mercoledì 23 ago
  • Blitz al mercatino in via Galilei, la folla ruba

    La Polizia ha effettuato un blitz stamattina nei giorni scorsi in via Galilei in un mercatino rionale. Alcune bancarelle con merce contraffatta erano rimaste incustodite e i clienti hanno cominciato ad assaltare e svaligiare le bancarelle. Gli agenti hanno dovuto predisporre un cordone a presidio della merce.

    Palermo
  • 55 commenti a “Blitz al mercatino in via Galilei, la folla ruba”

    1. ah ah ah…palermitani.

    2. Vergognosi palermitani. Gli agenti non hanno fermato le persone che stavano rubando materiale sotto sequestro? Magari tutti in questura e processati per direttissima

    3. situazione assurda…

      già è assurdo che in un mercatino rionale dove chi vende dovrebbe avere la licenza, venga montata una bancarella abusiva (dove stanno i vigili quando comincia il mercato) ancora piu’ paradossale la scena con i cittadini che assaltano la bancarella sequestrata davanti ai vigili, con una sfacciataggine da guinnes dei primati…

    4. che vergogna…siamo degli indigeni!
      Quanto si vive male in questa citta???

    5. NO “SIAMO” “SONO” perchè a vergognarsi dovrebbero essere coloro che fanno queste cose…
      fino a prova contraria io non vado a fare il predone nei mercatini… quindi non ho di che vergognarmi… provo vergogna per loro piuttosto!

    6. Una domanda. A che servono i mercatini volanti in una città piena di negozi di ogni genere, dotata di mercati storici, per quanto abbandonati e pieni di munnizza, di centri commerciali, di supermercati, di venditori ambulanti (ormai pochi) e di occasioni di acquisto sterminate? Non sono i negozi che mancano, sono i piccioli…

    7. Ahahaha.

      Tutte le commedie dovrebbero essere girate a Palermo.

      Diventerebbe hollywood

    8. Io pure avrei arraffato

    9. Oggi non c’era nessun mercatino rionale in Via Galilei, dove è allestito il sabato mattina. Si sarà trattato probabilmente del mercatino di Viale Campania.

    10. Leggo solo ora il post di Rosalio. Confermo che il fatto è successo in via Galilei…ma qualche giorno fa e non oggi. La polizia però ha dato la notizia nella giornata odierna dopo mezzogiorno…Perché? Beh, diciamo che l’addetto stampa era in vacanza e nessuno in sua assenza si è premurato di darla prima…:-)
      Il post contiene un errore temporale…Ma questo Rosalio-Tonino non poteva saperlo…

    11. ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere….

    12. Hahahahah,c’è poco da aggiungere,mha!

    13. Relativamente alla data è un mio errore e me ne scuso con i lettori.

    14. Caspita! quando si dice che la merce è andata a ruba …

    15. Roba da film di Totò!

      Ps: ma un noto comitato di viale Campania non voleva far spostare il mercatino dalla stessa via????
      Alla fine bla bla bla

    16. tutti a prendere le distanze da cotanto comportamento,
      giusto per sottolineare la sostanziale differenza fra chi commenta o si apresta a farlo e chi si macchia del furto. Credo che ci sia chi gongola di taluni comportameni comuni ai palermitani, rubare, arraffare, sporcare etc. etc. giusto per ergersi ad uno status certamente migliore e ad un grado di civiltà indubbiamente superiore. Ho sempre diffidato da chi misura o decanta il proprio grado civico in contrapposizione all’inciviltà altrui.
      Nella fattispecie, pur non volendo giustificare alcuno, penso che il furto sia stato perpetrato ai danni delle istituzioni. La merce era sequestrata, probabilmente sarebbe stata distrutta, mandata al macero, almeno quella rimasta dopo la “naturale” scrematura.
      Penso che nessuno avrebbe toccato qualcosa in occasione di temporanea assenza dell’ambulante se questa fosse rimasta di sua proprietà.
      Ripeto comunque la non giustificabilità del gesto.

    17. hai ragione ninni, io mi erigo ad uno status certamente superiore, perchè non arraffo, non sporco non rubo, non posteggio su marciapiedi,non ho mai posteggiato in doppia fila in vita mia,non abbandono rifiuti ingombranti per strada,non spacco le statue di piazza pretoria per ricatto,non occupo la cattedrale,non faccio il venditore abusivo…insomma non faccio le cose dei palermitani.

    18. insomma,sei una mosca bianca.Invece sembra che a Palermo ognuno ruba quello che puo’,secondo dove si trova posizionato,ed a che livello.

    19. ritorno proprio ieri da parigi, che vergogna tornare a sentire sempre le stesse notizie, scene ordinarie di inciviltà da parte di alcuni soliti furbi palermitani incivili, al solito strade sporche monezza ovunque, non voglio fare il solito discorso da moralista, ma quando leggo queste notizie devo per forza fare i dovuti paragoni. Viaggiavo in metrò, in periferia, fino alle 24,00, , periferia tranquilla, pulita, mai avuto nessun problema fino a tarda notte!..

    20. Periferia tranquilla di Paris…
      E’ la stessa Parigi che conosco io???

    21. Basta pensare che le auto date alle fiamme dagli immigrati nelle banlieu siano falò. 😀

    22. Follia! i poveri che rubano ai più poveri di loro, per ragioni di merce di immagine, legata all’idea dell’essere figo, e quindi non povero.
      Questa vicenda é davvero essenziale, esitenziale ed esiziale insieme.
      Che la gente sia tanto interessata, al simbolo dello0 status symbol, venduto in falso, cmq. E che nell’arresto di chi perpetua il reato, ha il solo interesse di assicurarsi, rubandolo, il simbolo dell’agiatezza, il simbolo della gente che ha, certi oggetti.
      E di oggetti, si parla.
      Anche falsi.
      Difatto essere significa possedere certi oggetti ed icone, riconosciute, da altri, sembra.
      E questo diventa più importante anche di qualunque forma di minima dignità.

    23. Giuseppe ( “nissa” ) quella io non la chiamo nemmeno Parigi, e come dice giustamente Tony le auto sono date alle fiamme dagli “immigrati”, qua non si fa la confusione che c’è attualmente in Italia dove si cerca di dare spesso la colpa agli immigrati anche quando non ne hanno, è certificato che gli immigrati, meglio dire un certo tipo di immigrati, bruciano le automobili quando ci sono disordini. Io ne conosco tanti che lavorano onestamente di immigrati, c’è pure l’immigrazione privilegiata, chic, élite, europea e non, e c’è quella povera, tutta gente che lavora e si comporta in maniera civilizzata, molti si arricchiscono pure. Ma poi c’è anche quell’emigrazione perversa frutto del colonialismo ( “ci hanno colonizzato ora devono camparci” dicono), e ce ne sono tantissimi di immigrati che vivono alle spalle della società, beneficiando di sussidi di ogni tipo, molti riescono persino a vivere nei loro Paesi del Maghreb continuando tranquillamente a riscuotere vari sussidi in Francia.
      La banlieu non è solo quella dove bruciano le automobili, c’è pure la periferia chic, molto chic, ed è piu’ numerosa e conta molto di piu’, in tutti i sensi, sono persino piu’ ricche di Parigi, ne potrei citare decine di periferie chic, per esempio Versailles, Chaville, Vincennes, Saint-Cloud, Neuilly, Levallois, quest’ultimo è il comune piu’ sicuro di Francia, dove le telecamere nascoste in ogni strada controllano tutto, anche il colore delle mutande, gli abitanti ci vivono bene, oltre ad essere benestanti non mi sembrano tristi. Sono periferie pulite anche fuori non solo dentro i saloni o i giardini privati delle case. Ecco, si parla spesso, e quasi sempre in modo superficiale e fastidioso, di banlieu che brucia, invece dove bruciano si tratta di una minoranza rumorosa, e limitata geograficamente, fatta di persone frustrate che si rivoltano in quel modo, oltre a rappresentare cio’ che prima ho definito immigrazione perversa. Io la definisco un corpo estraneo alla società francese, che è la solo fisicamente, quando c’è. E’ chiaro che io descrivo il fenomeno come lo percepisco, senza nessun intento razzista, peraltro io non potrei essere razzista in casa d’altri, in quanto non mi considero nemmeno italiano (qualcosa che per me non esiste, l’italia) ma palermitano in vacanza prolungata e perenne a Parigi, quindi ospite anch’io.

    24. uma, è proprio così, ahimè.
      anche se i tuoi interventi devo rileggerli due volte 😉
      però è proprio così.

    25. “anche se i tuoi interventi devo rileggerli due volte”

      volevo dire che non ho capito se sei talmente avanti che le tue parole non ce la fanno a stare al passo con la velocità dei tuoi pensieri, o se non sei italiana e allora tanto di cappello per come riesci ad esprimerti! 🙂
      anche se quell’esiziale…..

    26. la periferia che ho conosciuto e quella di “pernety” posto tranquillo e pulito, pieno di locali alcuni aperti fino a tarda notte, ma la cosa che più mi ha colpito e la possibilità di potere circolare senza nessun problema , questa almeno è stata la mia breve esperienza!!

    27. …sulle spalle della società… che lavora e produce anche per mantenerli come furbi parassiti (e questo, quando pago mi fa girare un po’ i cosidetti, almeno un poco). Per onestà devo ribadire che moltissimi immigrati lavorano onestamente, anche oggi che per noi sarebbe festa, per esempio, nel mio immobile, nell’appartamento della mia vicina di casa c’è pure in questo momento un’equipe di operai arabi, educati, che lavorano per ristrutturare l’appartamento, si sentono appena. E come in Italia sono indispensabili per far funzionare certi mestieri e quindi contribuire all’economia francese.
      Per quanto riguarda il tema di questo spazio, io non sono sorpreso, quando sono a Palermo tutti i giorni noto in continuazione manifestazioni di inciviltà, maleducazione, bassezze. Pero’, come dice l’amico Ninni, nessuno è perfetto, quindi trascorro un certo tempo -certi giorni molto, altri giorni poco- ad analizzare e controllare il mio comportamento.
      E’ vero, pero’, che a Palermo troppo spesso si confonde l’inciviltà con l’intelligenza, o furbizia. Quelli che si vantano di non pagare allo stadio o al concerto, siano essi sfasciallitti o assessori usciti dalle sacrestie, quelli che rubano in modo subdolo -non evidente- la collettività ma trascorrono il loro tempo a distribuire ostie “consacrate” a vecchi e invalidi.
      Quelli che se ne fregano di essere indegni pur di rubare una maglietta al mercatino. Quelli che vendono tutto, dignità, pudore e intelligenza per prostituirsi davanti a un sultano arabo, perchè non sanno, non glielo faranno mai sapere, è utile non farglielo sapere, che quel sultano è in bolletta come loro.
      Per dire che ancora nel 2008 l’inciviltà è diffusa in ogni cosidetta categoria sociale; per la verità ai parvenus, ai carrieristi, agli arrivisti, a quella specie di élite di quarta serie palermitana non accordo nemmeno un briciolo di importanza in piu’ di quelli che rubano al mercatino, al contrario, se la società è decadente sono loro i principali responsabili.

    28. caro gigi
      purtroppo i luoghi che hai citato,anche se si tratta di periferia,li chiamano,”zone residenziali.
      Quando si parla di periferia,tutti abbiamo in mente zone come Clichy,Colombes,Pontoise,insomma dove c’è la “cite” raggruppamento di popoli emarginati che approffittano della loro situazione di veri emarginati per fare bordello!!!
      Provate a chiamarvi Mohamed ,Francese di nascita,e cercare lavoro in Francia,tanto facile non è e un po della loro Haine la capisco,anche se tanti altri ci abbagnanu u panuzzu!
      Pernety,non conosco,ma le zone dove anche quando sei in macchina vieni accerchiato da vere bande di “zonard” si>.
      Ma questo non toglie il fatto che Parigi è una citta’ fantastica

    29. @fabius:
      che tristezza se non ci fossero i palermitani incivili che marcano il tuo superiore status, la tua civiltà.
      E’ proprio questo che non riesco a mandare giù, il tuo compiacersi dell’inciviltà altrui per “godere” del tuo maggior senso civico.
      Contento tu……

    30. Giuseppe, è vero quello che scrivi. Diciamo, allora che ci sono le periferie chic, la maggioranza, per élites locali o importate, e le periferie ghetto in numero molto inferiore, quelle che dici tu, in un certo senso, sono moderate, ce ne sono almeno due o tre piu’ calde nel dipartimento 93. Ma, ripeto, secondo me c’entrano poco o niente con Parigi, rappresentano un problema mondiale di economia squilibrata, che per una serie di motivi complessi sono un corpo estraneo e talvolta parassita; molti mi sembrano contenti del loro stato di parassiti e di goderne di tutti vantaggi che ne derivano. Oggi pero’ vedo molti Mohamed con buoni impieghi nella “nouvelle économie”, nei media, tv e giornali, persino al governo dell’attore Nicolas Sarkozy.

    31. Temo che si stia scivolando fuori tema.

    32. E come in tanti altri argomenti anche qui si può dire “Chi punta con il dito su qualcuno guardi che quattro dita puntano su lui stesso”…

    33. fabius,
      t´ha fare schifiare sempre, eh?
      …la dignita` non ti viene regalata con la divisa…
      perche`non racconti di quando scroccavi sigarette in curva?… tu si che sei toco e civile…

    34. Chiedo umilmente scusa a Rosalio.
      Oltre a voler precisare alcuni dettagli, mi sembrava di mettere in risalto un problema la cui origine è l’economia mondiale basata sullo squilibrio, che per forza di cose fa danni collaterali. Quelli che rubano al mercatino sono vittime o colpevoli, sono anch’essi esempio di danni collaterali?

    35. GIGI, che ci vuoi fare?!
      forse metti in risalto temi che all’odierna palermo interessani poco, divisa tra mani lunghe che arraffano al mercatino, mani tese che elemosinano al sultano (che se ne andò senza fare la grazia e liberare palermo dalla miseria come suoi illustri predecessori la liberarono dalla peste), e mani impistricciate a spalmarsi creme al coral bay!
      di altre mani lasciamo stare…
      è palermo bellezza!!!!
      e vuoi parlare di economia mondiale???
      tze….

    36. toc toc…rosalioooo!!!
      tic toc tic toc…ma quanto ce vo’?
      appaio scompaio appaio e non compaio!!!? approvi non approvi? e io son qui che aspetto
      carta vince carta perde…rubo non rubo arraffo non arraffo….
      aglio fravagio fattura che non quaglio…
      appaio o non appaio?
      zot appaio
      pluf scompaio
      che bello sto gioco!

    37. e intanto mi son fregata ‘na maglietta…..cinese…

    38. Stalker non mi sto divertendo. Sei pregata di rimanere in tema e di inviarmi per e-mail i tuoi eventuali componimenti poetici. Grazie.

    39. osservatore ha scritto il 15 Agosto 2008 alle 19:24

      fabius,
      t´ha fare schifiare sempre, eh?
      …la dignita` non ti viene regalata con la divisa…
      perche`non racconti di quando scroccavi sigarette in curva?… tu si che sei toco e civile…
      ————————————————–

      Non so per chi mi scambi,ti dico per l’ennesima volta
      che non frequento lo stadio e che non fumo.

    40. stalker e rosalio, a me aveva dato un po’ fastidio la battuta sui falo’ nella banlieu parigina, anche se devo riconoscere che si tratta di una battuta divertente.
      Ho voluto precisare quello che in fondo dovrebbero sapere tutti, cioè, che ormai tutta l’Europa cosidetta evoluta importa falo’, ognuno con caratteristiche proprie, quello della banlieu non c’entra niente con Parigi.
      Anche noi nel similpaeseitalia abbiamo i nostri falo’, principalmente NELLE MENTI dentro le stanze del governo del similpaese e, ringraziando il Cielo, nella nostra città siamo ben messi in questo senso; anche da noi bruciano senza invidia per nessuno e si tratta di falo’ dal calore particolarmente intenso e puzzolente.

    41. GIGI, io non ho mai parlato di falò, ti riferivi solo a Rosalio? non fare confusione e leggi attentamente.
      Rosalio, lungi da me il voler far poesia, me ne guardo bene, casomai una filastroca, per ingannare il tempo dell’approvazione del post….
      si babbia nell’attesa.

    42. Scusate se mi associo a Fabius…ma oggi pare ci si debba giustificare se si è (scusate il termine) “brave persone”
      io spero che ci siano più persone come Fabius (e ci saranno certamente)che restino nell’anonimato , si insomma che non facciano notizia, ma che lavorino in sordina per una società non dico migliore, ma più a portata d’uomo…Lo so,conosco il detto :chi si loda s’imbroda…ma davvero da certi comportamenti bisogna avere puren il coraggio di dissociarsi!

    43. Lo so Stalker. Solo per brevità vi ho risposto nello stesso post per giustificare un mio precedente post che potrebbe sembrare solo apparentemente fuori tema. Comunque, se me lo chiedi con quel tono di essere attento non posso fare altro che ubbidire come un bambino (smile), e poi, sei tra le commentatrici che preferisco, condivido le critiche del tuo post sopra (15-8 / 23:38) e la tua filastrocca mi fa sorridere. Tra l’altro, neanche Rosalio ha scritto di falo’.

    44. Grazie GIGI, troppa grazia!
      sul perchè la filastrocca ti faccia sorridere ho dei sospetti, anche tu passi molto tempo in sala d’attesa?
      scusate l’OT

    45. Vi prego di rimanere in tema e di non richiedere risposte che sarebbero fuori tema. Grazie.

    46. Stalker, mi spiace che tu debba rileggere due volte una comunicazione che a me sembrava estremamente sintetica.

    47. cara uma, sintetica non so, lineare meno.
      detto questo dopo averti riletto due volte apprezzavo e condividevo il tuo pensiero.
      da quello che ho potuto capire alcuni sono anche i miei.

    48. stalker,se cerchi le spiegazioni passo passo, capisco, che tu debba rileggermi due volte. Credo di avere buttato lì due concetti facili ed essenziali, comprensibili veramente a chiunque. Se tu li hai trovati ostici, é davvero un problema tuo.

    49. tornando I/T: i mercatini di Palermo sono penso una cosa unica nel loro genere! Io li abolirei o li confinerei in posti dove l’arroganza e l’inciviltà dei “venditori” non possano dar fastidio alla cittadinanza tutta! Ho un amico che vive in Via Apollo a Mondello il quale OGNI giovedì della sua vita rimane CHIUSO IN CASA perchè sti porci si mettono con le barcarella davanti il cancello impedendogli di uscire se non a piedi! Non parliamo poi del fetore e della sporcizia stile terzo mondo che lasciano quando se ne vanno. Ho l’ufficio in v.le Campania che il Mercoledì si trasforma in una bolgia dantesca! Prima di v.le Campania “u miccatino” faceva tappa nell’unico parcheggio del centro città. In via Galilei il sabato praticamente non si ragiona.
      Tempo fa avevano proposto di spostare il suddetto mercatino nel parcheggio di piazzale Giotto (50 mt in linea d’aria)…fu il caos! Anche quello di Mondello…a 50 mt da via Apollo c’è il parcheggio, 11 mesi all’anno inutilizzato, di viale Galatea…non lo spostano lì perchè i “commercianti” non vogliono assolutamente e minacciano rappresaglie…
      Per quanto riguarda i Palermitani…beh…avete già detto abbastanza

    50. ops ho scritto sono penso una…mi dimenticai le virgole!

    51. Uma e Stalker (che ormai riprendo a ogni post) questo non è il vostro ring. Potreste litigare altrove? Grazie.

    52. cu futti futti diu pirduna a tutti. io vivo al nord ma sono fiero di palermo e dei palermitani,finitela con questa ipocrisia,non siete veri palermitani se giudicate cosi.

    53. zutano se pensi veramente che “futti futti diu pirduna a tutti” allora è meglio che tu sia andato a vivere altrove, uno in meno 🙂

    54. ma finitela rigurdiamo milano a palermo si e rubato sempre e si rubera ancora magari la merce veniva propio da milano godi e fai godere io vivo a milano stavo meglio a palermo che a milano che vedo alcune scene anche razziste che a palermo non esistono ognunu sa difienni u suu uva a 75 centesimi a palermo, banana a 1,90 milano chistu e a a rrubbbari non parliamo d’ altro

    55. vivo in francia da 10 anni di cui 8 a parigi e 2 a nizza, ma sono PALERMITANO ed orgoglioso di esserlo. Il fatto che qui’ le cose vadano meglio e’ un fottutissimo luogo comune, certo il traffico e tranquillo, la citta e piu’ pulita, trovi lavoro facilmente, ecc.. Ma la gentaglia gli stronzi i razzismi ci sono anche nella mitica costa azzurra. Per cortesia non generalizziamo, tutte le volte che vengo a palermo in vacanza mi trovo benissimo, la gente e’ disponibile sorridente aperta, dipende come sempre da che punto di vista guardi le cose. Io personalmente se trovassi un lavoro a palermo non ci penserei 2 volte a tornare, accettando la mia adorata palermo con tutti i suoi presunti difetti che a me sembrano pregi.

    Lascia un commento (policy dei commenti)