che sto per dire i distributori (il discorso è generico e non riferito a loro), ma che qualifica hanno i centri assistenza auto, i centri di revisione dei gas di scarico o i centri di telefonia a trattare e possedere dati come: la copia del documento, la carta di circolazione e il codice fiscale?
    Oggi, come tutti sappiamo, le liste di nominativi con indirizzi sono una vera e propria merce per le aziende di marketing.
    I dati in possesso dei distributori permettono di fare una divisione per indirizzo, età, sesso, professione e un indice di reddito qual è un’autovettura…
    Diamo per scontato che non ne faranno nulla, per onestà e senso civico.
    Ma quanti tra voi hanno firmato un consenso per il trattamento dei dati personali? (obbligatorio per legge)
    Quanti tra voi hanno la certezza matematica che i vostri dati non verranno divulgati?
    Quanti tra voi hanno la certezza che TD Group e distributori fossero autorizzati al trattamento dei vostri dati?
    Oggi ci chiedono di firmare moduli di accettazione per il trattamento dei dati pure se compriamo il pane; come mai, per questo servizio, a nessuno, in sede di bando, è venuto in mente il problema?

    P.S. che al Comune fossero a conoscenza di tale normativa ne siamo certi, infatti nel bando del software per la gestione atti del sistema sanzionatorio della Polizia Municipale, (dove non chiedevano ISO 14000, Emas o certificati Microsoft), questa certificazione la chiedevano!!!!!!

    Che vi devo dire: la vita è bella, ma anche strana…

    La Preveggenza

    In data 20/05/2008 in un articolo di Sara Scarafia, Valterio Castelli, patron della toscana TD Group, dichiara: “siamo venuti a Palermo perché abbiamo vinto un bando”.
    Le stesse parole me le sento dire io, non più tardi di venerdì scorso, da un gentile Carlo Venturini, addetto alle relazioni esterne della società pisana.

    La mia domanda era molto chiara: ma siete venuti a Palermo perché avete vinto un bando o avevate già affari o altre iniziative in città?
    Alla mia domanda, Venturini, dopo una verifica da me caldeggiata con i vertici della società, risponde confermando che a Palermo la TD Group arriva perché partecipa ad un bando. Poi, grazie ai contatti che si creano in città, nasce anche il sodalizio con il CERISDI, sodalizio che da settembre vedrà la TD Group organizzare corsi di formazione proprio al CERISDI, ma questi non sono fatti nostri e auguriamo loro ogni bene e fortuna.

    Ciò che vorremmo capire è ben altro.
    Se sono arrivati qui dopo aver appreso dell’esistenza di un bando sulla Gazzetta Europea (la GUCE), pubblicato in data 30 ottobre 2006, come mai in data 01 luglio 2006 ovvero 4 MESI PRIMA, aprivano in città la sede di via Salesio Balsamo?
    Avete letto bene: 4 mesi prima…ovvero quando ancora il Comune non aveva pubblicato il bando, quando ancora quel bando non l’avevano vinto loro e quando ancora non sapevano che giusto, giusto in quel bando il Comune avrebbe chiesto alla ditta di aprire una sede in città?
    Preveggenza? Intuito? Divinazione? Espansione?
    Tutto è possibile, ma, fino ad oggi, non risultano o non ci vengono svelate attività della TD Group a Palermo in quei 4 mesi .
    Da luglio ad ottobre hanno speso per una sede aperta, ma non attiva.

    Quante ditte si lancino in nuovi mercati alla cieca non lo so, forse tante, ma va detto che, per quanto mi risulta, loro non hanno sedi in tutta Italia. Sì, ci sono sedi in Toscana, a Roma e una nei pressi di Cosenza (che fino al 2005 era a Catania con il nome di TD Group Sud s.r.l. e la cui maggiore azionista è oggi la ventiduenne Caterina Castelli, omonima del patron Valterio Castelli).
    Ma di certo non si può dire che per completare la copertura nazionale mancassimo solo noi.

    Ma allora:
    cosa aspettavano?
    chi aspettavano?

    Non ci è dato saperlo e potrebbero restare indiscreti e curiosi dubbi, se non fosse per una loro dichiarazione che alimenta il mistero.
    Infatti nel REA (il registro presso la Camera di Commercio dove ci si iscrive quando si apre una sede locale), troviamo, oltre ai necessari dati societari, un particolare quantomeno curioso.

    Infatti, a soli fini statistici, la Camera di Commercio fa una domanda a chi apre una sede locale.

    Chiede: la data di inizio attività

    Ebbene la risposta fornita dalla TD Group a questa domanda è: marzo 2007.
    Aprono a luglio e dichiarano di iniziare le attività il marzo successivo!!!
    Parliamo di otto mesi dopo l’apertura della sede.

    A pensarci, è ben strano: marzo 2007! Come mai quella data?
    Come mai non contano di far nulla dalla data di apertura ovvero luglio 2006, fino al successivo marzo 2007?
    Pigrizia?
    Forse, ma la data appare meno casuale se facciamo due calcoli: dunque…il bando uscirà il 30 ottobre 2006, la gara sarà il 22 dicembre 2006, a febbraio 2007 il Comune dovrà confermare l’aggiudicazione della gara e a quel punto, come da contratto, la ditta avrà 60 giorni di tempo per realizzare il servizio di database e fornire i pass ai cittadini.

    Quindi, a conti fatti, l’inizio previsto per il servizio in oggetto nel bando del Comune era realmente MARZO 2007.
    Inquietante.
    Ma, come tutti sappiamo, nel 2007 la Ztl non partì per un braccio di ferro tra i legali del Comune e della TD Group sulla cifra milionaria da versare per la cauzione, e così l’operazione slittò ad aprile di quest’anno.
    Resta il fatto che in quel momento, in quel giorno di luglio 2006, la risposta della TD Group alla domanda della Camera di Commercio era, curiosamente,…esatta.

    Saranno anche coincidenze, ma cominciano ad esser troppe.

    Detto ciò e davanti a tutto ciò, che almeno dal Comune non ci vengano a raccontare che oggi sono “sorpresi” e indignati per la bufera nata dal “caso” Ztl: nasceva male ed è finita peggio. E lo sapevano già.
    Quindi oggi è surreale osservare questa patata bollente passare da una mano all’altra, nell’attesa che si raffreddi.
    Per amore della verità, ricordiamoci che in quel momento il sindaco ricopriva il ruolo di commissario straordinario per l’emergenza traffico ed era, quindi, la massima autorità in tema di provvedimenti sul traffico. Insomma, il più autorevole interlocutore dei dirigenti, insieme all’assessore al ramo: nella fattispecie, l’assessore al Traffico (Lorenzo Ceraulo) e l’assessore all’Ambiente (Giovanni Avanti).

    Spero che tali argomenti possano tornare utili a chi, oggi, cerca altrove i responsabili, quando basterebbe chiudersi in bagno, guardarsi allo specchio e cercare uno spigolo per dar craniate.

    Good night and good luck!

    Dossier Ztl: le parole che non ci hanno detto

    Ospiti
  • 180 commenti a “Dossier Ztl 2: un pasticciaccio brutto, brutto”

    1. e speriamo che quando cominciano con le craniate si facciano parecchio male 😀

      Grande lavoro Stefania, anche se mi hai fatto perder il sonno 😀

      Perchè comprare le parole crociate se leggendo i bandi del Comune di Palermo ci si diverte di più? 😀

    2. Bedda matrix. Fin da adesso chiedo di acquistare i diritti per fare di questo articolo la sceneggiatura del prossim film “tutti gli omini, ominicchi e quaquaraquà del sindaco”. Ti daranno il premio Petizxell

    3. Se gli articoli di Repubblica e quelli di Rosalio sulle ZTL rappresentano un contributo ad una vera informazione, come si può definire il silenzio del Giornale di Sicilia?

    4. grazie Pippo! ma, in realtà, sai quale premio vorrei ricevere?
      una ZTL fatta bene, legittima e severa. Per non dovere aver paura di cosa respiro…
      quello sarà un vero motivo per fare festa.
      provo la rabbia di chi ha subito il danno e la beffa, il danno di non aver la ZTL e la beffa di sapere perchè non ce l’ho.

    5. Vero! Se avessi dei prodotti di fasccia alta da piazzare sul mercato palermitano comprerei i dati di tutti coloro che hanno pagato i pass da € 50!!!

    6. …NKIA Stefy…
      dimettersi no?

    7. Grandissima Stefania!Veramente un dossier meraviglioso 😀

    8. Grande articolo Stefania.
      La cosa triste è che nolenti o volenti i danni di questo papocchio (cercato?!) li pagheranno i cittadini. Perché ci saranno multe da rimborsare, penali da versare alla società, denunce da affrontare e tanto altro.
      E intanto il nostro sindaco continua a mostrare quel sorriso a 45 denti.
      Cosa da dirgli in faccia: “ma che min**ia ci ridi?!”.
      Ciao,
      Emanuele

    9. è semplicemnte scandaloso……

      grande petix

    10. mi sa che quest anno i palermitani anzichè tirare i fiori alla santuzza tireranno munnizza al caro cammarata……..

    11. Stefania, eccellente approfondimento. Bravissima.

      Sono ASSOLUTAMENTE indifendibili.

    12. Ottima analisi, Stefania, come sempre 😉
      Non c’è che dire…il bando di gara era davvero cool!
      Adesso sorgono dubbi atroci…..

    13. la signorina petix insiste.
      non ne ha amici o parenti che la distraggono?
      senta un cretino vada a mare che è meglio, tanto finisce che se la scottano cone lei.

    14. E’ una minaccia quest’ultimo commento? Spero proprio di no. Voglio sperare sia soltanto il segno dell’atavica rassegnazione di noi siciliani di fronte alle prepotenze del potere. Ma è un errore anche questo. Guarda, caro Sire, stiamo dialogando, ne parliamo, applaudiamo la denuncia. Partecipiamo. Grazie Rosalio.

    15. Ma il carro della Santuzza il pass l’aveva fatto?

    16. … penso che quest’ultimo capitolo completi il faldone del GIP che ringrazierà Stefania per avre svolto il lavoro al posto suo.
      @ Sire
      faccia il favore di esplicare il senso del suo commento, o credo che un faldone si prepara anche per lei.

    17. Doloso o doloroso…ergo incompetenti ( e allora i soldi che percepiscono questi… sono indebitamente percepiti, modo elegante per dire…) o questi come altri lavori inspiegabili di Palermo ( vedi dossi di via Libertà a 60.000 € l’uno, o allargamento dei marciapiedi di via La Malfa, o pista ciclabile in via Crispi…ma si potrebbe continuare per parecchio) sono lavori fatti e dati con un unico scopo e con uno o pochi che se ne avvantaggiano a dispetto della comunità che vede sperperati i già risicati e ancora peggio amministrati fondi del comune??? In ogni caso questi esperti…di altro ma sicuramente non di traffico o di emergenze varie e tantomeno di amministrazione, adesso che un pò di soldi se li sono fatti… perchè onorevolmente, parola a loro probabilmente sconosciuta, non se ne tornano là da dove sono venuti?

    18. complimenti sig.ra Stefania lei si che se ne intende.
      L’unico a non capire cosa ci sta a fare li è il Responabile della viabilità cittadina è come se la cosa non l’ho interessasse. Tanto io che c’entro bhoooo…

    19. nel lodo Berlusconi, vedrei bene anche le figure dei sindaci, dei presidenti della provincia ed anche delle regioni…non si sa mai…
      grande Stefy!!!

    20. c’è chi esulta perchè avrà indietro 15€ di pass, c’è chi è terrorizzato dal sapere che passando spesso dal centro di Palermo rischia più degli altri di beccarsi il tumore ai polmoni…

    21. Penso che la domanda principale da porsi sia: “Perchè proprio la TD Group?”

    22. Da notare come soltanto adesso che il TAR ha bocciato le ZTL e stanno iniziando le indagini della Corte dei Conti e dell’Autorità sugli appalti pubblici, solo ora alcuni esponenti del PD in Comune e la Repubblica hanno scoperto le probabili magagne di un appalto che l’inchiesta della grande Stefania Petix aveva mostrato da tempo.
      Ma l’opposizione in Comune esiste? Soprattutto il PD esiste?
      E il giornalismo? Mi sarei aspettato che la Repubblica facesse la sua inchiesta il giorno successivo al primo post della Petix. O meglio, che la facesse anche prima, considerato che varie associazioni di cittadini avevano fatto da tempo ricorso al TAR contro le ZTL. Non oso parlare della totale assenza del Giornale di Sicilia.

    23. Solamente scandaloso. Viva l’Italia

    24. Davvero inquietante…speriamo non rimanga solo materia di chiacchere tra palermitani sotto l’ombrellone…
      Complimenti a Stefania.

    25. La cosa che piú mi sconvolge è come certe cose vengono fatte, con la spavalderia e la noncuranza di chi è sicuro che niente verrá alla luce perchè è tutto così assurdo da riuscire a passare inosservato, ma per fortuna c’è gente come te che ha voglia e coraggio di denunciare.
      Sempre bravissima Stefania, complimenti!

    26. ahahahah Balzac76!!! Il carro della santuzza col pass auto è meraviglioso, cmq credo che non l’abbia fatto solo per una ragione: il 14 luglio è ovviamente una data post 23 giugno quindi emessa la sentenza del tar non c’è bisogno del pass carro 😉

      Per Stefania Petyx: che dire? candidati come sindaco ti prego!!!!! Forse possiamo sperare di avere una città migliore.

      Ceraulo assessore al traffico? ;-( proprio lui che è cognato dei proprietari di Prima Visione? L’hanno scelto apposta, Cammarata avrà pensato che visto che l’attività di suo cognato blocca la circolazione ogni santo giorno in Corso Finocchiaro Aprile, allora ne deve capire qualcosa….
      ma smettiamola….

      continuo a dire: ricordiamocelo alle prossime elezioni!!!!
      Per la proposta di tappezzare col pass auto una piazza di Palermo? che facciamo?

    27. fabius, sembra che tu FINGA di non capire che per quei 4 gatti che scrivono quì i 15 Euro sono solo una pizza e birra in più a cui possono anche rinunciare e che la quasi totalità dei 4 gatti è perplessa non tanto per le limitazioni al traffico veicolare quanto per il modo in cui è stata gestita l’istituzione della ztl, erogazione pass, tariffe etc. e dopo quest’ultimo articolo anche per le zone d’ombra che però con tutto questo caldo magari fanno pure bene alla salute 🙂

    28. Complimenti, Stefania.Davvero interessante e scandaloso…Mi viene di scappare. All’estero però.

    29. distribuiamo cartoncini blu che richiamano i pass, da sventolare ai quattro canti quando arriva la santuzza e Dieguccio sale sul carro.
      sbettiamogli in faccia la voglia dei palermitani di risolvere al più presto questa questione…
      lo facciamo???

      stefania, non sei giornalista professionista vero?
      sei la prova che l’abiitazione e l’esame 9 volte su 10 non serve a nulla, grande.

    30. se si pensa che il giornale di sicilia è l’unico che intervista il sindacoo, e gli fa le domande a piacere! huaaawawaaahahhahahaa
      grande!

    31. Non credo sia superfluo complimentarmi con Stefania. Brava!

    32. GRANDISSIMA!!!
      OTTIMO LAVORO….
      FIERO D’ESSERE UN TUO CONCITTADINO…

    33. Vogliamo risolvere davvero i mille e più problemi di Palermo? Stefania Petyx prossimo Sindaco! 😀

    34. Sì, complimenti alla Petyx. Ma anche a Siino. E pure a MFSicilia, che nel silenzio generale degli altri giornali siciliani ha citato l’inchiesta di Rosalio, riportandola in buona parte. Ragazzi siamo tutti con voi. Se vi querelano per diffamazione ci sarà da ridere…

    35. Già, ma la penale che, come si chiama?, Td Group?, vorrebbe dopo l’annullamento del Tar? Forse qualcuno dovrebbe pagarla di tasca sua, ma non a Td Group… Oltre tutto son riusciti ad inventarsi un nuovo data base, del tutto superfluo, per iscriversi al quale il cittadino ha pure dovuto pagare e fornire i dati personali senza garanzie (brava Stefania): a Milano hanno usato direttamente il data base della motorizzazione, senza chiedere una lira ai cittadini con auto Euro 4…

    36. Brava Stefania!
      Ottima inchiesta.
      Sulle strane certificazioni avevo evidenziato i miei dubbi in un mio commento al tuo post del 16 maggio scorso. Adesso è evidente che non ci sono proprio più dubbi, è stato un bando su misura!
      Vai avanti Stefania, con le tue inchieste dimostri l’assenza assordante degli altri organi di informazione in Sicilia. Ma si sa l’obiettivo di tanti giornalisti è diventare capo-redattore dell’ufficio stampa della regione…

    37. Vi invito a ponderare molto le parole che userete nei commenti a questo post. Grazie.

    38. Ha ragione l’azienda “leader”: la certificazione Microsoft è discriminatoria. Io aggiungo che è anche inutile. Da sviluppatore software posso affermare che quasi sempre l’utilizzo di soluzioni aperte dà benefici sia al committente che a coloro mantengono il software. Tutti usiamo google(leader del mercato) e non credo nessuno domandi loro una certificazione Microsoft. Anche perché il loro business è basato su tutto meno che MS. Ciao

    39. Grazie a Stefania per il suo intervento che ogni tanto serve a farci svegliare dal nostro torpore. Speriemo di essere svegli anche per le prossime elezioni, visto che a noi palermitani un po’ di masochismo ci piace…

    40. E’ che hanno la faccia come il culo, questo è.
      Dove siete finiti voi che avete votato Cammarata e per questo vi sentivate fighi? Eh? Sono seriamente incazzato.

    41. […] la dose anche Stefania Petyx, inviata di Striscia La Notizia, che nel congedo del suo post pubblicato oggi su Rosalio dice: “Spero che tali argomenti possano tornare utili a chi, oggi, […]

    42. Stefania Pertyx ti vorrei come Sindaco di Palermo. Pensaci…

    43. Brava Stefania Petix. Mi dovrò prendere un antiemetico ma pazienza. Come ho già scritto, la spavalderia e la noncuranza del comune deriva da chissà quanti precedenti di cui non ci siamo accorti e che sono passati sotto il nostro naso. Emblematica è ancora una volta la questione: svendita della città all’Apcoa.

    44. @Vincenzo: io l’ho votato e di certo non mi nascondo, così come stanno facendo in molti… e pare che nessuno l’abbia votato… pur se il paragone è forzato, quando cadde il fascismo, tutti si scoprirono anti-fascisti.

      Ciò che pesa è la responsabilità politica ed il danno è cocente. Le dimissioni dovrebbero essere la scelta più sensata. Ed il ritorno alle urne.

    45. Stefania….I LOVE YOU!!! =) =) =)

    46. Orlando, orlando, .rlando, ..lando, …ando, ….ndo, …..do, ……o, …….

    47. @Walter: ovviamente la mia è una domanda provocatoria, per capire cosa pensano adesso coloro che hanno votato per il centrodestra. Ma il discorso varrebbe anche se a combinare questa vergogna fosse stata una giunta di centrosinistra.

      Mi chiedo se episodi come questo bastino affinché gli elettori siciliani decidano di voltare pagina, oppure se alle elezioni successive voteranno per le stesse persone o per i loro compari.

      In tal caso potremmo affermare davvero che la nostra è una terra irredimibile che ha bisogno di eroi morti ammazzati dalle bombe nascoste sotto i cavalcavia per avere una reazione d’indignazione e d’orgoglio.

    48. Stefania Petyx fa vere pagine di Giornalismo: non si limita a raccontare le cose che succedono come fanno la maggior parte dei pur bravi cronisti (sottolineo, cronisti, termine più appropriato senza alcun intento offensivo). Ma indaga, studia, sviscera e presenta ai lettori un quadro completo ed esaustivo dell’argomento che tratta.
      Ce ne vorrebbero tanti di Stefania Petyx: BRAVA !

    49. @Vincenzo ma secondo te la maggior parte della gente di Palermo va alla ricerca di informazioni, del perchè e del per come? Assolutamente no. Probabilmente la prossima volta non rivoterebbero Cammarata, solo xchè non si ricandiderebbe…

    50. Bravissima Petix….ma questi, purtroppo nn si dimettono mai. Anzi, si aumentano gli stipendi et le indennità. Cri

    51. […] Il secondo dossier di Stefania Petyx […]

    52. In questa occasione l’opposizione di centro-sinistra non si è comportata proprio bene. Di fatto ha permesso, senza neanche troppi mugugni, che le ZTL alla palermitana entrassero in vigore. L’opposizione (soprattutto il PD) non ha svolto il suo ruolo di controllo sull’operato della Giunta e del Sindaco e ha lasciato che singole associazioni di cittadini si dovessero rivolgere alla magistratura affinché le magagne potessero venire alla luce.
      Non è certamente in questo modo che il PD potrà riconquistare l’elettorato disilluso.

    53. STEFANIA PETIX SINDACO DI PALERMO!!!!!!!!

    54. leggete il comma 10 dell’art. 36 del nuvo codice della strda che istituisce il PUT

    55. Complimentoni Stefania!!

    56. Cara Stefania ,
      non cambiare e non ti fermare MAI!!!
      Da una palermitana come te…

    57. ragazzi.
      grande notizia…

      intervine l’autorità di vigilanza sui contratti pubblici sul bando pass ZTL di palermo.

      http://palermo.repubblica.it/dettaglio/Ztl:-interviene-lAuthority-indagine-sullappalto/1482164

    58. Authority -> Corte dei Conti -> Procura della Repubblica.
      …messi male.

    59. @ sincert,guarda che ho studiato le certificazioni proprio dopo il tuo commento…e quello di pepè.
      ora capite quanto contano i commenti “costruttivi”.
      vi prego non ci impelaghiamo in discorsi di destra e sinistra, o in inutili festeggiamenti per l’insuccesso (di tutti noi).
      cerchiamo la verità. datemi spunti e informazioni che poi starà a me verificare.
      tutti i commenti sono ben accetti anche quelli contro, se motivati bene.

      invito anche i lettori del comune o della ditta a contribuire ad un dibattito serio, costruttivo e motivato.

    60. @ giuseppe, purtroppo quando si parla “da comuni cittadini” bisogna scegliere con cura le parole..
      lo so che sembra ipocrisia, ma non possiamo per esempio usare MAI il termine truffa, prima di una sentenza che non sta a noi esprimere.
      noi possiamo chiedere, domandare a gran voce.
      ma il giudizio finale non è nostro, quindi anticiparlo può solo arrecarci inutili danni.

      le tue considerazioni sono valide, e i tuoi dubbi sono i miei dubbi.
      spero che chi di dovere faccia luce (come si dice in questi casi)
      noi tutti continuiamo a star “vigili” e questo non è inutile..

    61. Stefania sindaco magari fosse vero, sarebbe il piu bel regalo che Palermo si possa fare

    62. pesaro?
      porto cervo?

    63. a questo punto sarei pure curioso di vedere sto mega software della TdGroup…chissà se lo metteranno mai a disposizione freeware 😉

    64. Copiate le inchieste da Repubblica, complimenti!!!

    65. La verità è che, visti gli sprechi e le voci di spesa inspiegabili, se si mettesse in mano l’amministrazione ad una tirchissima prof di matematica si risparmierebbe l’80%.
      E senza ricadute reali e consistenti sui cittadini…

    66. Stefania sindaco subito! =)

    67. Occhio però perché può essere che a questo punto, persi per persi e senza argomentazioni, trovano a uno e ci fanno fare il crasto epiatorio.
      In fondo basta solo che l’opinione pubblica abbia un crasto espiatorio su cui concentrare maleparole e sfoghi col rischio di fare scomparire il vitello grasso.
      Sono bravissimi ad arrostire crasti espiatori.
      Occhio sempre al bandolo della matassala.
      Grazie sig.ra Petix. sensa di lei la tristezza non avrebbe un sorriso.

    68. @ienaridens..azz copiare è grossa.
      anche perchè quando si cita non si copia..
      quando si aggiunge anche un solo misero dettaglio non si copia.
      quando si fa in 2 quello che toccherebbe fare ad almeno 3 o 4 non si copia.

      insomma se fare il nostro lavoro è copiare:evviva le copie.
      chiediti come mai altri tacciono, non perchè 2 parlano!

      ti do uno spunto.. oggi anche Milano Finanza Sicilia cita in un bell’articolo l’inchiesta sul bando (li denunciamo per plagio o li ringraziamo!)

    69. Quello che dobbiamo chiederci è come mai Repubblica non abbia “copiato” la prima inchiesta della Petix, mentre ora che la magistratura si sta occupando della cosa lo stesso giornale si sveglia improvvisamente e scopre di saper fare giornalismo d’inchiesta.
      Il Giornale di Sicilia, almeno, mantiene una sua coerenza!

    70. come mai oggi Jolanda si interessa di Rettori e non di Ztl?

    71. Stefania for President!!!!
      Mi sono innamorato di te !!!!
      Un bacetto

    72. Ok ma l’ìnchiesta l’ha fatta Repubblica, voi poi magari avete aggiunto qualcosa anche se dubito. Tutto quello che ho letto sul sito l’avevo già letto su Rep. Non c’è plagio quando si usano parole diverse (infatti non ho usato questo termine)ma la sostanza è tutta repubblichina.

    73. L’importante è parlarne, non importa chi ha cominciato.

    74. Ieanaridens ti sbagli.

    75. @ienaridens
      l’inchiesta è nata grazie al post di Stefania del 16 maggio (vai a rileggertelo), solo dopo più di 300 commenti e numerosi rilanci dai vari blog palermitani sono iniziati gli articoli di repubblica… meglio tardi che mai!
      Il tuo intervento mi ricorda i cosiddetti Jack in the Box (come li ha definiti Repubblica), quei pupazzi che escono dalle scatole facendo rumore, che si azionano quando si vuole distrarre l’attenzione dell’opinione pubblica sui fatti. Invito tutti a non cadere nel tranello e ritornare sui fatti.

    76. @ienaridens ma non e’ che sei il nostra caro sindaco perche’ il nickname si adatta perfettamente….:D

    77. Non sono d’accordo su “Stefania sindaco”. Stefania sa fare ottimo giornalismo e quello deve continuare a fare. Con buoni giornalisti anche i sindaci migliorano….

    78. ….quando a uno gli rode o denigra o la butta sul personale. Grazie Stefania per aver dimostrato a lorsignori cosa significa fare vera informazione. E un applauso anche a ‘un’ quotidiano palermitano, sempre pronto a difendere e tutelare il cittadino con un’informazione imparziale e coerente. Qui la ienaridens sono io.

    79. Stefania,sempre detto e saputo che sei una brava GIORNALISTA ,i miei più sinceri complimenti ,come al solito…
      a presto
      Pequod

    80. Stefania, dal tuo commento “pesaro?, porto cervo?” capisco che almeno tu hai letto il mio commento, purtroppo eliminato da Rosalio.
      E così sia.

    81. Il Leone purtroppo c’era un passaggio che violava la policy

    82. Quella dei vaglia postali è una bellissima idea coerentemente in linea col rito della coda che dev’essere onorato dai palermitani quale che sia lo sportello officiante!

    83. e che credevi….,
      che si sarebbe interrotta l’antica tradizione palermitana a cui tutti i cittadini si immolano da decenni,
      oppure ….
      che ti portavano i soldi del pass a casa citofonandoti ?
      Fare la fila e lamentarsi.
      (Già sento: ohhh c’era prima io, era assittatu ma quannu arrivavi io ancora lei unnavia vinutu….e tuttu chistu pi du gran cuinnutu ri…..)
      …e su qualche giornale: “poveri palermitani ancora una volta sballottati a destra e a manca con 40 gradi all’ombra per riprendersi i loro soldi del pass”

      poveri palermitani… se non ci fossero loro, di chi si scriverebbe…
      Il film palermitano e’ sempre lo stesso ? non cambia?
      E’ come vivere un deja vu, vissuto già migliaia di volte dall’infanzia?
      Che succederà?
      Prenderemo col sudore estivo appicicoso quei 15-30-50 euro e andremo a festeggiare in pizzeria per l’euforia (fa pure rima).
      Ma potremo raccontare ai nostri figli e ai nostri nipoti di aver vinto una grande battaglia civile.
      Allora a pensarci bene non è sempre lo stesso film.
      Se abbiamo qualcosa di nuovo da raccontare alle generazioni future e allora qualcosa è cambiato a Palermo !!!
      Si, allora potremo dire che qualcosa e’ davvero cambiato.
      E forse ne parleranno anche gli altri giornali italiani e stranieri di questo evento.
      Per una volta potremo andare tutti fieri di qualcosa a Palermo.
      Era ora!!!
      Queste si che sono soddisPazioni che uno si passa! 🙂

    84. a onor del vero credo non tutti i giornali palermitani abbiano (da un paio d’anni) la stessa pubblicità dal comune , e credo anche che con non tutti i giornali il comune dialoghi nello stesso modo.

    85. Grazie Stefania.

    86. «Se entro trenta giorni il Comune di Palermo non ci darà la documentazione richiesta allora scatterà una sanzione che può essere anche pecuniaria – spiega il direttore generale del settore servizi dell´Autorità, Annalisa Rocchetti. Citazione dal link indicato dalla Petix. Quindi il fatto che indaga l’Autorità porterà ad una multa al Comune che ovviamente finiremo di pagare noi tutti? Perchè non si persegue civilmente e penalmente chi ha fatto tutto questo? Perchè??

    87. Stefania, che dirti se non che sei davvero una grande e brava giornalista, e lasci tanta speranza in un futuro migliorabile per la nostra Palermo.
      Ce ne fossero come te! 🙂
      Come hai già scritto, è sconfortante il silenzio di tanti giornalisti su questo genere d argomenti!
      Continua così 🙂

    88. ma fatemi capire non potevano o potevano prendersi i miei dati?
      no?
      si?

    89. Ma perchè dobbiamo rimborsare noi con le nostre tasche i danni da pagare per questo pasticcio? Deve pagare chi ha combinato il danno! I soldi non bastano? Allora gli si pignori la casa, le ville e tutti i beni. Semplice, no?
      Ma si sa che la giustizia non è uguale per tutti…e non lo sarà ancora di più quando ci saranno le leggi vergognose che vuole fare approvare berlusconi per bloccare i processi e rendersi immune…

    90. ma dov’è la cara Iolanda che ha inondato Rosalio di commenti innegiando sempre e solo “W la ztl alla palermitana”
      Iolanda, sei rimasta senza parole???
      Vogliamo parlare anche dei soldi sprecati in pubblicità radiofonica dove si decantava il rilancio dei monumenti con le Ztl??
      E tutte le cartellonistiche? Quanti soldi buttati…
      Altro che KalsArt, venivano grandi eventi su Palermo… e anche qualche autobus nuovo…

    91. Supponendo che esista da qualche parte nel mondo un partito politico che voglia e possa sfruttare il meccanismo del voto di scambio… qualsiasi tipo si scambio: posto fisso/fissa, vincita di un concorso o di un bando di gara, etc.etc.
      Supponendo che voi siate nella condizione di poter scegliere tra questo vantaggio immediato e invece il rinunciarci per un principio sociale e morale verso la comunità, accettando di continuare nell’immediato futuro ad essere superati da chi ha scelto diversamente.
      Bene supponendo che questa situazione sia da qualche parte nel mondo reale… voi che fareste?

      Prima di rispondere, pensate un attimo e immaginatevi davvero in ciò che ho descritto.

      Dopo aver risposto ripetete la domanda a tutti quelli che conoscete…

      Io sono convinto che presto questo diventerà un altro discorso da caffè (o da spiaggia) e certa gente continuerà a farsi quattro “cianchi” dei Palermitani bevendo un cocktail ben fatto alla Cuba o nei nuovi posti “ben” frequentati.

      Perchè tutti i Palermitani beffati (compresi i miei familiari) non sono in piazza o davantiil comune e ci restano fino a quando qualcosa succede? Perchè siamo unpopolo di chiacchere e fatalismo… sempre poche azioni dopo le mille lamentele.

      Scusate per il cinismo ma sempre di più perdo le speranze!!!

    92. senza parole….. mah…. 😮
      Grande Stefania!!!!
      Incrociamo le dita!

    93. Complimenti, Stefania, per Lei il termine giornalista è forse un pò riduttivo.
      Sarebbe più appropriato, secondo me, quello di “investigatrice”!!
      Se Le è piaciuto spulciare i bandi di gara del comune, Le proporrei (magari mentre si gode il meritato riposo estivo) di dare un’occhiata anche a quelli della regione: chissà che non trovi qualcosa di altrettanto interessante…

    94. in realtà, le confesso Caro Fabrix, che pensavo di regalarmi per allietare le mie sieste pomeridiane under big umbrella..l’intero “cofanetto” di bandi di gara:

      “comune-regione…provincia” magari l’edizione gold con i contributi speciali, gli allegati!!

      che ne dice, me li consiglia??

    95. cara Stefania,
      mi resta un enorme punto interrogativo (già dal tuo primo post).
      Nelle altre città hanno partecipato ai bandi di concorso per le ztl solo 2 ditte come a Palermo?

      E’ solo curiosità, quindi non passare la notte in bianco 🙂

    96. altro interrogativo. A palermo le aziende escluse o quelle non vincenti hanno presentato ricorso per l’annullamento del bando (per quelle certificazioni richieste) assegnato come sappiamo alla td ? Quando la somma di un bando pubblico e’ alta generalmente se le aziende escluse si sentono lese nei loro diritti di concorrere al pari di altre, non esitano a fare ricorso per l’annullamento del bando stesso.

    97. @maria e franz

      quante fossero le ditte in gara, purtroppo, al momento non ci è dato saperlo.
      e risulta anomalo perchè la legge è chiara in termini di trasparenza per i bandi di gara.
      quindi informazioni come questa dovrebbe essere di pubblico dominio.
      in questo caso non lo sono.( e onestamente non so dire ne perchè ne cosa comporta)

      che io sappia, almeno dai documenti visti, alla gara ne vennero ammesse 2.
      la TD group (vincitrice)
      e la Ati- setesi semetra (esclusa per il certificato Microsoft)

      quali e quante fossero in gara non posso quindi saperlo.

      poi a quanto ne so le ditte escluse non hanno fatto nulla se non minacciare querela.
      mi sono chiesta anche io come mai. ma la spiegazione che mi sono data è una pura ipotesi, quindi vale poco.
      purtroppo anche questo argomento non è di dominio pubblico (al momento).

      ma poco a poco le carte stanno venendo fuori.
      oggi, per esempio, vi segnalo un articolo su Milano Finanza Sicilia che scoperchia altri misteri del bando.

      leggetelo è interessante.

    98. @sittina
      da brava colf sta raccogliendo i cocci…

    99. E’ necessario toccare il fondo per poi risalire….ma ho la terribile sensazione che stiano continuamente alzando il livello della cacca che ci sommerge per evitare di farci arrivare sotto per dare un colpo di reni.
      Riflettiamo: se il cittadino è educato sin da piccolo all’idea che tutto il mondo gira così, il senso di nausea lentamente scompare e quel colore marroncino che lo circonda, con il tanfo e le mosche che gli girano attorno diventa quasi un’immagine bucolica.
      Se poi forniamo allo stesso cittadino un nemico contro il quale combattere (un comunista, un magistrato, un ateo, ecc.) in nome della pura e sacra verità , ecco che il tutto assume un aspetto romantico!
      Io, in ogni caso, continuo sempre a sentire quel ormai familiare tanfo di cacca.

    100. @aneletto

      hai dimenticato i mezzi di “distrazione di massa”,
      aggiungi quelli e la narcosi è completa.

      però ci si può anche risvegliare e se mai avverà, sarebbe bello rispolverare la sequenza di escamotages e flop in tema di traffico in questa città negli ultimi 8 anni (otto è perchè io conosco meglio quelli…ma forse è sempre stato così)
      il quadro è ben preciso..non errato

      ztl
      centraline controllo agenti inquinanti
      car sharing
      apcoa
      posteggi sotterranei in project financing
      ausiliari del traffico
      strisce blu
      autobus
      piste ciclabili
      controllo telematico mezzi pubblici
      semafori intelligenti
      onda verde

      e ne dimentico di sicuro…
      penso ci sarebbe da fare un poema su ognuno di questi.

      e magari lo faremo sto poema!!!!

      ora telefono a dante..

    101. @anelletto:
      Aggiungerei un rom, un bambino rom, un nero, l’Europa…

    102. @sergio

      alla tua domanda come vedi nessuno risponde..perchè nessuno l’ha capito.
      e chi di dovere non ha dato chiarimenti o smentite (uno dei 2 ce lo meritavamo)

    103. Il vero problema è risvegliare la coscienza globale. Noi siamo soltanto poche “lacrime nella pioggia”.

    104. sign.ra Stefania una cosa ancora non l’ha detta ” si è chiesta come mai in tutta questa vicenda il Comando della Polizia Municipale non sia mai intervenuto in fase propedeutica ma si è dovuto solo attenere a fare rispettare le Ordinanze” ? bhoooo ……e quindi verbalizzare

    105. per salvo 62

      mhmmm….

      1-saranno bravi solo a far quello?
      2-non servivano consigli era tutto già fatto bene?
      3-per non farli stancare?
      4-non avevano esperienza?
      5-ce ne sono pochi perchè distrarli?

      ho finito le idee..lei ne ha?

    106. peccato! spero rimettano le ZTL. Si circolava così bene.
      mi è sembrato ci fosse meno traffico, soprattutto nella zzona A, ora c’è di nuovo la bolgia.

    107. cara Teresa,
      ti capisco, ma ti rigiro la domanda: e cosa posso fare?
      il mio ruolo è informare, fare domande, verificare risposte..
      il mio lavoro non è giudicare o condannare.

      il cittadino ha un unico mezzo per punire o premiare chi governa, il suo voto.
      e palermo ha premiato l’attuale amministrazione.
      questo è un dato certo.

      se esistono colpe o reati poi esiste la magistratura.

      tutto qui..semplice (si fa per dire)

      noi però possiamo non lasciare morire la questione, questo si possiamo farlo.

    108. ma non è assordante il silenzio assoluto in termini di spiegazioni e comunicazioni in merito alla vicenda?
      Sul sito del Comune non vi è più traccia delle ZTL: scomparse come i soldi dalle tasche di chi ha pagato. Sul sito passpalermo solo un laconico comunicato di essere in attesa di istruzioni.
      Assessori, consulenti, sindaco, tutti ancora al loro posto.
      Ma l’uso delle dimissioni per quali casi è ancora ritenuto appropriato? Strage, calci nel sedere al Presidente della Repubblica, tratta delle bianche?
      Altrove credo la soglia oltre cui la dignità ne fa sentire l’esigenza sia molto più bassa…

    109. le possibilità sono varie.

      @R.M.

      sia comune che ditta intendi?

      ma sai….

      -o stanno mettendo su una risposta (visti i tempi di reazione, non sembra facile)

      -o stanno scrivendo pagine e pagine per la tanto annunciata (quasi intimidatoria) querela.

      o stanno cercando di far poco rumore per far dimenticare
      (della seria: ma perchè non torna la mucca pazza a distralrli????)

      certo è che il silenzio è davvero assordante.

      dimissioni?? what’s dimissioni?

    110. Grazie Stefania!

    111. Per avere informazioni dettagliate non bisogna andare a Palazzo delle Aquile o sperare di leggerle sul sito del Comune. Basta andare al circolo del tennis o in qualche localino notturno, lì troverete sicuramente il sindaco, ma state bene attenti al suo sorriso ipnotico…non sto scherzando.

    112. ….e c’è gente che ancora continua ad esporre il famigerato tagliando sul parabrezza della propria autovettura!!?!?!
      Ma che aspettano a toglierlo??
      Forse pensano che il vigile di turno, vedendo il tagliando esposto, gli lasci 15euro di rimborso attaccati al tergicristallo?

    113. Cmq, anche se la cosa può sembrarvi scandalosa, è di uso abbastanza comune e accettato in tutta Italia (e forse anche oltre) quello di fare il bando ad hoc per una certa azienda (non dico che questo sia il caso, non mi permetto neanche e forse sto pure sbagliando blog).
      Per quello che mi è capitato di vedere nel mondo dell’informatica, un’azienda e un ente si contattano (spesso la prima contatta la seconda), avvengono degli accordi, certe volte leciti certe volte no, e poi l’ente pubblica un bando che contiene alcuni vincoli in modo tale da fare vincere proprio quell’azienda.
      Non so se questa pratica (comunissima, basta andarsi a vedere i bandi da Roccacannuccia a Milano) comporti reato, a occhio direi di sì, ma è cmq prassi diffusa.

    114. @Piero
      La prassi contra legem è illecito. Nello specifico, reato.
      Ad occhio, ad orecchio, o come vuoi tu: la prassi di essere disonesto non crea la regola che la disonestà è ammessa!

    115. A Piero vorrei ricordare che le prassi illecite sempre tali restano e se rinunciamo persino a censurarle diventeremo in breve la repubblica delle banane.
      A ienaridens consiglierei di informarsi adeguatamente sulla paternità dello scoop di Repubblica e sui concetti di plagio o anche soltanto di copia

    116. @antony977
      Vero, la gente continua ad esporre imperterrita il pass con la sua bella plastificazione…
      Le ragioni secondo me possono essere le seguenti:
      1) Penseranno “un si po’ sapiri mai, quindi u lassu dà”
      2) Per fare vedere che hanno una macchina nuova e meno inquinante rispetto alle altre…
      3) Perchè il pass fa la macchina molto cool…

    117. con tutto il traffico che c’è voluto per averlo lo devo levare subbito? ma quale! resterà a imperitura memoria di questo evento storico … perlomeno fino a quando un’apposita ordinanza non obbligherà a toglierlo 🙂

    118. Innanzi tutto volevo ringraziare Stefania Petix per il suo eccellente lavoro..(domanda: ma sono arrivate le email a Striscia?).
      Tutto quello che si legge è davvero sconcertante..ed è ancora più sconcertante che nessuno dà spiegazioni ai cittadini…Come già avevi abbondantemente preannunciato è iniziato il classico scarica a barile..
      Poi volevo comunicarvi che ho saputo( da conoscenti) che il comune ho dato ordini ai vigili di prendere più multe possibili per recuperare soldi…(e sempre noi ne paghiamo le conseguenze)..quindi occhio…cerchiamo di fare gli automobilisti disciplinati così ci resteranno un pò male….:-)
      Poi volevo chiedervi se sapete qualcosa in merito alla notizia oggi riportata su Repubblica sulle zone blu gestite dall’APCOA…

    119. Peccato che striscia per adesso non è in programmazione…Ci pensate? Si sarebbero sputtanati in diretta nazionale sindaco, td group e quella buffonata di bando! Peccato che non ci sia una trasmissione locale di inchiesta come striscia…ci rimangono solo blog e qualche articolo su repubblica…per il resto silenzio assoluto da parte dei maggiori media locali come il giornale di sicilia e tgs…

    120. le mail sono arrivate in abbondanza, e lamentavo quasi tutte la stana equazione del provvedimento.
      paghi=non inquini.

      🙂

      in realtà mi dicevo, meglio poco che niente.
      Faccio parte (lo ammetto) di quelli che vogliono non solo la ztl ma il centro chiuso. quindi stentavo a criticarlo in partenza.
      poi però ho studiato e ho visto tanti altri aspetti poco coerenti.
      ma il tempo c’è voluto, e non ci sono arrivata.
      —non mettete sale sulla ferità— pietà

    121. Marco, hai ragione.
      Ma a onor del vero va detta una cosa, abbiamo tutti criticato, a ragione, il silenzio della stampa, ma “Repubblica” ne sta parlando abbondantemente, e “MF sicilia” ha rincarato la dose ieri e oggi.

      E tra parentesi ha anche citato “rosalio”, di questo sono felice.

      l’articolo è questo e lo trovi seguendo quel link: “Ztl, setesi contro il sindaco”

      http://ars.centonovepress.it/#

    122. Il problema inquinamento però rimane tale e quale ed il sindaco è obbligato a prendere dei provvedimenti.
      Ora, con la grandissima “malafiura” che ha fatto insieme con gli assessori, cosa avrà il coraggio di proporre?
      Certo sarebbe bello chiudere definivamente il centro storico, ma comincerebbero le lamentele della “casta dei commercianti” (che dopo venti secondi esatti dall’avvio della zona pedonale denunceranno un crollo del 70% delle vendite), oltre a quelle che conosciamo tutti sulle ztl (mancanza i parcheggi, mezzi pubblici, etc.).
      Ed allora se noi fossimo il sindaco di Palermo, quali provvedimenti prenderemmo?

    123. forse molti il pass lo lasciano sul parabrezza perche’ hanno intuito che la ztl tornera’ presto. Scherzo naturalmente. Magari lo potessero vagamente intuire. Spontaneamente.
      O se non si chiamera’ ztl si chiamera’ zona “peppino” o zona “vattelapesca”…
      Una zona con limitazioni al traffico. Una di quelle che sicuro nessuna legge dice che ci vuole il put prima di avviarla. Che sciocche le istituzioni a volte.
      Si anche io mi trovavo meglio in quel mese che era in vigore, c’era + tranquillita’ per le strade. Meno casino. Basta che si circola meglio. Il punto: cambiare le abitudini ataviche dei palermitani.
      Investire sul cambio di abitudini. Non fare la stessa strada ogni giorno per andare al lavoro e ti riscopri turista nella tua citta’ e ti emozioni e sorridi spontaneamente agli altri.
      Cambiando argomento.
      Stefania a palermo il discorso che l’unico metodo per cambiare le cose e’ il voto non vale una cicca purtroppo.
      In -pochi- Sogniamo che sia cosi’. Ma sappiamo fermamente che non lo e’. Sigh.
      Quanto siamo a scrivere nei blog a palermo, lo 0,35 % della popolazione da 12 anni in su’? A parlare di consapevolezza?
      Stefania quando arrivano le elezioni salgono sempre la stessa tipologia di persone incapaci di innescare processi di mutamento culturale (destra e sinistra) e salgono con percentuali di voti da shock. Se ci fossero elezioni ora in questo momento x il sindaco (con gli stessi candidati della passata campagna), lo stesso sindaco vincerebbe di nuovo malgrado la sentenza del tar. Ci scommetterei una bella cifra.
      In questa citta’ il voto non e’ legato all’operato di chi ha governato e ne abbiamo continue ripetute deprimenti scontate conferme.
      Leggo il tuo lavoro di indagine, approfondendo si ha la possibilita di conoscere sempre di piu’ come vanno le cose. Non e’ facile in una citta’ come questa dire ho capito tutto o anche quasi tutto su un argomento. Perche’ ogni soggetto a qualsiasi titolo contribuisce a mutare continuamente lo stato delle cose che quindi non hanno un assetto statico, bensì dinamico, ma nel senso di entropia per intenderci. Cittadini, rappresentanti istituzionali, categorie sociali, chi fa informazione, tutti contribuiscono in questa citta’ a non creare armonia e coesione nelle importanti decisioni.
      QUESTO IL PROBLEMA!
      Questo e’ quello che leggo quotidianamente in questa citta’. Non c’e’ coesione e aggregazione spontanea e nessuno ci lavora sodo per crearne. Quindi penso che ci potranno essere 1000 sentenze del tar contro una decisione della pubblica amministrazione locale, ci potranno essere 1000 dossier della Petix, ci potranno essere 1000 indagini della procura, ci potranno essere 1000 ztl istituite e poi annullate e poi reistituite di nuovo, ci potranno essere 1000 altre elezioni, ma lo stato mentale dei palermitani, dal sindaco al cittadino a tutti gli individui singoli delle componenti sociali non mutera’ affatto e non verra’ mai alla luce quella massa critica che e’ la vera linfa dei reali cambiamenti in una societa’.

      – coesione – aggregazione spontanea – massa critica.
      Il sale per le ricette dei mutamenti.
      La tua analisi e’ tecnica (bandi, certificati, burocrazia, norme), la mia, per necessita’ di creare alti livelli di consapevolezza, varca i confini del tecnicismo burocratico e prosegue nell’antropologia locale che abbraccia istituzioni e societa’ varia, entrambi responsabili dell’assetto attuale in molti campi (non solo ztl).
      Ma nessuno lavora per creare coesione. Niente aggregazione spontanea. Nisba massa critica.
      Cosi’ parlo’ turi.

    124. caro virus..
      i commercianti si lamenterebbero, ok, ma sai quanto mi lamento io per la mia salute?
      ma hanno le loro ragioni, come si può imporre una ZTL permanente, se non si potenziano i mezzi per gli spostamenti all’interno?
      i modi ci sono anche senza metro’ o tram (visto che ci vorranno anni)

      -bus elettrici con tariffe agevolate ( e non rincarate)
      -taxi con tariffe ZTL
      -bici a nolo
      – bici a pedalata assistita (per me che fumo)
      -moto elettriche a nolo
      -bighe!!
      -monopattini!!
      -cavalli!!
      .
      non lo so, ma nelle altre città io queste cose le vedo.
      perchè noi tocca pagare il conto senza avere il pasto!

      poi però c’è chi dice che il meglio è nemico del bene….certo che si stava meglio in quei giorni, certo che c’erano meno auto, ma la ZTL vera non è quella che abbiamo avuto noi.
      che senso ha: euro 4 paghi, euro 3, paghi.
      hai il trattore a benzina agricola ? monello..paghi di più.
      sappiamo tutti che le moto (e io non ho auto ma ho una vespa che adoro) sono iper inquinanti, ma non importa, tutte ammesse.
      per arrivare all’apoteosi:le auto dei liberi professionisti per definizione sono ritenute libere d’inquinare!
      ragazzi c’è da mettersi a urlare.

      e poi il bando,,,,bla bla bla
      la frittata è completa.

      Ionesco ci troverebbe assurdi!

    125. Non posso credere…la Petyx a cui tanto facevo la corte trent’anni fa, la regina del giornalismo investigativo. Proprio brava! affettuotsità

    126. Santa Rosalia comincia a stufarsi di avere a fianco a se, nel parabrezza della macchina, il pass Ztl 🙂

    127. Marco, non ci siamo… A pagina 22 del giornale di sicilia di oggi, fra le notizie brevi, c’è un trafiletto di BEN 14 RIGHE dal titolo “Indagine dell’Autority sull’appalto delle ztl”, come si può accusarli di non interessarsi… 🙂

    128. In merito i bus elettrici:
      ndate a constatare nell’autoparco di via Roccazzo che ci stanno bus elettrici utilizzati appena un mese e buttati lì, guasti.Perchè non riparano quelli anzichè comprarne altri?Sono lì da oltre 2 anni!!!
      E poi il car sharing con auto a gas: vi ricordate che anni fa avevano promesso di istituire dei punti del car sharing a Mondello (di fronte Charleston), piazza Indipendenza e Piazza Croci?che fine hanno fatto?Ci stanno solo i cartelli…
      Anche su questo dovremmo domandarci sul perchè tale servizio non è partito!

    129. turi, tutto vero. hai ragione da vendere.
      ma allora che famo? apostolato…si.
      il porta a porta del senso civico?
      ok ci sto.
      sembrerò pazza ma io (tipo vecchiatta con borsa di coccodrillo) sgrido quelli a cui vedo far cose assurde.
      risultato: prendo parolacce che le potrei vendere. sono ostinanta e ci tengo, quindi continuo.
      per il resto che cosa possiamo fare se la stragrande maggioranza della gente non guarda più in la dello ZERBINO DI CASA SUAAA ???????
      ohmmmmmmmmmm…. respiro e sorrido.
      ok sono calma.

    130. NIIINOOOO..
      c’è poco da fare, sei sempre un grande!
      p.s trent’anni fa tua sorella!!!!
      sempre bastardo eh?

    131. Cara Stefania, l’anno scorso ho visto che a Parigi affittano delle bici, anzi le trovi negli appositi parcheggi ed inserendo la moneta le puoi utilizzare e consegnarle nel parcheggio vicino al luogo dove vuoi andare. Tutto molto bello e tra l’altro c’è poco traffico automobilistico. MA CI SONO QUATTORDICI LINEE DI METROPOLITANA!!!!!
      Vero è che ci sono 1.200.000 persone in più di Palermo, però….
      Non dimentichiamo chi è il palermitano medio. Sicuramente tra i lettori e partecipanti di questo blog, l’idea di andare in bici nel centro storico o anche a cavallo verrebbe bene accolta, ma la stragrande maggioranza dei nostri concittadini è abituata a lasciare la macchina davanti al luogo dove è diretta, possibilmente in doppia fila e con la faccia tosta di dire a chi è parcheggiato e non può uscire “un minuto solo” oppure “biii comu sta faciennu”. Non dimenticare che molti pure di poter entrare nelle ZTL hanno acquistato un auto nuova!!
      Come dice bene Turi in questa città mancano – coesione – aggregazione spontanea – massa critica ed aggiunderei educazione civica e rispetto del prossimo.

    132. la stessa aggregazione umana e il fervore che crea una partita di calcio una due volte a settimana sarebbe capace di creare mutamenti inimmaginabili in brevissimo tempo, se canalizzata (l’aggregazione spontanea e la massa critica) verso cause sociali civiche e utili a tutti o almeno alla stragrande maggioranza degli individui.
      Perche’ non lavorare quotidianamente a favorire la nascita di questa massa critica, di questa coesione sociale ? Un po’ come il tuo porta a porta del senso civico.
      Lavori duri ma stimolanti.

    133. Innanzitutto Stefania,BRAVISSIMA!!
      Visto che ami la lettura notturna dei bandi di appalto ti invito a verificare quelli banditi dall’universita’ e policlinico di Palermo.
      Scommetto che troverai del materiale molto interessante.

    134. Io sono contento che le ZTL siano state annullate, perchè non erano altro che un’arrogante strategia per fare cassa! Io vorrei il centro storico chiuso in modo perenne e trasformare la via libertà in una sorta di “rambla” (chi è stato a bercellona sa benissimo di cosa parlo…) e trasformare la carreggiata in marciapiede. Ma tanto non succederà mai…
      C’è chi parla di biciclette…ma il palermitano per sua natura non accetterà mai di uscire o di andare a lavoro con la bicicletta…possono fare tutte le piste ciclabili che vogliono, ma se non cambia la mentalità non servono a niente!!

    135. turi, hai visto giusto ma coltivi un’utopia, quell’energia è stata opportunamente incanalata negli scorsi decenni, è indisponibile per altri scopi e gli accessi sensoriali sono stati saturati a dovere.

    136. @Stefania Petix, la mia era solo una domanda, lungi da me farti una critica!!!!
      E’ logico che prima di mandare in onda un servizio di un certo peso bisogna essere ben preparati e ci vuole del tempo per studiare…Purtroppo tutto è andato a coindicere con la fine della trasmissione.
      Sarebbe stato un modo in più per mettere in luce la cattiva amministrazione che purtroppo la Nostra città ha!!
      Quello che stai facendo e son sicura continuerai a fare è semplicemente sorprendente!!Continua così…siamo tutti con te!

    137. E’ matematico che i servizi affidati ai privati costino di più, devono essere ampiamente profittevoli, e per la stessa ragione non è detto che essi siano appaganti per l’utenza. Se la gestione pubblica è inefficiente si crea lo spazio per il privato.

    138. @spino
      @Alessandro

      E’ inutile che lo ricordiate a me. Tra virgolette è anche inutile fare gli scandalizzati nei commenti di un blog.
      Io ho solo scritto, per quello che ne so, qual’è la prassi comune, ed è un modo per instaurare un rapporto diretto tra un ente e un’azienda. Non mi stupirebbe che anche in Norvegia avvenga una cosa del genere.

      Ripeto e ribadisco che non sto giustificando queste pratiche, ma non faccio neanche la verginella.

    139. carissima stefania…
      sul gds di oggi leggo che “l’assessore ceraulo” ha lasciato la delega al traffico,ma è rimasto saldamente legato alla sua poltrona…..allora spiegami ,se puoi una cosa che mi fa impazzire.

      il Sig. Ceraulo si è candidato alle ultime elezioni comunali,quindi si è messo in discussione,ha preso una batosta allucinante e come premio prima fa il consulente del sindaco e poi l’assessore…L’avvocato milone idem se non peggio perchè ha fatto direttamente l’assessore…ma la cosa che piu mi manda in bestia è che il “BELLO” ha vinto con il 70%dei voti…..ed adesso si lamentano tutti ….ma chi ci rietti sti voti…

    140. Piero, di sicuro in Germania ed nel Regno Unito, perciò non escludo neanche la Svezia e la Norvegia. Ma c’è differenza, tra lì e quì.

    141. @pepè
      + che d’accordo. La differenza, in pratiche del genere, si pesa tutta sulle modalità e sugli scopi.

    142. Raccapricciante quello che hanno combinato…
      ma è possibile ipotizzare una class action di noi cittadini!

    143. Caro Virus,
      non c’è niente da fare, ormai siamo nel 2000 (e otto) ed i problemi SE SI VOGLIONO RISOLVERE, SI RISOLVONO.
      Non c’è necessariamente bisogno di mega investimenti.

      Faccio un esempio: ROMA (prima di Alemanno). Una metropoli congestionata dal traffico, pochi soldi.

      Eppure, si è fatto di tutto per migliorare la situazione: Bus puliti, corsie preferenziali, linee espresse (=poche fermate, alta velocità) da affiancare alle linee normali, controllo satellitare (con orario di passaggio sul telefonino e alle fermate; a Palermo è stato accantonato dall’attuale dirigenza Amat), nuovi investimenti sulla rete dei tram, nuove metropolitane (con i fondi per Roma Capitale), ztl di giorno, ztl anche di notte a Trastevere.

      Insomma, la volontà si vede lontana un miglio! Proviamo a fare il confronto con quanto è stato fatto a Palermo: sarebbe più giusto dire “cosa è stato disfatto”!

      Perchè Cammarata, fin dal primo giorno d’insediamento, non ha fatto altro che distruggere il patrimonio di progressi che aveva ereditato dalla precedente amministrazione, in tutti i campi compresa la mobilità.

      Ed ora, eccoci qua: pochi bus, nessun tram, nessuma metropolitana, un grosso buco in bilancio.

    144. @Stefania:
      la sua inchiesta, così documentata, mi ricorda tanto i tempi dei “comitati d’affari”. Come mai?

    145. @Angelo: “grossi buchi” anche sulle strade, i marciapiedi…

    146. Scusate, per essere più chiaro, vorrei aggiungere un altro esempio: BOGOTA’. Una metropoli di 7 milioni di abitanti, capitale della Colombia, congestionata dal traffico e, ovviamente, con risorse limitate.

      Cosa si sono inventati? Il “TransMilenio”: una rete di autobus “lunghi” che corrono su corsie esclusivamente riservate e con fermate che funzionano come quelle dei tram. Insomma, una specie di metropolitana, però su autobus.

      La rete del “TransMilenio” è “alimentata” da un’altra rete di autobus periferici che convogliano gli utenti verso fermate di interscambio col “TransMilenio”, nonchè da una rete di piste ciclabili con parcheggi CUSTODITI ai capolinea del “TransMilenio”.

      Il tutto è stato messo in opera a partire dal 2001. Chiaro?

    147. @Angelo: per essere più chiaro: di soluzioni ne esistono a iosa e se non le inventiamo le possiamo copiare dalle città di tutto il pianeta.
      Il problema è Palermo ed i suoi abitanti. Se continuiamo a occuparci solo del nostro orticello e farci governare da incompetenti e incapaci (o molto competenti e molto capaci, a seconda del punto di vista e dell’obiettivo primario) potremmo ritrovarci anche nel 2998 senza aver risolto nulla.

    148. Caro Angelo, nessuno dice che le soluzioni non esistano. Il problema è che chi è deputato a prendere le decisioni qui a Palermo (Sindaco, Giunta, Presidenza della Regione e quant’altro), per i motivi più svariati e abbondantemente messi in luce nei commenti precedenti, non sceglie mai le soluzioni migliori e compatibili con i pochi fondi a disposizione. La cittadinanza con diritto di voto qui a Palermo o in Sicilia sarà mai in grado di punire chi opera simili scelte?

    149. le soluzioni per migliorare il traffico e la viabilità ci sono e le conoscono in tanti, politici, amministratori, cittadini, commercianti, ecologisti, ecc.
      Ma mancano i soldi per attuarle.
      Semplice!
      Se non ci sono soldi non si puo’ realizzare nessun intervento migliorativo.
      E allora che fare ?

    150. @Virus: sono d’accordo. Volevo dimostrare che, appunto, NON SI VUOLE risolvere il problema.

      @Josh71: la cittadinanza DA SOLA no.

      @sergigno: i soldi mancano perché si sprecano da qualche altra parte. La Politica (con la P maiuscola) consiste nel fare delle scelte, con le risorse a disposizione. I casi delle città sudamericane dimostrano proprio questo: i problemi si possono affrontare anche con poche risorse.

    151. ma dite una cosa.
      i cittadini non possono sfiduciare un sindaco??

    152. non possiamo tempestarlo di mail o lettere o fax per chiedere le dimissioni.
      oppure lo licenziamo ufficialmente al festino!
      proiettimo la scirtta su monte pellegrino.
      CAMMARATA HAI VINTO IL PASS PER DIMETTERTI

    153. ah ah siete fantastici, Cammarata ha avuto la colpa di “tentare” di impedire al palermitano medio di fare quello che gli pare con la macchina…fagli quello che vuoi al palermitano ma non toccargli la macchina!

    154. Qualcuno sa dirmi a che punto sono i famosi “ponti” su via regione siciliana che la “famigerata” amministrazione Cammarata ha voluto a tutti i costi?
      Ovviamente all`architetto Dominique Perrault,fatto venire dalla Francia per dare lustro alla faccia piu` “cool” del nostro sindaco,la parcella e` stata pagata,credo.
      Ve lo chiede un povero architetto che per fare il suo mestiere e` andato fin nella lontana Irlanda.
      Grazie

    155. arridaglie!!!! cammarata non voleva impedire un bel niente basta che si pagasse!!! era un “esperimento” (così a dichiarato) fatto a spese dei cittadini (potevamo regalargli “il piccolo chimico” risparmiavamo)
      è la prima volta che la gente è veramente indignata perchè non si è trattato di toccargli la macchina o il portafoglio, ma si è cercato di offendere la loro intelligenza…
      ma poi scusa che c’entrano queste affermazioni con un post in cui si parla invece di un altro aspetto del problema e cioè dell’appalto e di possibili (si badi bene tutte ancora da dimostrare) eventuali “pastette” (della serie: biri chi manci III)…

    156. A Milano, per combattere l’inquinamento, le auto più ecologiche non pagano l’ecopass. Qui più che un “pass” si voleva mascherare una “tass” pagando smisuratamente l’esattore secondo la migliore tradizione siciliana …

    157. alessandro, grazie.
      mi ero dimenticato i mitici ponti di perroult.
      sarà, ma quando in sicilia dicono “Ppponte!)
      io rido.
      sarà un mio limite.

    158. fabius, sei una persona meravigliosa, sei di una tenerezza disarmante.
      vabbeè giuro che non parleremo più male di tuo ..zio?

    159. Jolanda, ma non pensi ke dovresti ricrerdi un pò su come sono state instituite le ztl alla palermitana?
      sei ancora convinta che tutto era giusto?

    160. Non ho ancora inserito un commento sul topic della brava Stefania Petyx, ho capito che dovrò stamparlo e leggerlo con calma.
      @alessadra: sul fatto che Palermo necessita di ztl non mi ricrederò mai, ed anche sul fatto che continuerò a camminare a piedi, visto anche l’aumento dell’oro nero.
      Ciao
      🙂

    161. L’assessore al traffico Ceraolo si è dimesso (sic dixit Tg3 Sicilia)!!

    162. Più che dimesso direi che sia stato proprio “cacciato”.
      Ora aspettiamo i nuovi risvolti, sperando di non morire intossicati dallo smog.

    163. Già, i ponti di viale regione siciliana…
      E il passante ferroviario che fine ha fatto? Io prendo sempre la metropolitana a notarbartolo ma non vedo nessuna ruspa!

    164. L’assessore Ceraolo ha solo rimesso la delega al Traffico …per il resto le altre deleghe se le tiene strette e contnua a fare l’Assessore:

      http://www.rosalio.it/2008/07/04/ceraulo-ha-rimesso-la-delega-al-traffico-ma-resta-assessore/

    165. Marco ha scritto il 4 Luglio 2008 alle 16:15

      Già, i ponti di viale regione siciliana…
      E il passante ferroviario che fine ha fatto? Io prendo sempre la metropolitana a notarbartolo ma non vedo nessuna ruspa!

      Ti puoi consolare con le 3 linee dei tram, alla linea 1 roccella stanno cominciando a posare i binari, sono in anticipo coi tempi di realizzo.

      Il posteggio 4 piani sottoterra del tribunale è al 90% dell’opera, puoi vedere questa foto tu stesso http://www.comune.palermo.it/Comune/cantieri_aperti/viabilita.htm

      per scoprire che tanti altri cantieri sono attivi in città ti invito a dare un’occhiata qua http://www.mobilitapalermo.org/mobpa/

    166. Miiii…non ci posso credere!!
      Nelle foto del sito del comune (indicato da Piefabius) tutti gli operai lavorano!
      non c’è quello che lavorae gli altri che guardano…daiiiii..dove le hanno scattate le foto???

    167. Piefabius,ma cu sì tu,l’avvocato di l’avvocato Cammarata?? 😉 Mah! Cosi i pazzi!! ;(

    168. Buongiorno, sul giornale stamattina ho letto:”visto ke il comune è al collasso finanziario, i soldi per rimborsare i pass li prenderà dai 20mln di euro destinati all’AMIA”
      Ora mi chiedo:se gli tolgono questi soldi all’AMIA(che già non è messa bene), le conseguenze ricadranno solo su di noi perchè ci lasceranno immersi nella spazzatura..E poi magari ci diranno:dovete scegliere o i soldi o la spazzatura…tutti e due non si può….
      Non sarebbe più logico che tutti insieme si diminuissero lo stipendio?A voglia di raccogliere soldi…e magari ce ne restano…..
      Siamo messi male male….Solo un miracolo ci può…speriamo che la Santuzza ascolti le nostre preghiere..

    169. @Alessandra
      la tua domanda è più che legittima.
      Non credo sia fattibile dirottare i fondi assegnati all’AMIA.
      per capirci, il contratto di servizio all’amia è stato aumentato in due trances, l’ultimo adeguamento risale a gennaio di quest’anno.
      Adeguamento , nota bene, successivo all’aumento della TARSU del 75%.(motivo per cui era illegittimo l’aumento..io lo dissi su striscia)
      e il motivo è semplice, infatti, la tarsu essendo una tassa di servizio, deve coprire i costi del servizio. cioè non si può chiedere ai cittadini di pagare 100 e spendere 60.

      quindi se danno meno soldi all’amia, va ribassata la TARSU.

      non credo sia utile per loro, coprire un buco aprendone un altro.

      ma in realtà non mi stupirei.

    170. ops mi correggo, “tranches” . (beata ignoranza)

    171. @Grazie Stefania Petyx per le tue sempre precise delucidazioni….
      Rimane sempre il fatto(come già tu avevi abbondantemente preannunciato) che le conseguenze purtroppo le pagheremo sempre e solo noi…
      Però oltre ad aumentare le tasse, potrebbero aumentare pure gli stipendi..(i nostri ovviamente!!!)..
      Un bacio

    172. @Marco
      I lavori del passante procedono;noterai ruspe a Brancaccio, Oreto, e Isola delle Femmine.Se vuoi posso fornirti foto e i dettagli dei lavori 😉
      Noi del comitato stiamo infatti seguendo i lavori affinchè non ci siano intoppi.Siamo a Palermo e bisogna tenere l’occhio vigile.
      I ponti Pedonali sono solo un favola al momento 🙁
      Così come anche i lavori del sottopasso stradale di via Perpignano, motivo per cui abbiamo voluto affigere uno striscione ironico (ma anche di protesta) sul sottopasso di via L. Da Vinci. Comune e ditta facevano a scaricabarile fra loro….
      Altra vergogna è il mancato avvio del cantiere del raddoppio del ponte al Baby Luna…

    173. Stefania Petyx è il vero difensore civico di Palermo!

    174. Mi complimento per l’eccellente lavoro “giornalistico” svolto. Giornalismo = informazione. In questo caso si. Se tu scrivessi su un quotidiano, sarebbe un valido motivo per comperare il quotidiano. Io i giornali non li compero piu’… preferisco sfogliare i volantini dell’auchan, sono piu’ aggiornati (tanto c’e’ la stessa pubblicita’… e le notizie sono sempre menol). Ora… siccome ritengo sia poco elegante offrirti (via paypal?) un euro per ogni notizia che tu scrivi, posso lasciare un’offerta in bianco per un aperetivo appena ti “becco” di nuovo nei paraggi di qualche palazzo del potere…
      purtroppo, finira’ tutto come al solito: pagheremo noi, con un ennesimo aumento di tarsu o qualche altra furberia. Personalmente preferirei che sindaco, giunta e compari, se riconosciuti colpevoli (ovviamente e’ un terno al lotto… visto che c’e’ chi dorme per otto anni per scrivere una sentenza…), andassero a pulire le strade di palermo per i prossimi 20 anni, per “ripagare” i cittadini degli errori commessi. Un simile deterrente, secondo me vale piu’ che qualsiasi pena.

    175. ma qualcuno lo dice a sara scarafia di Repubblica Palermo di non scrivere le “stesse frasi” a distanza di giorni sugli articoli delle ztl? Ieri sabato 5 luglio ho letto frasi identiche a quelle scritte a inizio settimana.
      Se non si hanno notizie fresche (le prossime mosse dell’amministrazione comunale) meglio non scrivere nulla invece della solita minestra riscaldata.

    176. EE Sig.ra Stefania come dice mio Zio che appartiene ancora alla prima Repubblica ” chi sa fà e chi non sa insegna” con queste parole che non sono mie le dico di cuore “chiu scuru ri mezzanotte nun puo fari”…..e con queste parole le Auguro una Buona e Serena Estate.

    177. LE ZTL STANNO TORNANDO, VE LO AVEVO DETTO DI NON BUTTARE IL PASS!!!

    178. vorrei kapire una cosa. ora ke la ztl è finita, il contratto con la td group resta in piedi? e ki paga la penale? noi cittadini. stefania petix, veramente sei un mito. Ci hai aperto gli occhi e chiusi quelli verso il comune che spende poi 850.000 euro in panem et circences per il festino…. mi sono pentito di essere palermitano e aver votato (sigh) cammarata… grazie sindaco!!

    179. fabius
      il Comune ,senza attendere il 3 settembre (!),
      si dice che fa partire una gara per la restituzione
      via Bonifico o Vaglia Postale (ancora da decidere)
      250.000 vaglia postali metterebbero in ginocchio gli Uffici Postali.
      Suggerirei al Comune di mettere a disposizione
      un indirizzo E-Mail per comunicare il codice IBAN
      per chi c’e’ l’ha,e procedere ai bonifici.
      Solo dopo operati i Bonifici,secondo me,il
      Comune dovrebbe restituire le somme via
      Vaglia Postale.
      Ne avremmo giovamento tutti

    Lascia un commento (policy dei commenti)