27°C
mercoledì 26 giu

Archivio del 21 Dicembre 2007

  • “Cuffarismo”, tensione tra Micciché e Cuffaro

    Alcune dichiarazioni di ieri del presidente dell’Ars Gianfranco Micciché non sono state gradite dal presidente della Regione Salvatore Cuffaro.

    Micciché, intervenuto ieri alla presentazione del libro di Antonello Caporale Gli impuniti, ha detto: «Cuffaro vive in un sistema di tipo clientelare, lo dice lui stesso. Si rende conto che è vittima del “cuffarismo”, insomma rimane imbrigliato lo stesso Cuffaro nella rete del “cuffarismo”. Questo è un sistema che va abbattuto», aggiungendo che «il vero cancro della Regione Siciliana è più di ogni altro la strafottenza».

    Cuffaro ha replicato oggi: «Sono molto amareggiato per le cose dette da Micciché. Sono dichiarazioni incomprensibili sul piano personale e politico e sono parole che non mi aspettavo».

    AGGIORNAMENTO: Micciché ha precisato che «forse la frase gli [a Cuffaro n.d.R.] è stata riportata male. […] La colpa, lo ribadisco, non è di Cuffaro ma di un metodo che è stato chiamato “cuffarismo” e che esiste da 50 anni, in cui anche lui è imbrigliato e che non consente di governare i processi di sistema. Se Cuffaro vivesse in Val d’Aosta, probabilmente governerebbe in maniera diversa. È un metodo che va abbattuto. […] Probabilmente sarebbe necessario consentire una sola candidatura alla carica di presidente, il che permetterebbe di governare liberi dalle pressioni dei singoli. Se fossi Cuffaro mi amareggerei piuttosto perché un sistema che viene considerato sbagliato porta il mio nome. Ma la colpa è del metodo, non dell’uomo».

    Sicilia
  • Il sindaco parla del 2008 di Palermo

    Ieri pomeriggio si è svolto il tradizionale incontro tra il sindaco e i mezzi di informazione per gli auguri.

    Cammarata ha parlato dell’anno che arriva: «Il 2008 sarà un anno importante per la città, sarà il momento delle grandi sfide. […] Ci troviamo – ha detto il sindaco – al confine tra la fine di un ciclo e l’inizio di uno nuovo. Negli anni del primo mandato abbiamo programmato e iniziato a realizzare alcune opere e alcuni interventi, adesso è il momento delle grandi sfide. Proprio per questo motivo, con spirito positivo e propositivo, ho aperto un tavolo di confronto con i sindacati, i commercianti, gli industriali per arrivare a siglare un patto per lo sviluppo della città: con sindacati, commercianti e industriali stiamo ragionando per capire qual è il percorso di cui la città ha bisogno per crescere. Assieme si può fare molto. […] Si apriranno i cantieri del passante e dell’anello ferroviario. Speriamo anche di ottenere la parte rimanente del finanziamento per la metropolitana leggera in modo da mandare in gara il primo stralcio in project financing. Sarà, insomma, una vera svolta per la città anche per la contestuale concretizzazione del piano di sviluppo».

    Continua »

    Palermo
  • PentaDramma

    Noi Musicisti «SIAMO FATTI DI CARNE, OSSA E CARTILAGINE» (Totò)
    LETTERA A UN AMICO MUSICISTA

    Ho scoperto che abbiamo avuto un amore in comune. Mi sento meno solo!
    Ci stavo appizzando la testa sai? Forse anche tu hai corso il rischio….
    Una voce che mi ricorda un Leslie*, un viso angelico, un fisico possente ma sanguigno…ha capito di chi parlo no?
    Per me la cosa è finita abbastanza di recente per motivi vari (come le compilation di natale “artisti vari”) ma non ti nascondo che da qualche parte del mio ipotalamo ancora qualche tizzone di brace è addumato.
    Io m’innamoro anche dell’amore, e più la realtà è diversa dal mio ideale più mi c’incaponisco. Quando un artista s’ innamora di un’altro artista sembra che tutto debba essere più semplice….maimaria! Hai la vaga sensazione che puoi conquistarla non solo col fisico, con le parole, con gli sguardi, ma anche con la musica…rimaimaria! Continua »

    Ospiti
  • Om al Nuovo Montevergini

    Gli Om suoneranno stasera dalle ore 22:00 al Nuovo Montevergini (piazza Montevergini) per Il cielo sopra… Suoni e parole del Sud. Il compositore Marco Betta ha elaborato degli arrangiamenti per quintetto d’archi che, sovrapponendosi alla struttura armonica dei brani, ne arricchiscono le melodie.

    Sul palco ci saranno anche il sassofonista Gaetano Costa, la danzatrice e coreografa Silvia Giuffré e il cantante Antonio Mazza.

    Palermo
  • Ugo Attardi al Loggiato San Bartolomeo

    Inaugura oggi alle 19:30 al Loggiato San Bartolomeo (corso Vittorio Emanuele, 25) la mostra dedicata all’artista di origine genovese Ugo Attardi, vissuto per oltre vent’anni a Palermo. Attarddi, scomparso due anni fa, era pittore, incisore, scultore, scrittore.

    La mostra rimarrà visitabile fino al 10 febbraio 2008 dal martedì al sabato dalle 16:30 alle 19:30; la domenica dalle 10:00 alle 13:00. La mostra rimarrà aperta anche il 26 dicembre, l’1 e il 6 gennaio, dalle 10:0 alle 13:00 e resterà chiusa il 25 e il 31 dicembre. Ingresso libero.

    Palermo
  • Si celebrano i 60 anni del Cus

    Oggi alla cittadella sportiva (via Altofonte, 80/f) si aprono le celebrazioni per il sessantesimo anniversario del Centro universitario sportivo. Verranno presentati un libro curato da Mario Pintagro (design di Michele Giuliano) e un video curato da Dario Sciabbica.

    Neò 1947 un gruppo di dinamici studenti di Giurisprudenza e Medicina guidò la fondazione del Cus. L’attività sportiva per le poche migliaia di iscritti all’Università venne svolta attraverso convenzioni con palestre e centri sportivi. A metà degli anni ‘60 venne costruita la palestra San Saverio. Nelle scuderie cussine hanno militato alcuni tra i più grandi campioni dell’atletica: da Luigi Zarcone a Margherita Gargano, da Totò Antibo, ai gemelli Selvaggio. Dall’84 il Cus è sempre presente alle Olimpiadi con almeno un atleta. Nell’87 Palermo ha ospitato i campionati italiani universitari e nel ’97 le Universiadi, per cui venne realizzata la cittadella sportiva.

    Cus Palermo - 1947-2007

    Palermo
  • Due statue di De Chirico alla GAM

    Verranno presentate oggi alle 10:30 presso la sala conferenze della Galleria d’Arte Moderna (piazza Sant’Anna, terzo piano) due sculture (il gesso Ettore e Andromaca e il bronzo Oreste e Pilade) di Giorgio de Chirico donate alla Città di Palermo da Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona. A febbraio si svolgerà la mostra La Metafisica continua su De Chirico.

    Palermo
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram