martedì 18 set
  • A piazza Bologni il secondo salotto metropolitano del “Festino”

    Inaugurato a piazza Bologni il secondo salotto metropolitano del “Festino”

    È stato inaugurato ieri a piazza Bologni un giardino mediterraneo con cinque quadrati di tappeto erboso ed essenze odorose di lantane, menta, citronella, timo, maggiorana, origano e salvia. Sono presenti cuscini applicati sui sedili realizzati con materiale riciclato dai pallet.

    L’installazione durerà una settimana e vuole aprire il dibattito sulla possibilità di mutare gli scenari urbani, che fa parte del programma Palermo 3000, ovvero la città del futuro.

    Nella piazza faranno capolino tre sculture di Domenico Pellegrino. L’artista della Vucciria, affascinato dalla leggenda del suo quartiere, propone Tulong, il coccodrillo della Vucciria, una scultura che ricorda per forma il mitico coccodrillo di via Argenteria.

    Si svolgeranno concerti ogni sera.

    L’installazione fa parte delle manifestazioni del Festino di Santa Rosalia.

    Oggi alle 21:30 presso l’atrio della Galleria d’Arte Moderna (piazza Sant’Anna) si terrà la conferenza pubblica Del futuro – parole, suoni, immagini del tempo che verrà. Parteciperanno Mario Bajardi Bjm, Alessandro Bazan, Federico Butera, Giacomo Civiletti, Claudia Cusimano, Gene Gnocchi, Roberto Mollica, Candida Morvillo, Pif e Roberto Vacca.

    Programma completo.

    Palermo
  • 10 commenti a “A piazza Bologni il secondo salotto metropolitano del “Festino””

    1. E’ stata un’emozione indescrivibile ammirare tutto questo splendore. Vedere il Sindaco Orlando affacciato da uno dei palazzi che cingono la piazza, ammirare il lavoro fatto…questa è la Palermo vogliamo!
      Anche a me si stringe il cuore se penso che è tutto effimero, però da architetto amo pensare che tutto questo è come uno schizzo su carta, una prova per fare vedere cosa può essere il futuro. E dopo tutto questo entusiasmo sono sicura che le istituzioni non possono aprire nuovamente alle auto queste due bellissime piazze.
      Tuttavia spero che non si parli solo di pedonalizzazione, ma di affidamento degli spazi ai privati (bar, pub, attività commerciali) che in cambio di parte dello spazio pubblico antistante la propria attività, si prendono cura dell’arredo urbano, della pulizia, del verde etc.

    2. La domanda sorge spontanea: anche stavolta e’ stato il sig. Callea a caricare sulle sue possenti spalle piante, erba e divani? Che superuomo! Ma da quanto ho capito, ci son gia’ due salotti: e dove sono soggiorno, cucina e camera da letto (la preferita di mrs. Colorina)? Il bagno e’ facile da trovare: buona parte della citta’ e’ una toilette, ahime’.
      Ah, mrs. Colorina, e’ stato un indimenticabile momento orgasmico vedere il prode paladino al balcone, vero? Le sue parole grondano di eccitazione violenta e incontrollata. Certo che essere a 29 anni un architetto che lavora all’universita’ come lei e’ sintomo di una donna capace e geniale. O raccomandata. No, no, geniale. Forse.

    3. A me sembra,piuttosto, una che cerca sistemazione con l’appoggio (pseudo)politico, se non l’hanno messa nel web a fare propaganda.

    4. David,lei è stancante,amante della polemica inutile,appassionato di lasciare tutto così come è…
      piuttosto che niente meglio piuttosto…

    5. Che bello, finalmente un contestatore! Senta, sig. Stanco di me, le do’ un ottimo consiglio per non stancarsi: non legga i miei commenti. E se vuol proprio star bene, impari invece a memoria quelli edificanti di mrs. Colorina. Ma solo quando prende un caffe’: son troppo dolciastri presi a solo.

    6. @david:
      colorina è libera di esprimere i suoi pensieri, che siano condivisi o meno.Le sue risposte, invece, sono sempre basate su allusioni sessuali che poco o niente hanno a che fare con il soggetto del post.
      Da nemico di Orlando ho trovato che Piazza Bologna e San Domenico siano state delle ottime idee e dare a Cesare quel che è di Cesare non attribuisce al Sindaco più valore di quello che attualmente ha (pochino fino ad oggi)

    7. Beh, sig. Kersal, mrs. Colorina ha piu’ volte detto che ama leggere i miei commenti, quindi se non e’ turbata la nostra lady non vedo a maggior ragione perche’ debba esser turbato lei. Salti pure a pie’ pari i miei commenti, non si preoccupi, me ne faro’ una ragione. E per chiarire, certe manifestazioni del festino io le reputo uno spreco di denaro pubblico, indipendentemenye da chi possa governare la citta’, sia il prode paladino il Dalai Lama o Topo Gigio. Se a lei queste manifestazioni invece piacciono..beh, son fatti suoi.

    8. Vi ricordo che questa non è una chat e vi invito a rimanere in tema. Grazie.

    9. Secondo me david era uno dei posteggiatori di Piazza Bologna…

    10. Ah, sig. Antonio, quando non si e’ in grado di far del buon umorismo e’ meglio star con la bocca chiusa.
      Come disse qualcuno, e’ meglio tacere e lasciare gli altri col dubbio di essere un imbecille, piuttosto che aprir bocca e toglier ogni dubbio. Impari a memoria.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.

A piazza Bologni il secondo salotto metropolitano del "Festino", 5.0 out of 5 based on 1 rating