20°C
giovedì 23 mag

Archivio del 23 Marzo 2009

  • Sette condannati per l’ATR 72 precipitato a Capo Gallo

    Il processo per l’incidente dell’ATR 72 Tuninter precipitato in mare al largo di Capo Gallo il 6 agosto 2005 (morirono 16 persone e ci furono 23 feriti) si è concluso con sette condanne e pene per 62 anni di carcere.

    Ecco il dettaglio: Moncef Zouari (direttore generale Tuninter) e Zoueir Chetouane (direttore tecnico) nove anni; Chafik Gharby (comandante) e Alì Kebaier (primo ufficiale) dieci anni; Nebil Chaed (meccanico) e Zouehir Siala (responsabile del reparto manutenzione) e Rhouma Bel Haj (responsabile della squadra manutenzione) otto anni. Sono stati assolti Fouad Rouissi (caposquadra del reparto manutenzione) e Lofti Ben Jemia.

    Palermo
  • Immaginate

    Ieri ho visto cose che voi palermitani potete solo immaginare.

    Immaginate un parcheggio enorme, libero dalla mafia dei parcheggiatori abusivi, un euro per lasciare la macchina tutto il giorno ed un euro per lasciarla tutta la notte, ovviamente con tanto di ticket.

    Immaginate una navetta che, senza sosta e gratuitamente, accompagna gli automobilisti che posteggiano al “Talete”, così si chiama il parcheggio, dallo stesso al centro della città. Gli autisti sono in due e si danno di continuo il cambio, cosicché il mezzo non debba mai fermarsi.

    Immaginate un centro storico completamente ristrutturato, liberato dalle automobili. Immaginate zone a traffico limitato veramente funzionanti, telecamere ai varchi che puniscono i trasgressori (ne ho fatto le spese già due anni or sono). Immaginate gli ingressi delle piazze principali protetti da dissuasori cilindrici a scomparsa.

    Immaginate strade decisamente pulite, senza cartacce, bottiglie o lattine di sorta. Immaginate i cassonetti puliti, liberi dai rifiuti. Immaginate una squadra dell’azienda d’igiene urbana a lavoro nel pieno pomeriggio di una domenica ventosa. Tutti all’opera, non soltanto uno, mentre gli altri fumano, commentando i risultati della giornata calcistica. Continua »

    Palermo
  • Fini cita Borsellino come esempio al congresso che scioglie An

    Volevo dire che mi ha emozionato la citazione che il presidente della Camera Gianfranco Fini ha riservato ieri, nel suo intervento conclusivo al congresso che scioglie Alleanza Nazionale, a Paolo Borsellino.

    Paolo Borsellino

    Fini ha detto: «Paolo Borsellino è un esempio da seguire non perché in gioventù sia stato militante del Fuan, ma perché ha sacrificato la sua vita in nome del dovere».

    Ecco: sacrificare la propria vita in nome del dovere. Di questa etica del dovere mi sembra ci sia bisogno come della pioggia nel deserto oggi in Italia.

    Palermo
  • I nuovi pali dell’illuminazione della Favorita sono pericolosi

    Pali alla Favorita

    In questi ultimi mesi avevo visto nascere, con un certo piacere, la nuova illuminazione della Favorita. Fantastico, avevo pensato, visto che percorrendola ogni giorno avevo notato quanto fosse diventata buia. Anche la scelta di metterli a destra mi era piaciuta (la velocità di percorrenza sulla corsia destra è sempre minore e a sinistra si sorpassa, manovra potenzialmente pericolosa). Ottimo, finalmente una cosa positiva in questo parco sempre più abbandonato. Ma poteva andare tutto liscio? Ovviamente no… Continua »

    Palermo
  • Amenità sanitarie

    Questa storia si svolge su un pianeta in una galassia lontana nello spazio e nel tempo. Anche gli abitanti di quel pianeta soffrono di malattie cardiovascolari e vanno in ospedale. Anche in quel pianeta il sistema sanitario è stato aziendalizzato e deve produrre. La produttività è analizzata da un nucleo di valutazione aziendale esterno (il cui presidente è un medico).
    In quel pianeta il Nucleo di valutazione ha valutato un reparto di Cardiologia. La valutazione viene fatta paragonando alcuni indicatori nell’anno analizzato rispetto all’anno precedente. Poiché un indicatore è stato considerato non raggiunto (sinonimo di non incrementato) la conclusione del Nucleo di valutazione è stata che quel reparto non ha raggiunto gli obiettivi programmati.
    Abbiamo avuto la possibilità di analizzare i dati che riportiamo in tabella:

      ANNO PRECEDENTE ANNO VALUTATO
    Pazienti dimessi 1057 1174
    Degenza media 7.71 7.36
    Indice occupazionale 103.33% 94.31%
    Posti letto disponibili 23 27

    Continua »

    Ospiti
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram