17°C
mercoledì 28 ott

Archivio del 24 Giugno 2014

  • Perché a Palermo certi comportamenti sono tollerati?

    A proposito dell’annoso problema dei rifiuti di Palermo, ho letto che tanti indicano, fra le cause di questo fenomeno endemico, assieme all’inciviltà di molti cittadini palermitani, la mancanza di controlli e di sanzioni nei confronti di chi sporca la città.
    Che il mancato adempimento di quelli che sono specifici compiti di chi, in una città, svolge determinate funzioni, rientri fra le cause del problema, credo sia un fatto incontrovertibile.
    Non c’è dubbio infatti che responsabile di una situazione negativa non è soltanto chi commette le azioni che la determinano ma anche chi, colpevolmente, consente, con i propri comportamenti, con ciò che fa e ancor di più con ciò che non fa, che quelle azioni vengano compiute impunemente, non sanzionando in misura adeguata gli autori.
    Se un problema (come quello dei rifiuti di Palermo) continua ad essere presente per così tanto tempo è segno evidente dell’incapacità o, peggio, della mancanza di volontà, di affrontarlo adeguatamente da parte di chi è deputato ad amministrare la città (a meno di non volerlo considerare insuperabile, come se si trattasse di un male incurabile, nel qual caso non dovrebbe valere neanche la pena di cercare inesistenti soluzioni). Continua »

    Ospiti
  • A un passo dalla libertà

    Il più grande mandamento mafioso di Palermo, per estensione e concentrazione di attività economiche, è stato nuovamente smantellato e raso al suolo. Nelle settimane e nei mesi scorsi le forze di polizia hanno duramente colpito anche altri importanti mandamenti mafiosi di Palermo e provincia. Cosa Nostra oggi è in ginocchio.

    Il Comitato Addiopizzo sente di ringraziare tutte le istituzioni impegnate in queste grandiose operazioni. Ai Palermitani tutti, adesso, il compito di non vanificare gli sforzi degli agenti di polizia e dei magistrati e riconquistare per sempre la propria libertà e la propria dignità. Continua »

    Ospiti
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram