domenica 21 ott
  • 63 commenti a “Dove passate la notte di Ferragosto e Ferragosto?”

    1. A CASA!
      DOMANI SPERO AL VILLINO DAI MIEI… SE NON MI SCIARRIO PRIMA COL MIO ZITO!!!!! 🙂

    2. tixi (troppo forte)come tutti del resto IO INVE DI NON SCIARRIARMI CON MIO MARITO
      Ciao buon ferragosto

    3. Io invece sarò in spiaggia ad accendere i falò avendo cura di lasciare i tizzoni ben caldi per i bagnanti di domenica mattina e stando bene attento a lasciare le bottiglie di birra, magari rompendone qualcuna lasciando i cocci bene in vista, i piatti di plastica, le bottiglie di plastica, i mozziconi di sigaretta e quant’altro possa testimoniare il mio bivacco in spiaggia stasera. Mi sentirò molto cool!!

    4. io se non mi sciarrio cu me cugnata,
      saro’ al billino con: le cognate, i cugini, gli zii, la famighia
      … nkia depression !!!

    5. spero a ballare alle Terrazze dei Candelai a Sferracavallo,che inaugura stasera come disco….

    6. a Roma e il 15 agosto in servizio 🙁

    7. stasera penso a casa (finirono i tempi dei falò alcolici in spiaggia…non son più cccciovane), domani mattina gita in gommone allo Zingaro/San Vito con la mia lei! Abbiamo invitato un’altra coppia di amici che ci ahnno detto “beeeehhhh…dipende da quello che facciamo il 14 notte”…la risposta fu “se ci amate ci seguite”

    8. in gommone nella riserva marina dello Zingaro … e bravi… così si rispetta l’ambiente !
      Come quelli che arrivano numerosi in gommone a barcarello quasi a toccare gli scogli.
      Ma qualche volta vengo a mare con la balestra e poi vediamo.
      🙂

    9. La notte ancora non lo so…ma domani sicuramente prima a cucinare e poi a lavare i piatti….ho ospiti a pranzo e mi tocca!
      E vabbè domenica mare…a Menfi penso..chissà che bordello al ritorno! 🙁

    10. @antonella:
      a- la riserva dello zingaro è pattugliata da 5 gommoni della C.P. i quali, se oltrepassi le boe di delimitazione, ti fanno un verbale a levapilu (e non sono molto cortesi del tipo “si sposti”… ti abbordano e scrivono!!
      b- la riserva dello zingaro propriamente detta è terrestre e non marina…le aree marine protette sono inaccessibili pena quello che ho scritto sopra (e credimi che li ho visti abbordare e scrivere)
      c- il mio motore rispetta le più rigide normative sull’inquinamento marino (al contrario di quelli della C.P. che in taluni casi sono vecchi 2 tempi che piscioano olio ch emanco una petroliera)…quindi sono tranquillo!
      d- hai perfettamente ragione, il mare è pieno di incivili che fanno il porco che vogliono senza il minimo rispetto nel per l’ambiente ne per gli altri esseri umani…io non sono tra questi…
      ps: per certuni, tipo “la compagnia delle minchie” con il gommone di 12 metri con la musica tipo cocoricò di riccione in mezzo al golfo di mondello, potresti prestarmi la tua balestra?
      e- a barcarello ci sono le boe…se butti l’ancora nella riserva dovrebbero farti nuovo…se poi non lo fanno non è certo colpa di chi rispetta le regole!

    11. Io mi ”arrosto” sotto il sole di cefalù 🙂

    12. io tanto per cambiare sarò qui a Malaga, dove inizia la feria… tanto per farvi capire: stasera giorchi d’artificio, concerto con kate ryan e due gruppi spagnoli, concerti per i prossimi 7 giorni e centinaia di “casette” con musica, birra, e vini vari…

    13. ma cos’è ferragosto ?

    14. … mi rispondo da solo …
      Il Ferragosto è una festività tipicamente italiana, assente negli altri paesi europei, che cade il 15 agosto. Tradizionalmente dedicata alle gite fuori porta, è spesso caratterizzata da lauti pranzi al sacco e, data la calura stagionale, da rinfrescanti bagni in acque marine, fluviali o lacustri. Molto diffuso anche l’esodo verso le località montane o collinari, in cerca di refrigerio. ( fonte wikipedia )
      A dire il vero mi sono limitato a leggere la prima riga della descrizione riportata su wikipedia per capire che la cosa non mi interessava 😉

    15. stasera a cena al Charleston con amici e poi da li vediamo i fuochi. Domani tutto il giorno a cazzeggiare a casa (abito a Mondello), al massimo mi (ri)lavo la moto, o la macchina….

      @luca:ferragosto è soprattutto una festa religiosa che andrebbe onorata con una Santa Messa..(per chi crede ovviamente)

    16. Speaker alla solita storica festa in spiaggia al Sirenetta beach a Isola delle Femmine. 🙂

    17. Ferragosto in Versilia per me!

    18. laura allora ti seguo…

    19. Idee…ideee… si cercano ideeeeee!!!bandite le discoteche. Si accettano inviti (astenersi maniaci):)

    20. Stasera Marina Yachting Club di Bodrum
      Domani in caicco.

    21. Per il 29° anno lo farò in Sardegna…quì mangiano tutta la notte del 14, dappertutto.
      Ma io lavoro, che me ne frega…

    22. Stasera casa, domani Tre Fontane, lido Gazebo, ombrellone 32

    23. A lavorare, turno di notte…e mi va bene cosi…

    24. @NonSo: io il turno di notte me lo sono scapolato ma alla fine x i turnisti un giorno vale l’altro.

    25. Mia moglie è partita (fra l’altro pure il cane si portò…)…Ferragosto lo dedicherò a me (una buona lettura, una buona colazione con mio fratello o un amico) e ai miei genitori (non stanno bene e un sorriso e un po’ di compagnia se li meritano comunque…!)…Buon relax!!!

    26. ieri i fuochi d’artificio più cessi dela storia mondellana……si avvertiva il senso della povertà….

    27. azz…anche a capaci giochi d’artificio tristissimi…

    28. scusate me i fuochi d’artificio sono il 15 agosto a mondello non il 14… :O l’anno scorso ricordo perfettamente di averli visti il 15 notte e tra l’altro partivano da qualche club privato accanto al “barettU”
      aspetto conferme altrimenti stasera sto a casa 😛

      p.s.: io il mio ferragosto me lo sono passato alla baia dei sette emiri..una tristezza infinita con gente bivaccata ovunque già ubriaca alle 23 e musica a palla sino alle 5 (ora in cui me ne sono andato perchè non ne potevo più…) da non augurare neanche la mio peggior nemico…

    29. i fuochi rammento che sono questa sera, sparati direttamente dal Lauria…

    30. Io ero a rubare nelle case di tutti voi che eravate ai villini… no, scherzo. A Londra, come al solito, dove per spiegargli cos’è ferragosto deve ricorrere a wikipedia.

    31. Oggi mare e poi i fuochi da Monte Pellegrino….

    32. fuori dal mondo…
      qualcuno di voi ha mai sentito l’applauso che si leva dal golfo di mondello alla fine della masculiata???
      i giochi SONO STATI stasera…
      gnurant…

    33. si, ho visto i giochi ieri sera da casa mia………decisamente migliori di quelli del 14…..

    34. @Nicola: spiegaglielo così “August and September it’s beginning of winter” (austu riustu è capo r’invernu)

    35. @ alex
      I fuochi sono anche la notte del 14. L’anno scorso li ho visti, quest’anno hanno fatto pena.

    36. Nel mio paesello è stata istituita una TASK FORCE di forze dell’ordine per multare chiunque si avvicinasse con della legna alle spiagge, che in compenso si sono trasformate in una depandance del cimitero nonostante il comune (ricordiamoci che è appena uscito da un doppio commissariamento, non commentabile ulteriormente) avesse promesso concerti e animazioni per rallegrare i giovani (che senza falò sicuramente non avrebbero bevuto nè sporcato niente, secondo la loro bacata mente) la notte di ferragosto…

      http://i31.tinypic.com/2ppliyo.jpg
      http://i28.tinypic.com/qn2oas.jpg
      http://i31.tinypic.com/unh1v.jpg
      http://i28.tinypic.com/208zdr7.jpg

      Alcuni ragazzi (associazione ZEP – ZeroEuro Production), dopo essersi vista bocciata la proposta di organizzare cento braceri controllati che sarebbero stati ripuliti per bene nella mattinata gratuitamente, con l’aiuto dello scenografo palermitano Ottavio Anania, hanno organizzato invece un falò artificiale, inoltre hanno indetto una petizione di controprotesta contro la “pericolosa” cera della processione che ci sarà a breve nel nostro ipocritamente cattolicissimo paese…

      http://barberafabio.spaces.live.com/blog/cns!A3B5DFE268B24FF4!1147.entry?wa=wsignin1.0&sa=120172880

    37. I falò si sono sempre fatti, tutti riuniti intorno a cantare , a guardare la notte….il mare… che bello, due amici una chitarra e uno spinello, una ragazza bella che ci sta, e tutto il resto che importanza ha ….. perchè vietarli ???

    38. I falò in spiaggia non si possono fare, la mattina dopo i bagnanti devo evitare tizzoni ancora accesi, o peggio sotterrati malamente. Per non parlare di bottiglie e schifezze varie abbandonate sull’arenile.
      Ma vi pare civiltà questa ? Cosi ri fuoddri….

    39. Ma poi parla di spinello come se fosse normale…forse a’ so casa.

    40. @Bir Hakeinm: almeno una canna è biodegradabile (e non ha mai ucciso nessuno) a breve termine, a differenza delle bottiglie di vetro o dei bicchieri di plastica in cui i lidi vendevano la birra al doppio del prezzo del normale…

    41. Bir Hakeim Valentina citava una canzone. Valentina ti ricordo che nel codice in Italia vi sono parecchi reati legati alle droghe.

    42. Siamo arrivati al punto di vietare i falò! L’Italia delle proibizioni continua ad imperversare! Il fondamentalismo dei moralisti, dei perbenisti, dei naturisti sta diventando un’ossessione! E’ incredibile come si possa, nel giro di pochi anni, fare passi indietro da gigante sulla tolleranza e sulla libertà… L’ipocrisia del costume in Italia: ci si chiede perchè i giovani tendono sempre di più a non socializzare, a rinchiudersi in casa smanettando su Internet, ad avere difficoltà di comunicazione, ed al tempo stesso, l’unica formula e soluzione per migliorare la vita diventa il diniego e la proibizione!!!! Alla faccia di chi critica il mondo fondamentralista islamico!!! Il fallimento di una società consiste proprio in questo: non riuscire a trovare una soluzione per insegnare il rispetto e l’educazione e trasmetterla ai giovani, per cui, gli unici provvedimenti che si riesce a prendere sono i DIVIETI!!!!! Le famiglie non riescono ad insegnare ai propri figli il senso del limite e del lecito? Ci pensa lo Stato, con leggi assurde e drastiche. Se i ragazzi muoiono sulle strade mica è colpa delle case automobilistiche che costruiscono veicoli in grado di superare di gran lunga le velocità consentite…no! Mica è colpa dei paparini che spendono fior di soldini per comprare il bolide al figlio…no!!! E’ responsabile il tasso alcolemico di 0,5 che si presenta dopo aver bevuto una birra!!!! Ipocriti!!!!! @giuanni capisco che tu abbia a cuore la sorte del tuo prossimo non vedente, la tua bontà d’animo per tutelare la categoria dei ciechi è lodevole: perchè solo un bagnante cieco non vedrebbe i resti del falò sulla spiaggia e ci camminerebbe sopra! Mia madre negli anni 60 aveva più libertà e più possibilità di divertimento che io oggi! Che schifo!!!!

    43. Si, conosco la canzone di Stefao rosso, tuttavia non cambia ciò che penso a tal proposito. Per quanto riguarda il divieto, la TASK FORCE è stata PAGATA, e con gli stessi soldi si sarebbe potuto invece pagare una TASK FORCE di disoccupati per ripulire la spiaggia al mattino, oppure si sarebbe potuto accettare la proposta dei ragazzi della ZEP che avrebbero fatto il lavoro GRATUITAMENTE.

    44. Oggi come allora, anni 60 e 70, si cerca lo sballo.
      Qua non si tratta di rave party, dove veramente si muore di droga, volevo solo ricordare l’atmosfera che
      si crea attorno ad un fuoco, così mi è venuta in mente
      la canzone “disonesta” di Stefano Rosso,
      sihttp://www.youtube.com/watch?v=jdI3uSjKE34 ,che ha accompagnato generazioni di giovani alla ricerca di se stessi; a me dei bigotti e degli ipocriti non me ne importa nulla ,”a me casa ” la droga non è mai entrata,
      oggi tanti che si facevano uno spinello hanno figli e famiglia, persone normali, mentre la cosìdetta società perbene continua a spacciare ipocrisia, alcool e cocaina, amore per il denaro e valori zero.
      Abolite i falò, avrete spento l’ultimo fuoco che scaldava quattro ragazzi.

    45. …ma siete contro l’inquinamento e la salvaguardia dell’ambiente solo quando vi conviene?

    46. Cosa c’entra l’inquinamento e la salvaguardia dell’ambiente con una canna?

    47. il problema è, come al solito, il palermitano medio. Se dei ragazzi, come scrive ilenia, si organizzano e chiedendo di poter fare falò controllati con la promessa di ripulire il tutto prima dell’arrivo dei bagnanti io non ho nulla in contrario! Purtroppo quelli citati da ilenia sono un caso isolato e raro! Il plaermitano medio si comporta come il solito cafone e lascia la spiaggia in condizioni devastanti (lo fa il 1 maggio di giorno figuriamocci il 15 agosto di notte ubriaco come un cencio)! Quindi, in una città come palermo, è, mio malgrado, giusta la politica del divieto!
      @Bir Hakeim: in molti fanno politica ambientale solo quando gli conviene tipo la signora Antonella che all’inizio del post mi accusava di non rispettare l’ambiente perchè volevo andare allo zingaro in gommone (cosa che poi non ho fatto causa malo mare) senza sapere tutto quello che le ho risposto! (io ancora aspetto una replica)

    48. Nulla. Infatti era riferito ai falò.

    49. Io ho trascorso il ferragosto a Porto palo, falò con 40 persone intorno…alle 6 del mattino ci siam messi lì con sacchi, pala e tutto il necessario per pulire il tratto do spiaggia che avevamo occupato,senza lasciare una cicca o un pezzettino di legno.E’ una questione di civiltà!

    50. Cara Nica, hai perfettamente ragione: è tutta questione di civiltà. Tu e i tuoi amici sarete stati anche civilissimi e avrete raccolto tutto, ma tanti altri non l’hanno fatto e giorno 15 la bellissima spiaggia di Porto Palo di Menfi era un vero immondezzaio, con resti di tizzoni, bottiglie di plastica e di vetro, bicchieri sparsi ovunque, anche a mare.

    51. @Antonio, due anni fa a Cala Sinzias, in Sardegna, due bambine vedenti e udenti, ma bambine, hanno messo i piedini in uno strato sottolissimo di sabbia. Sotto c’era ancora carbonella da arrostire un vitello. Son finite al grandi ustionati di non so dove, danni seri alle piante dei piedi e vacanze finite.
      Certo un caso, oltremodo spiacevole ma a fronte di ragazzi e ragazze che dopo il falò lasciano il posto pulito, quanti lasciano tutto com’è e con contorno di cocci di bottiglie ?
      Io non sono un komeinista ma dobbiamo arrivare a fare le vampe di San Giuseppe sulla spiaggia ?
      Sono per la fruizione di tutti del bene comune, come per esempio l’arenile che deve essere accessibile a tutti, fino ai cinque metri dalla battigia. E le regole, così ostili a certi palermitani,ci vogliono, non c’è nulla da fare.
      La partita a pallone nove contro nove, con la spiaggia affollata, non la puoi fare. Le cicche delle sigarette non le puoi seppellire nella sabbia, come non puoi lavare a mare il culetto del bimbo anche se ha nove mesi.E il sacchetto con i rifiuti che hai prodotto, te lo porti dietro e lo metti nel primo cassonetto, non lo abbandoni assieme ad altri all’ingresso della spiaggia.
      Sono sicuro che tu non sei tra questi, ma ho visto friggere melanzane a Guidaloca con il bombolone da 10 Kg, sulla spiaggia a ridosso del muro di contenimento.
      Questo è il mio pensiero. Cordialità.
      Giuanni

    52. Cos’è meglio, spegnere i falò e uccidere le anime, o fare studiare educazione civica nelle scuole,e incoraggiare le persone a raccogliere i resti del bivacco invitando con grossi cartelli a ripulire la
      spiaggia mettendo anche a disposizione grossi contenitori per la spazzatura ? e mandando controlli alle 5,6 del mattino per fare multe a chi lascia sporco…., forse è utopia, ma non possiamo continuare vietando sempre tutto, è una strada sbagliata ;bisogna creare nei giovani un senso di responsabilità,educarli e aiutarli a divertirsi senza danneggiare se stessi e gli altri e per questo ci vuole molto impegno da parte degli “adulti” forse un po’ troppo distratti…
      Piuttosto che spegnere i falò, perchè non si tagliano le mani a quelli che incendiano i boschi per farsi rinnovare un contratto ?

    53. Vale, non si tratta di vietare sempre tutto, il discorso è saper accettare le regole di comportamento civile e di rispetto reciproco. La libertà di accendere un falò, ma anche tante altre cose,non deve condizionare la mia libertà di arrivare la mattina del sedici agosto e trovare dove in genere pianto l’ombrellone oltre al carbone, porcherie di tutti i generi, in questa sede non menzionabili. Io sono un fautore, per Palermo in particolare, di corsi di educazione civica reale dalle scuole primarie alle superiori. Giusto è insegnare di Sumeri e di Babilonesi ma trovo indispensabile fornire una coscienza civica alle nuove generazioni palermitane, che ne hanno davvero bisogno.

    54. Gianni, la pensiamo alla stessa maniera.
      Cosa si può fare per fare inserire corsi di educazione civica reale nelle scuole fin da subito ?

    55. Ad Amburgo, con una 30ina di persone di tutto il mondo, in un fastastico “Aiesec reception weekend” 🙂

    56. La competenza sulle scuole è di Regione Siciliana.
      Una proposta di legge, con l ‘ok da Roma, ed è fatta.
      Due ore settimanali, elementari e medie, una alle superiori.Il tutto associato ad una gigantesca campagna di sensibilizzazione da parte di Vigili Urbani e forze dell’ordine in genere a far rispettare le regole non con repressione multe, all’inizio, ma proprio rieducare i palermitani, dalle precedenze, alle doppie triple file,dalla munnizza buttata a certe ore, la regolarizzazione di ambulanti con quote simboliche di occupazione di suolo pubblico, la rimozione dei passi carrabili abusivi, tipo lasciare libero lo scarrozzo,insomma una rivoluzione copernichiana. Da fare ce ne sarebbe…..

    57. Come ho scritto pocanzi (mi copincollo), alcuni ragazzi (associazione ZEP – ZeroEuro Production), si sono visti bocciare la proposta di organizzare cento braceri controllati che sarebbero stati ripuliti per bene nella mattinata gratuitamente, quindi il problema dei piedini dei bambini vedenti e udenti non si sarebbe posto, ed in ogni caso alla TASK FORCE sono stati PAGATI gli straordinari, e anche i fuochi d’artificio (il mio sindaco è FISSATO coi fuochi d’artificio) sono stati PAGATI, e con gli stessi soldi si sarebbero potuti eventualmente pagare uno straordinario agli operatori che puliscono la spiaggia la mattina.

    58. @giuanni, Valentina ha risposto per me; la cultura del divieto è imperante in Italia…sembra che l’unica soluzione al malcostume sia porre veti…ed in realtà è il sintomo e la manifestazione dell’incapacità di indottrinare… un autentico fallimento per chi si sforza di definire la nostra una civiltà evoluta… gli esempi da te riportati sono l’evidenziazione del problema ma domina anche qui l’ipocrisia del palermitano, che durante la festa di Santa Rosalia distrugge il distruttibile, inquina l’inquinabile, calpesta il calpestabile…e parecchie sono le persone che riportano lesioni durante la processione… nessuno però si sogna di vietare il “festino” e lungi da me tale intenzione, ma suvvia…! Se i nostri figli e nipoti non sanno cosa sia il rispetto verso la “res publica” la colpa è solo nostra!

    59. Non vorrei ripetermi, da ragazzino nella spiaggia libera di Isola delle Femmine, vedevo gli altri ragazzini gettare la carta del ghicciolo sotto la sabbia e mi sembrava naturale farlo…crescendo ci si lamentava della sporcizia della stessa spiaggia..e cominciava a nascere una coscienza non dico ecologica ma quanto meno si cercava di lasciare il posto come l’avevamo trovato.
      Oggi,mia moglie e i miei figli, in spiaggia o in scampagnata, abbiamo il nostro bravo sacchetto dei rifiuti e lo depositiamo al primo cassonetto che incontriamo. In vacanza residenziale a Villasimius , Sardegna, non trovi cassonetti perchè c’è un isola ecologica dove devi conferire la differenziata con le buste di diverso colore. Questo elementare senso civico esiste anche a Cagliari dove vivo, si fa la differenziata, si getta il sacchetto agli orari prestabiliti.Il risultato è che non trovi un sacchetto fuori posto e non trovi carte o cartacce per terra.
      Non trovi i cassonetti come a Palermo con i pezzi di legno per tenerli aperti per la lagnusia di premere il pedale apposito. Non trovi la spada del pesce omonimo gettata nell’indifferenziato, in bella vista con i mosconi blu, come ho visto a Palermo ma il rifiuto speciale lo smaltisci con apposito servizio che l”AMIA” locale fornisce oltre i rifiuti ingombranti che ritirano, su telefonata, a casa tua, entro le 48 ore.
      Non voglio dire che quì è la Svizzera e Palermo è il Burundi, ma quando il contesto funziona è più facile anche educare figli e nipoti.
      Con simpatia

    60. Come si fa una proposta di legge ?
      Chi mi aiuta ?

    61. Valentina devi conoscere, o cercare di conoscere il suo segretario, un consigliere regionale della Regione Siciliana, io li chiamerò sempre consiglieri come prevede la legge nazionale, e proporre la tua idea. Se al consigliere piace, la fa propria e fa elaborare dal suo staff.
      Poi ci sarebbe un iter la raccolta di firme ma è un percorso tortuoso che ti sconsiglio.
      Un serio e onestissimo personaggio politico che mi sento di consigliarti è Fabrizio Ferrandelli, a prescindere dalle personali simpatie politiche e non conoscendo le tue. Prova a contattarlo, ti fai due chiacchere e vedi un po.Questo consiglio, credimi, è davvero disinteressato e al di là degli steccati politici.

    62. Grazie !
      Di nuovo, la pensiamo alla stessa maniera.
      Ci proverò e vi farò sapere………..

    Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.