sabato 21 ott
  • L’uomo sovraesposto

    Manifestazione per Gaza

    La Palestina è territorio di guerra, lì muoiono. Normalmente. L’irrilevante occidente manifesta il proprio disagio del non morire e l’incapacità d’essere potente. Una manifestazione in una città non vuol dir molto, ma chi vuol farlo partecipa in questa occasione il suo dolore. Ognuno lo fa a modo suo.

    Palermo 10 gennaio, ore 18 e 30, questa manifestazione inneggiava all’odio per la guerra che, comunque, è sempre una forma d’odio. Allah aqbar, Allah aqbar, ripetuto, reiterato, cantato, urlato. C’erano bandiere, poche di pace. Il corteo ha fatto un percorso pacifico, però, girando attorno alla Palermo dei soldi, dei saldi, dei salti in centro.

    Chi ha manifestato, lì, si è esposto, era presente, io ero presente, ero lì tra gli altri, in silenzio, per ascoltare il disagio di essere irrilevante. Poi c’era un altro me, quello che osservava, mi osservava, passare senza parlare. Stava in piedi, incorniciato da un’architettura di Carpintieri in via Ruggero Settimo. Sconcertato e indifferente.

    Palermo
  • 31 commenti a “L’uomo sovraesposto”

    1. Io c’ero… ed ero dietro una delle TRE bandiere della PACE (le uniche che, secondo il senso pubblicizzato della manifestazione, avrebbero dovuto esserci, secondo me!)… e cercavo di non perdermi…
      .
      Ho fatto anch’io la partecipante e… l’osservatrice … e da quello che osservavo, e sentivo, mi veniva sinceramente, di non partecipare più… di uscire dal corteo!
      .
      E allora mi aggrappavo sempre più tenacemente a quella bandiera della pace, toccandola, cercando di non perdere il contatto, in modo che fosse ben visibile IO da che parte stavo, perché IO in quel momento mi esponevo e, sinceramente, mi sono preoccupata venendomi il dubbio di contribuire a sostenere una causa che non era quella per cui ero scesa in piazza!!!
      .
      Ma dico io: perché inneggiare all’intifada e alla vittoria della Palestina (benché al momento soccombente e sicuramente più bisognosa di appoggio e sostegno… ero lì per quello)?
      .
      Perché toni così violenti, parole così pesanti?…
      .
      La PACE passa anche dai toni e dalle parole… non solo dal silenzio delle armi! (la guerra fredda era tale per il silenzio delle armi ma non dei toni! Ed era una GUERRA!!!)
      .
      Non mi va di fare l’elenco delle sigle e delle bandiere presenti…
      Registro solo che mi sono infastidita e dispiaciuta… Forse in un corteo è normale che ci siano anime diverse (non sono una habituée dei cortei, questo forse sarà stato il terzo di tutta la mia vita…) e ognuno esprima così il suo pensiero (anche non perfettamente aderendo alle premesse della manifestazione)… Forse…
      .
      Peccato
      .
      Linda

    2. Io volevo scrivere la stessa cosa di Linda.
      Io c’ero pure ed ero contento di esserci: ma l’intifada no, non si puo’ inneggiare alla violenza ed alla morte, e’ cieco e stolto.

      E gli ingenui che inneggiavano all’intifada erano gli studentelli, gli intellettuali (o quelli che ci si sentono), quelli che vogliono cambiare il mondo ora e subito…che poi il mondo lo cambiano dai salotti bene, mica l’intifada la vanno a fare loro…

      Ancora il pacifismo si deve radicare in molte menti che pensano di essere dalla parte giusta.

    3. Sempre al solito! Protestate soltanto per i conflitti “pubblicizzati”! Siete sempre gli stessi! Uscite le vostre bandiere solo se gli USA intervengono o se c’è da inneggiare alla memoria delle povere vittime (ed io sono il primo a criticare gli uni e gli altri!). Urlate la vostra rabbia contro Israele assassino! I morti causati da chi ha ricominciato (giusto o sbagliato) a lanciare missili non contano…le centiania di ragazzi dell’esercito non contano! Le centinaia di innocenti morti ad una fermata del bus ammazzati da un esaltato imbottito di tritolo e bulloni (per aumentare il raggio d’azione e dilaniare chi non resta ammazzato nell’esplosione!
      Sventolate le vostre bandiere della pace a fianco di quelle del paese di turno ed a quelle, troppo spesso e troppo volentieri, rosse con falce e martello!! Ed in mezzo a voi ci saranno stati di sicuro i più scaltri di tutti! Quelli con la kefiah che urlano ” 1, 10, 100, 1000 Nassiriya!” e che hanno il padre con la 911 e la casa in via libertà…
      Urlate il nome di Allah senza sapere DAVVAERO cosa voglia dire essere musulmani (e chi può saperlo se non lo è dentro)…
      Ed intanto l’altro giorno in Shri Lanka, sotto una pioggia di bombe ed insieme ad altri innocenti è morta una ragazza di 20 anni…INNOCENTE! Era la nipote del ragazzo che lavora a casa mia! L’unico motivo per cui so questo è perchè ha chiesto un giorno di permesso per potersi riunire con la sua famiglia per pregare (e mi sento una m@#da a non saperne nulla…non crediate)
      I TG? Mezza notizia dopo le varie “crisi economiche,”palestinesi ed israeliani”, “maltempo”, “russia che minaccia di lasciare al freddo mezzo mondo” e “Beckham fa shopping a Milano”!
      I pacifisti? Strano…non hanno manifestato per l’ennesime vittime di un conflitto che dura da TANTI anni! Ne per le altre CENTINAIA di conflitti che ogni anno mietono vittime come manco il colera!
      Sono convinto che se domani gli Stati Uniti decidessero di intervenire a favore dell’una o dell’altra fazione in lotta VOI tuti uscireste a far casino! In Shri Lanka come in qulsiasi parte del mondo!

      Sono davvero triste, scocciato e parecchio deluso!

    4. Beny, io ero lì. In silenzio, magari, esterrefatto da quello che dici tu, curioso ma presente. Ero presente per me, forse, o solo perché non potevo starmene a casa a rovinarmi la serata pensandoci su. Certo, non è molto. Certo, non ci sono manifestazioni contro la guerra e contro oghni guerra ogni volta che muore una persona. Certo, non si fermano le guerre con le manifestazioni. Ma non è molto meglio farsi frullare il cervello da quello che propinano i media. Per cui ero lì, perché la manifestazione era quella lì.

    5. @Domenico: quattro precisazioni:
      1- in Shri Lanka (come in tanti altri conflitti dimenticati) non è morta UNA persona…forse ne sono morto più che in Israele e Palestina.
      2- anche io a sentire certi cori vi avrei guardato con sdegno…
      3- PER ME non si va ad una manifestazione perchè “non potevo rovinarmi la serata pensandoci”…è come andare a messa bestemmiando perchè ti sei dovuto alzare la domenica mattina…megghio c’un ci vai!
      4- Io L’ho con i media, con tutti quelli che parlano solo per partito preso contro gli “americani capitalisti e signori della guerra”, quelli che urlano con le vittime innocenti, quelli che urlano contro i soldati italiani uccisi da un vile attentatore in nome di una “giustizia dettata da Dio in persona” (il corano NON prevede la guerra santa…è un’interpretazione di alcuni pazzi fondamentalisti), quelli con la kefiah e la Porsche, i benpensanti (quelli VERI), i pacifisti che manifestano solo se una guerra viene trattata al TG1, con quelli che hanno messo le bandiere della pace ai balconi SOLO quando scoppiò “Enduring Freedom” e si dicevano INDIGNATI “da una guerra in cui si invade uno stato sovrano” (per carità mica dico che han fatto bene) e non sapevano che in centro Africa sgozzano ‘na poco di picciriddi ogni giorno…potrei continuare…

      Facciano manifestazioni CONTRO la guerra (per quanto possano servire…)! Buttino fuori a calci nel culo i dementi con la bandiera del Che, con la falce e martello o con il fascio littorio! Facciano le persone serie!

    6. Che brutta cosa il lavaggio del cervello.
      Che brutta cosa nutrire la mente con le balle di Emilio Fede.
      Ad allargare gli orizzonti scopriresti che i razzi di hamas hanno fatto finora 3 (tre) morti, e tutti dopo l’inizio dell’invasione israeliana; non prima.
      Scopriresti che Tzahal sta usando il fosforo bianco, arma vietata dalla convenzione di Ginevra (fonte: New York Times).
      Ma soprattutto, che tristezza, sciacallare su 900 morti per reietare la tua polemichetta politica

    7. @marco: se la tua risposta era per me: se leggi tra le righe io NON appoggio in ALCUN modo Israele e la sua politica!
      ps: chi è Emilio Fede? Ah già…il giullare dello “psiconano”

    8. Le cose sono sempre più complicate di quello che spereremmo. Poi però si arriva alle scelte, come ad esempio andare ad una manifestazione oppure no, quindi sostenere Hamas oppure no. Tra Hamas e Israele, scelgo Israele senza il minimo dubbio.

    9. Ragazzi ma stiamo scherzando? Israele non si merita di avere la sua patria? Gli israeliani sono semplicemente meravigliosi, sono sempre stati perseguitati dalla notte dei tempi. Ora dopo l’olocausto il mondo gli aveva dato una patria. Non hanno diritto di vivere in pace?
      La guerra a me fa schifo perchè fa uscire il peggio dagli uomini e bisogna trvare una soluzione. L’unica soluzione è la pace: i palestinesi devono accettare Israele e dividersi insieme la terra: alla fine credo che insieme riusciranno a superare questa merda di guerra e a vivere sviluppandosi insieme.
      Israele significa Kafka, Marx, Freud, Canetti,Einstein, Bob Dylan, Mordekai Richler, W. Allen, i due Roth etc etce etc.
      Israele siamo noi.
      BVasta con l’integralismo islamico e l’antiamericanismo!
      Ora il Presidente degli USA si chiama Obama!
      Vogliamo smetterla di non vedere la verità?
      Io sto contro la guerra ma non accetto la logica di Hamas: basta. Che il popolo arabo metta da parte l’odio contro gli ebrei e apra la mente al dialogo per uno sviluppo comune.

    10. @ baldassarre
      gli israeliani sono semplicemente meravigliosi???
      Ma ci hai mai avuto a che fare?
      a prescindere dal discorso guerra, la maggior parte di loro sono presuntuosi, maleducati, irrispettosi, convinti che tutto gli sia dovuto, con questa mania di persecuzione che li fa diventare aggressivissimi, incapaci di riconoscere le ragioni dell’altro, e mi fermo qui.
      Credimi, che io li conosco bene i “poveri israeliani”.
      Ma poi che c’entra la sfilza di nomi? Germania significa Thomas Mann, Beethoven, Richard Wagner, Gunther Grass, Lutero, Fritz Lang, Willie Brandt ecc..ecc…eppure il nazismo è esistito,
      Isreale sarai tu!
      Ripeto: a prescindere dalla tragedia di questi giorni.

    11. sì, israele sono io.
      Infatti la Germania non è affatto Hitler ma Thomas Mann e compagnia buona.
      Quindi gli israeliani in blocco evidentemente e si capisce parlando degli israeliani non potevi che parlare in blocco, sarebbero maleducati, irrispettosi, tirchi, incapaci di riconoscere le ragioni dell’altro….
      E allora come mai hanno fondato il monoteismo e hanno prodotto sempre il meglio della cultura nel mondo?
      certo certo saranno maledetti sionisti massoni e una piovra in espansione nel mondo!
      Li eliminiamo?
      Ah già dici che sono vittimisti quindi non si può dire più che esiste il razzismo nei loro confronti.
      Anzi forse non è mai esistito vero?
      Sai che ti dico?
      Ne fino alla nausea della vostra incapacità e della vostra malafade.
      Ma forse preferisci gridare Allah Akbar e dieci mille cento Nassyria insieme agli integralisti e ai fondamentalisti, vai va pure amico. Io preferisco leggere Phi. Roth che inneggiare ad un Allah vendicativo e filoterroristi come pensano che sia i fondamentalisti

    12. Ragazzi!!! PER FAVORE!!!
      Si sta parlando di GUERRA e di MORTI!
      Non si può fare scadere la discussione ad uno squallido, oltreché vergognoso, scontro tra pro e contro palestinesi/israeliani che siano!!!
      .
      MA SIETE MATTI???
      .
      Vi richiamo al senso della ragione! Voi, noi che abbiamo la fortuna di mangiare, dormire e vivere senza la preoccupazione di un cecchino o di una bomba che ti arriva da una parte qualsiasi del mondo!
      Voi, noi che piangiamo i nostri morti di morte naturale, che i nostri figli pianfgono perchè non gli hai comprato l’ultimo giocattolo MATTEL e non perché non hanno da mangiare o da vestire o per la morte (SOTTO GLI OCCHI DI BIMBI DI 3 ANNI!!!) dei loro genitori!
      .
      SIAMO MATTI???
      .
      Mettiamo da parte ogni forma di divisione e pensiamo a costruirla la PACE … a partire dai toni e dalle parole per favore!
      Grazie
      Linda

    13. @ baldassarre
      evidentemente non sono riusciuto a spiegarmi.
      ho scritto due volte: a prescindere dalla tragedia di questi giorni. Ma tu continui a propormi la contrapposizione Israeliani Vs Terroristi.
      Non parlavo di questo,
      Come dalle mie parole tu possa aver dedotto che io vado in piazza a gridare 10, 100, 1000 nassirya è un bel mistero.
      Rispondi alla mia domanda: ci hai mai avuto a che fare, con gli israeliani? O tutte le tue conoscenze si limitano
      alla televisione?
      Ogni tanto sarebbe bene alzarsi dal divano ed andare per il mondo! Così….tanto per saperne parlare…

    14. Devo dire che mi sento abbastanza “skifiata”. Pensate all’emergenza umana prima di tutto!!!
      E sinceramente non posso stare nè seduta a vedere la Tv nè a leggere un giornale “guidato” preferisco comunque scendere in piazza e dire che fino a quando quei bastardi bruceranno con il fosforo la gente palestinese nè io nè il signor obama nè la signora regina elisabetta ci potremmo dire di appartenere ad un mondo civile.

    15. linda sono daccordo con te al cento per cento. Sono addolorato e triste per questa infinita tragedia.
      A rino che mi chiede : “Ma ci hai avuto direttamente a che fare con gli israeliani?”
      rispondo:
      Caro Rino a uno come te che mi pone la questione se ci ho avuto a che fare con GLI ISRAELIANI così in blocco come se fossero tutti identici non ho niente che rispondere. Solo che sei razzista, perchè gli israeliani non sono un blocco identico solo i razzisti generalizzano in questo modo.
      Auguri. Spero che crescerai

    16. anche la tua frase da cui è partita la nostra polemica che tu stai facendo trascendere (io non ti ho mai insultato, tu mi hai dato del razzista e del filoterrorista) mi sembra una generalizzazione:”Gli israeliani sono semplicemente meravigliosi”.
      Tutti meravigliosi, in blocco.
      Io, nel mio primo post scrivevo:”la maggior parte di loro sono presuntuosi, maleducati..ecc.ecc..”.
      La maggior parte, ho scritto!
      Vedi di crescere tu e impara a discutere con argomenti, non per sentito dire.
      Fine del dialogo, con chi insulta gratuitamente

    17. sì, io al contrario tutto se generalizzo preferisco farlo mettendo in evidenza il meglio e quando dico che gli israeliani sono meravigliosi intendo dire che sono un grande popolo dalla notte dei tempi: hanno cambiato il mondo con il monoteismo, ci hanno lasciato l’antico testamento e il secolo scorso senza l’apporto degli israeliani, dal punto di vista scientifico e culturale sarebbe ben più povero ( ripeto: Canetti, Freud, Bloom, Marx, Freud, Allen, P. Roth, J. Roth, Dylan, Kafka,Richler, Einstein… etc etc etc).
      inoltre c’è che sono stati sempre perseguitati.
      E quindi dopo l’olocausto si meritavano una patria e hanno il diritto di difendersi.
      Tra Hamas e Israele scelgo Israele.
      I Palestinesi sono un popolo che ha sofferto troppo, un popolo che ha il diritto finalmente di estirpare l’integralismo e di ripartire dalla pace con gli ebrei per un futuro diverso.
      Ma da questo orecchio tu non sembri sentire bene, vero?
      Come dicei? Ah sì, che hai viaggiato e conosci gli ebrei e che la MAGGIOR PARTE di loro sono arroganti…
      ti cito:

      “(…)la maggior parte di loro sono presuntuosi, maleducati, irrispettosi, convinti che tutto gli sia dovuto, con questa mania di persecuzione che li fa diventare aggressivissimi, incapaci di riconoscere le ragioni dell’altro, e mi fermo qui.
      Credimi, che io li conosco bene i “poveri israeliani”.”
      E non sei razzista?
      Vatti a fare una passeggiata, pivellino

    18. Io continuo a parlare degli Israeliani in generale, tu insisti a parlarmi della guerra.
      Più io evito di entrare nel merito della guerra,visto che si tratta di un dramma enorme che nessuno al mondo è capace di risolvere, più tu continui a tirare in ballo Hamas e compagnia bella.
      Poi fai una gran confusione tra ebrei, israeliani, sionisti, ecc…
      Se studiassi e t’informassi un pò scopriresti che fra gli Israeliani esiste una ampia percentuale di Arabo-Isrealiani che non sono affato ebrei, ci sono quelli arrivati dall’ex Unione sovietica che con gli ebrei non hanno quasi niente da spartire , tant’è che vengono emarginati
      E poi continui a insultare.
      ti faccio presente che il “pivellino” in questione ha più di 40 anni e se te lo trovassi di fronte ci penseresti 18 volte prima di aprire bocca, altro che insulti gratuiti.
      come dice Siino, tutti bravi i vigliacchetti, nascosti dietro una tastiera.
      Se mi fai sapere dove trovarti, me la vengo a fare con piacere una passeggiata!

    19. Baldassare e Rino vi invito a moderare i toni. Grazie.

    20. Mi scuso con Rosalio e gli altri utenti.
      Non era affatto mia intenzione arrivare a tanto.
      Ma non si può porgere l’altra guancia all’infinito.

    21. mi scuso con Rosalio e non risponderò più a una testa calda come questo anonimo Riino che mi minaccia addirittura di ritorsioni. Questo forum è una prova di eventuali problemi che l’anonimo testa calda potrebbe generare. Una prova preziosa.
      Passo e chiudo

    22. errata corrige: Rino e non Riino.

    23. post scriptum : certo se studiassi di più arriverei forse alle tue conclusioni e cioè:
      ti ricito, per la gioia dei lettori:

      “(…)la maggior parte di loro sono presuntuosi, maleducati, irrispettosi, convinti che tutto gli sia dovuto, con questa mania di persecuzione che li fa diventare aggressivissimi, incapaci di riconoscere le ragioni dell’altro, e mi fermo qui.
      Credimi, che io li conosco bene i “poveri israeliani”.”

      ciao a tutti del blog non interverrò mai più in questo blog fino a che si lascerà spazio a approcci antiebraici di tristissimo tenore come questi.
      Quando finirà il razzismo contro il grande popolo ebraico?

    24. @Nika: mi auguro che gli “ebrei bastardi” smettano di bruciare la gente con il fosforo bianco ma mi auuro anche e che i “palestinesi bastardi” smettano di nascondere i missili nelle moschee, negli ospedali e di lanciarli direttamentedai centri abitati con il solo fine di innalzare le “casualties” dei bombardamenti…tanto a loro, quelli di hamas a cui voi tanto inneggiate come paladini del giusto, fanno la loro guerra…i bambini morti gli fanno pure comodo così la gente inorridisce (giustamente)!! Hai sentito l’intervista ad una MADRE palestinese che hanno mandato in TV? Piangendo ha detto “io non so niente della guerra…ho soltanto paura per me e per i miei figli! Hamas ci ha portato in una guerra che non volevamo!!”
      Continuate a manifestare SOLTANTO contro gli Ebrei bastardi che bruciano la gente con il fosforo (atto che comunque va giudicato come deprecabile, vigliacco, e senza dignità)!!
      Credimi…sono il primo a non sostenere Israele, la sua politica ed a criticare quella sorta di “vittimismo del popolo eletto”…ma dire che loro sono bastardi e che Hamas è la povera vittima innocente…beh…questo è inaccettabile!

    25. “Just one more personal word on the question of partition. I should much rather see reasonable agreement with the Arabs on the basis of living together in peace than the creation of a Jewish state. Apart from practical consideration, my awareness of the essential nature of Judaism resists the idea of a Jewish state with borders, an army, and a measure of temporal power no matter how modest. I am afraid of the inner damage Judaism will sustain – especially from the development of a narrow nationalism within our own ranks, against which we have already had to fight strongly, even without a Jewish state. We are no longer the Jews of the Maccabee period. A return to a nation in the political sense of the world would be equivalent to turning away from the spiritualization of our community which we owe to the genius of the prophets.”
      Albert Einstein

      fonte
      http://www.newdemocracyworld.org/Einstein.htm

    26. “La pace sulla terra non sarà una conseguenza della logica. Perché tutti hanno ragione. Tutti hanno torto. Il gruppo di gente allineata sul lato sinistro della strada punta il dito contro la gente del lato destro e dice “Loro hanno torto”.
      Il gruppo di gente sul lato destro della strada, punta il dito contro quelli a sinistra e dice “Loro hanno torto”.
      E sapete cosa? Hanno ragione entrambi.
      La pace sulla terra non sarà prodotta dalla logica, perchè se fosse così, sarebbe già in atto. Cosa non abbiamo provato?
      Non abbiamo ancora provato la compassione. Compassione per la mia esistenza. Compassione per la vostra esistenza. Compassione per ogni essere umano. Non logica, compassione.”
      Prem Rawat in Israele

    27. @pepè: hai dimenticato un pezzo del discorso di Einstein. E’ quello dopo i puntini: “I am afraid of the inner damage Judaism will sustain—especially from the development of a narrow nationalism within our own ranks, against which we have already had to fight strongly, even without a Jewish state. … . If external necessity should after all compel us to assume this burden, let us bear it with tact and patience”

      Su wikipedia alla voce Einstein c’è il link.

    28. @Beny ha scritto il 14 Gennaio 2009 alle 08:45
      Grazie per aver inventato 50% del mio intervento.

    29. @nika: figurati…io ho inventato (che poi…inventato…non ho detto nulla che non sia reale) il 50% mentre il restante 50%, quello che hai scritto tu, era drammaticamente detto sul serio!!!
      Per parafrasarti aggiungerò che finchè i “bastardi” di Hamas useranno i civili come scudi umani, violeranno le tregue e dichiareranno che lo stato di Israele non ha diritto di esistere e finchè in Italia (e nel resto del mondo) bande di esaltati intellettualoidi inneggeranno alla guerra contro gli Ebrei “bastardi” (sempre parole tue) dicendosi schierati con il “popolo Palestinese” (che poi popolo Palestinese ed Hamas sono due cose DISTINTE e separate) ne io, ne la regina Elisabbetta, ne Obama ne Domineiddio potremo dirci di vivere in un mondo civile!!
      Complimenti per la tua posizione dunque!

    30. c’è un genocidio in corso di cui nessuno parla.
      quello che sta avvenendo nello sri lanka. i tamil massacrati dai cingalesi, con il silenzio del mondo. e perchè’ perchè bush ha deciso che “comunisti tamil” sono dei terroristi. e così ogni giorno muoiono a migliaia, con armi non regolari, con bombe a grappolo sganciate nel nostro silenzio.
      a palermo abbiamo una comunità tamil di 5000 persone circa, tutti integrati, lavoratori, messi in regola, civilissimi e promotori della loro cultura e delle loro tradizioni. eppure sfiliamo per gaza. ovvio, ogni tragedia è una tragedia, ma io chiedo allora di non dimenticare, di non essere preda solo dei bombardamenti mediatici, oltre che di quelli reali.
      stiamo organizzando con la comunità tamil una grossa manifestazione a roma, sosteniamo anche loro, con le bandiere della pace però…e non della guerra..

    Lascia un commento (policy dei commenti)