16°C
sabato 25 gen

Archivio del 7 Luglio 2010

  • “La mala siritina”

    L’altroieri sera dopo cena, accaldato e annoiato propongo a mia moglie una passeggiata in zona mare, con la speranza di trovare un po di fresco e gustarci un bel gelato. Ci prepariamo, io mia moglie e la piccola Sofia. Sofia è la mia cagnetta, un cucciolo meticcio di quattro mesi imparentato con un pinscher e un volpino. Decidiamo di andare a Sferracavallo, 15 minuti di strada da dove abito io. Arrivo sul posto, trovo immediatamente posteggio (cosa molto rara…), metto il guinzaglio a Sofia e ci avviamo verso la piazza. Già dopo pochi metri ci imbattiamo in due grossi cani randagi, subito prendiamo Sofia in braccio e cambiamo marciapiede, i due cani dall’aspetto “abbuttato” ci lasciano perdere e si rimettono in posizione di estremo relax, cioè “stinnicchiati” per terra. Proseguiamo verso la piazza, Sofia è sempre in braccio a mia moglie, arriviamo in piazza, ci avviciniamo al mare e ci concediamo il meritato relax al fresco. Il relax dura meno di un minuto, perché mia moglie, dopo aver spiegato a Sofia che quella distesa d’acqua era il mare e non una enorme ciotola piena d’acqua da bere, non appena mette Sofia per terra e l’armaluzzo inizia a sgambettare, arriva galoppando un enorme boxer dall’aria malandrina che punta dritto dritto verso di lei. Continua »

    Ospiti
  • Attori e spettatori

    Dietro la rappresentazione di uno spettacolo c’è sempre un grande lavoro. Mesi di prove e di dedizione, impegnano gli attori per un obbiettivo comune quale la rappresentazione, affinché tutto sia perfetto e di gradimento a chi ha pagato il biglietto.
    Dall’altra parte, gli spettatori, passivi assistono alla messa in scena. Applaudono o fischiano, gradiscono o criticano, e poi ognuno torna a casa propria, alla propria vita, dimenticando presto la scena ed il sipario.

    I palermitani sono spettatori.

    Per noi non esiste il concetto né di comunità né di bene comune. Abbiamo pagato il nostro biglietto al momento del voto e successivamente ci limitiamo ad osservare lo spettacolo. Passivamente.
    Applaudiamo poco ed a sproposito, critichiamo sempre e costantemente.
    Ma alla fine torniamo ognuno a casa propria, alla propria vita, dimenticando che quello che vediamo ogni giorno non è uno spettacolo teatrale.

    Ed intanto il dramma è ancora in scena.

    Ospiti
  • Approvato il bilancio comunale

    Il Consiglio comunale di Palermo ha approvato ieri il bilancio 2010.

    Dal 2011 non sarà più rinnovato l’incarico di direttore generale a Gaetano Lo Cicero. Sarà realizzata una holding che raggrupperà le società partecipate e sono previsti tagli all’uso di telefoni cellulari e auto blu. Tre milioni di euro sono stati destinati alle comunità alloggio per disagio psichico, dell’emergenza abitativa e per la ristrutturazione di immobili per i senza casa, per il trasporto dei disabili e per l’assistenza domiciliare agli anziani. Risorse aggiuntive sono state destinate per la ristrutturazione degli asili comunali.

    Palermo
  • Rapporto Osservasalute 2010 su nascite e morti

    Osservasalute

    Il Rapporto Osservasalute aree metropolitane 2010 ha tracciato un profilo relativo a nascite e morti della provincia metropolitana di Palermo.

    L’età media al parto è di 29,9 anni (Palermo è seconda dietro a Napoli e a Catania) contro un valore medio nazionale di 31,1 anni (dato 2005). Il tasso di fecondità totale è pari a 1,505 figli per donna (secondo soltanto a Napoli) contro un tasso medio italiano di 1,311.

    Il tasso di abortività spontanea nel 2004 è stato di 109 per 1000 nati vivi contro una media nazionale di 124,76. La speranza di vita alla nascita è di 77,76 anni per gli uomini e 82,79 anni per le donne (dati 2005) contro valori medi italiani rispettivamente di 78,09 e 83,66 anni. Continua »

    Palermo
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram