Profilo e post di

Sito: http://www.gilbi.it/

e-mail: gilbi@gilbi.it

Biografia: Nato l'1 gennaio del 1967, dopo il conseguimento della licenza di pilota privato e la scuola di volo Alitalia ha volato ininterrottamente per 17 anni per la compagnia di bandiera italiana, gli ultimi nove come comandante, per 9500 ore di volo. I suoi hobby sono l'ICT, la fotografia, la musica, il cinema e il motociclismo.

Gilberto Gaudio
  • Atterrare con il vento a Punta Raisi

    Atterrare con il vento non è pericoloso, ci sono da fare però alcune considerazioni. Di per sé il vento non è altro che il movimento dell’aria, lo stesso movimento di cui ha bisogno l’ala dell’aeroplano per generare la forza che lo tiene in volo (portanza), infatti l’aeroplano prendendo velocità non fa altro che creare del vento (flusso d’aria) intorno alla superficie alare. Questo “vento” ha normalmente però velocità e direzioni costanti (direzione del moto dell’aeroplano). Continua »

    Ospiti
  • Punta Raisi, rilevatore di wind shear in “alto mare”

    Il Comune di Isola delle Femmine ha ribadito nei giorni scorsi il suo no all’installazione sul suo territorio di un radar che fa parte di un sistema di avviso del valore di otto milioni per segnalare agli aeromobili in atterraggio e decollo a/da Punta Raisi la presenza del “wind shear”, un fenomeno atmosferico in cui si verifica una variazione improvvisa di vento in intensità e direzione.

    Il radar della discordia si chiama TDWR (Terminal Doppler Weather Radar), la cui ubicazione è/era prevista presso il sito della Marina Militare Italiana (MMI) nei pressi di Isola delle Femmine, ed è uno dei tanti elementi che compongono il progetto del PWDS (Palermo Wind Shear Detecting System) che doveva essere completato entro il 2007.

    Isola delle Femmine (foto di Gilberto Gaudio)

    Gli aeroporti sul mare con particolari conformazioni orografiche sono soggetti frequentemente a questo problema, in Italia i più colpiti sono Palermo, Reggio Calabria e Genova. Il sistema di avviso posizionato a terra lungo i corridoi di decollo e atterraggio consentirebbe ai controllori di volo di avvisare i piloti della presenza del “wind shear” a bassa quota in modo tale da permettere manovre evasive preventive, aumentando notevolmente la sicurezza del volo. Continua »

    Ospiti
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram