17°C
giovedì 29 ott

Archivio del 24 Gennaio 2007

  • Catania-Palermo verso lo spostamento

    Umberto Scapagnini, sindaco di Catania ha richiesto al ministro degli Interni Giuliano Amato lo spostamento del derby CataniaPalermo in calendario il 4 febbraio allo stadio “Angelo Massimino”. I festeggiamenti che si svolgeranno quel giorno in onore di S. Agata, patrona di Catania, potrebbero essere causa di problemi di ordine pubblico qualora si svolgesse in contemporanea anche la partita.

    AGGIORNAMENTO: la partita è stata anticipata al 2 febbraio alle ore 15:00.

    Palermo
  • Spigolature delle elezioni comunali 3

    Le primarie del centrosinistra continuano a essere “avvelenate”, con Giusto Catania che fa dichiarazioni tipo «Leoluca Orlando e Alessandra Siragusa non sono in grado di rappresentare un cambiamento profondo né una rottura con il sistema di potere che in questi anni si è impadronito della città. […] La città è mortificata per responsabilità della destra e per incapacità del centrosinistra di fare opposizione. (n.d.R: ma lui non era all’opposizione??) Anzi, il centrosinistra, troppo spesso, ha scelto il consociativismo, tacendo sulle vergognose pratiche clientelari e sulle mistificazioni elettoralistiche. Davanti a due candidature uguali per storia politica, per percorso e per approccio alle questioni cruciali della città i palermitani sceglieranno l’alternativa» e Alessandra Siragusa che promette di far diventare lo Zen come Disneyland e fa dichiarazioni tipo «La campagna per le primarie dell’Unione si è aperta ufficialmente da tre giorni e, nonostante la mia richiesta di un confronto con gli altri candidati e con la città per parlare di programmi, non si fa altro che discutere di sinistra dura e pura, di alternativa profonda o soft, di vecchio e nuovo, stigmatizzando incontri esclusivamente di carattere conoscitivo e istituzionale». Alleati serpenti.

    Nel frattempo la questione dei manifesti “cool” sbarca a Le iene con Alessandro Sortino Giulio Golia che ci prende un po’ per il culo per la campagna affissionistica e intervista, dopo abbondanti “vasa vasa”, un Cammarata sorridente come sempre. Buona visione del sindaco più cool d’Italia.

    Palermo
  • “Aria…! Cu sì?” al Metropolitan

    Oggi e domani alle 21:15 andrà in scena al Metropolitan (viale Strasburgo, 358) Aria…! Cu sì?, spettacolo teatrale di Lollo Franco, con Luigi Maria Burruano e Tony Sperandeo. Il debutto è slittato di un giorno per esigenze tecniche.

    La storia vede due uomini, due voci in una, due linguaggi diversi ma univoci allo stesso tempo con il coraggio di interrogarsi; non più egocentrici personaggi in preda agli eventi, ma gli eventi occasione di cambiamento e novità spirituale quasi in una accettazione di crescita e respiro. I protagonisti sono due anime, due vite, due o una sola, a raccontare in una versione lirico-poetica, e con un’ironica lent;e d’ingrandimento, la mancanza di ”aria” che segue e persegue ciascuno di noi. Possono essere due compagni di sventura, due amici, due barboni, due intellettuali, due disperati dentro una scenografia semplice, quasi a ricordare un bassofondo o una prigione immaginaria, recitando poesie, canti, riflessioni, catturando così violenze subite o spazi di vita rubati. Continua »

    Palermo
  • Meglio quelle con la fibbia

    La moda negli anni cambia. C’è chi sostiene che rimanga sempre la stessa, chi, per fare il filosofo, dice che sono solo “corsi e ricorsi storici” ma comunque è innegabile che i negozi di scarpe non siano più “semplici” luoghi in cui è possibile acquistare qualcosa per camminare. No. Adesso sono dei templi, delle camere asettiche di un bianco accecante, con banchi trasparenti, sofà comodi su cui sprofondare più con la voglia di schiacciare un pisolino che di provare gli stivali nuovi e tappeti a pelo lungo dai colori improbabili sui quali, provare tacchi a spillo vertiginosi o scarpe dalla suola in puro cuoio, è più pericoloso che fare la discesa di monte Pellegrino con la vespa in folle. Ma la moda impone questo, rendere tutto unico, esclusivo, ambito e per questo complesso da conseguire. Palermo è piena di negozi del genere, ma prima la filosofia di vendita della calzature era completamente diversa. Continua »

    Palermo
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram